Sanità

Due nuove ordinanze del sindaco di Sant’Antioco contenenti misure per la prevenzione da Covid-19

Il sindaco di Sant’Antioco, Ignazio Locci, ha firmato due nuove ordinanze sindacali tutte incentrate sulla prevenzione da Covid-19.

«Attenzione e prevenzione: queste sono le due parole d’ordine – spiega il sindaco Ignazio Locci che ci devono accompagnare in questa fase delicata, al fine di bloccare un’eventuale recrudescenza del virus nella nostra città. Abbiamo rimarcato l’obbligo della mascherina, in determinate fasce d’orario (ingresso e uscita), nelle strade in cui sono presenti edifici scolastici e nelle fermate degli autobus, sia urbani che extraurbani.  Ovvero tutte quelle zone in cui possono verificarsi situazioni di assembramento. Inoltre, con un’altra specifica ordinanza, abbiamo anche imposto il divieto di eventi quali dj set, karaoke e ogni altra forma di intrattenimento musicale negli esercizi pubblici.»

All’esterno degli edifici scolastici saranno presenti le forze dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Sant’Antioco, che faranno attività di sensibilizzazione e, nel contempo, segnaleranno al Comando di Polizia Municipale eventuali episodi di trasgressione, che saranno puniti con sanzioni che vanno da 400 a 1.000 euro.

Considerato, infatti, che la riapertura delle scuole, pur rappresentando un positivo segnale per il riavvio delle attività formative e il ricostituirsi dei rapporti sociali, vitali per il sano e sereno sviluppo dei ragazzi, genera inevitabilmente potenziali situazioni di assembramento e rischi per la diffusione del virus, il Comune di Sant’Antioco ha stabilito di rimarcare, con provvedimento, alcuni buoni comportamenti da seguire. Ecco, dunque, l’ordinanza n° 33 con cui si impone l’utilizzo della mascherina nei pressi delle scuole, sia per gli studenti, sia per gli accompagnatori (in determinate fasce di orario meglio esplicitate nel documento) e, sempre con l’intento di evitare assembramenti, la n° 34 con cui si vietano le manifestazioni di intrattenimento musicale in tutto il territorio comunale.

«Non si tratta di grandi limitazioniconclude il sindaco di Sant’Antiocosemplicemente di buone azioni che tutti quanti dobbiamo mettere in campo al fine di evitare che nella nostra città si verifichino episodi di virulenza. E sulle scuole dobbiamo avere una particolare attenzione. Stiamo attenti, comportiamoci con responsabilità: insieme possiamo tenere lontano il virus.»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply