Industria

E’ stata firmata oggi l’intesa per la Portovesme srl.

Portovesme srl 1 copia
E’ stato firmato oggi  il protocollo d’intesa tra Regione, parti sociali e dirigenti della Portovesme srl.
«La Portovesme srl può tornare ad affrontare la sfida della competitività con tutti gli strumenti necessari che attengono ai temi del lavoro, dell’ambiente e dei servizi industriali e infrastrutture» ha sottolineato il presidente della Regione, Ugo Cappellacci. 
L’accordo recepisce i contenuti dell’intesa raggiunta il 7 gennaio in base alla quale il Presidente aveva promosso ede organizzato incontri tecnici e operativi con l’impresa per individuare possibili soluzioni e le priorità per rilanciare sul mercato l’azienda e salvaguardare le professionalità e i livelli occupativi.
Queste le soluzioni individuate:
– per la realizzazione dell’8° argine della discarica esistente è in corso la procedure congiunta AIA-VIA per la quale il 23 gennaio l’assessorato della Difesa dell’Ambiente ha richiesto alla Portovesme srl alcune integrazioni documentali che saranno fornite nelle prossime settimane. Per quanto riguarda, invece, la realizzazione della nuova discarica, l’azienda attende la risposta della Provincia di Carbonia Iglesias sulla richiesta di idoneità del sito. Completato questo adempimento preliminare, la Regione si è impegnata ad attivare la procedura di VIA non appena riceverà l’istanza aziendale.
– per gli ammortizzatori sociali, il 10 agosto scadrà il periodo di Cassa integrazione straordinaria per ristrutturazione e a quel punto l’azienda chiederà di ricorrere alla Cig in deroga per 5 mesi (dall’11 agosto al 31 dicembre) per un massimo di 100 lavoratori degli stabilimenti di Portovesme e San Gavino. Si ipotizza un ulteriore periodo di Cig in deroga anche per il 2015 e l’assessorato del Lavoro ha confermato che sembrano sussistere le condizioni per ottenerlo. Sui pre-pensionamenti sindacati e Confindustria Sardegna meridionale, supportate dalla Regione, presenteranno istanza congiunta e urgente al ministero del Lavoro per l’applicazione alla Portovesme srl della normativa sui lavori usuranti. Per definire gli aspetti tecnici si chiederà un incontro alla competente direzione generale del ministero del Lavoro, considerate le peculiarità e le criticità del Sulcis Iglesiente, la Regione ritiene vi siano le condizioni perché nell’ambito del Piano Sulcis sia inserito uno specifico documento sulle risorse umane e la loro valorizzazione In questa ottica saranno inserite misure per favorire percorsi di accompagnamento alla pensione per lavoratori over 57 con qualifiche professionali obsolete e con avanzata anzianità contributiva. L’assessorato del Lavoro interverrà con specifiche misure di politiche attive per il lavoro.
Sul fronte dell’Energia la Regione si impegna ad attivare tutte le iniziative e azioni, coinvolgendo il Governo, per individuare strumenti di riduzione dei costi energetici prima della scadenza il 31 dicembre 2015 del regime di super-interrompibilità. Sarà anche richiesto al ministero dello Sviluppo uno strumento normativo che dia prospettive di lungo periodo alle imprese che hanno attuato o intendono attuare importanti investimenti produttivi nella regione. Per le infrastrutture e la qualitè di alcuni servizi erogati dal Consorzio di Bonifica (prioritarie le azioni per ridurre i costi delle forniture idriche) la Regione si è impegnata ad attivare iniziative per rendere competitive le aree industriali migliorando i servizi e promuovendo innovazione e ricerca. Infine, sulla protualità, la Regione ha confermato l’impegno perché alla Portovesme srl-Gruppo Glencore sia affidata una banchina del porto industriale e avvierà tutte le interlocuzioni necessarie pe raggiungere questo obiettivo con l’Autorità marittima statale (Capitaneria di Porto) competente per il rilascio delle concessioni demaniali sulle banchine.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply