Crisi / Industria

Gianluigi Rubiu (Udc): «Dopo le ultime beffe sulle vertenze del Sulcis, si convochi il Consiglio regionale davanti al Quirinale».

Il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale, Gianluigi Rubiu, ha inviato una lettera al presidente della Regione Francesco Pigliaru e al numero uno dell’assemblea di via Roma Gianfranco Ganau, per una convocazione urgente del Consiglio regionale davanti al Quirinale, dopo l’ennesimo stop al riavvio dello stabilimento Eurallumina.

«E’ una nuova mostruosa beffa – denuncia Gianluigi Rubiu -. Uno stop davvero schizofrenico e folle con una valutazione paesaggistica sul sito di stoccaggio imposta dal Ministero dei beni culturali. La preoccupazione è salita tra gli operai perché questo intoppo rischia di minare anni di trattative e interlocuzione tra l’azienda e le istituzioni locali. E’ un atteggiamento illogico davanti alla crisi lavorativa del territorio.»

Da una vertenza all’altra, con la Portovesme Srl esposta a sanzioni salatissime e la vertenza Alcoa ancora in alto mare. «Un provvedimento che sarebbe dovuto – aggiunge Gianluigi Rubiu – alla sentenza della Corte di giustizia europea. E non si comprende che a pagare potrebbero essere i lavoratori, ormai privi di ogni certezza sul loro futuro. Sono partite le bonifiche, senza creare posti di lavoro per i dipendenti espulsi dai processi produttivi. E’ un vero e proprio dramma senza fine per il Sulcis Iglesiente. Non dobbiamo però lasciare spazio al pessimismo. Non possiamo accettare che si assista ad un omicidio premeditato dell’economia isolana. Occorre una reazione forte contro un governo centralista e patrigno, che nega ogni possibile via di rilancio per il lavoro nell’Isola. Da qui l’appello – conclude Gianluigi Rubiu – per convocare il Consiglio regionale davanti al Quirinale, per far sentire il grido di dolore di una Sardegna ormai allo stremo.»

Comments

comments

Tags: , ,

Leave a Reply