Giornalismo

Il libro “Quelli di via Teulada”, di Daniela Attilini, racconta la nascita del giornalismo televisivo italiano.

Nascono in Sardegna i primi imput del giornalismo televisivo italiano. Un gruppetto di professionisti della Radio crea dal nulla un linguaggio completamente nuovo per parlare all’Italia del boom economico. “Quelli di via Teulada” (Graphofeel) scritto dall’autrice televisiva Daniela Attilini racconta l’evento che cambiò le abitudini degli italiani: la nascita del giornalismo televisivo, attraverso gli occhi di uno dei suoi protagonisti. Gianni Attilini, collaboratore di Radio Cagliari, approda alla Rai assieme a Tito Stagno. Con l’entusiasmo dei pionieri, quando ancora non esistono macchine digitali né repertorio girato, si ricercano in velocità le immagini più adatte e precise per commentare le parole dei giornalisti. Un’ avventura incredibile che narra alcuni degli eventi che hanno segnato la nostra società: dallo sbarco sulla Luna di Tito Stagno, al rapimento di Aldo Moro e le stragi delle Brigate Rosse, passando per i “dietro le quinte” della messa in onda del primo TG e molto altro, descritti con ricchezza di particolari, grande brio, e un pizzico di nostalgia. Con i contributi di Tito Stagno e Angela Buttiglione.

Daniela Attilini, è nata a Roma nel 1970. Autrice televisiva, è stata inviata e curatrice di programmi radiofonici per RadioUno e RadioDue. È tra i responsabili del programma di RaiUno “La vita in diretta”. Tra le sue pubblicazioni: Cuba l’Isola Sospesa (2002), Accendi la TV Sono le otto (2003), Il Ciuccio in Gola (2004), Cotone Nero (2006), Piatto Freddo (2009), La Vendetta Pret a Porter (2009).

Comments

comments

Tags: , , , ,

Leave a Reply