Energia

Anita Pili (assessore dell’Industria): «Oggi è stata definita la modalità di approvvigionamento del Gnl ai depositi costieri».

«Abbiamo fatto un passo avanti importante per la programmazione del futuro energetico della Sardegna, che potrà avere il gas in tempi rapidi e a basso costo. È una tappa fondamentale del percorso che ci avvicina sempre di più a una nuova fase, che vedrà la realizzazione delle grandi infrastrutture legate al metano. Grazie alle proposte presentate dalla Giunta è stato così riconosciuto il diritto dei sardi a pagare l’energia alle stesse tariffe degli abitanti del resto d’Italia, perché le nostre imprese e le nostre comunità non siano più costrette a subire gli svantaggi strutturali che derivano dall’isolamento.»

Lo afferma il presidente della Regione, Christian Solinas, commentando il via libera della Conferenza delle Regioni, alla quale era presente l’assessore regionale dell’Industria, Anita Pili, all’inserimento nel Pniec, il Piano nazionale integrato per l’energia ed il clima, di importanti misure per la Sardegna richieste dagli assessorati dell’Industria e dell’Ambiente.

«È il risultato del lavoro coordinato con le altre Regioni – sottolinea l’assessore Anita Pili – che consente di garantire le condizioni di perequazione tariffaria del gas in linea con il resto d’Italia, tutelando le nostre comunità sia in termini di disponibilità di metano sia dei costi per il suo utilizzo. In particolare è stata definita la modalità di approvvigionamento del Gnl ai depositi costieri grazie a una ‘virtual pipeline’, che prevede il trasporto con le navi gasiere. Sarà successivamente individuato – conclude l’assessore regionale dell’Industria – l’intervento più efficace per il trasporto del Gnl dai rigassificatori costieri ai bacini di distribuzione

 

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply