Musica

Cada Die Teatro organizza a Cagliari la IV edizione del festival TRANSISTOR.

Cada Die Teatro organizza a Cagliari la IV edizione del festival TRANSISTOR. Che verrà ospitato in un luogo simbolico della città, straordinario per la sua importanza storica e artistica, la Basilica di San Saturnino, grazie alla preziosa collaborazione del Polo Museale della Sardegna, e che si avvale anche di quella delle associazioni Malik e Cultarch.

Nuove generazioni – Independent Beat, il sottotitolo di quest’anno; tre giorni di incontri, spettacoli, concerti, installazioni, laboratori, da venerdì 6 a domenica 8 dicembre, con la direzione artistica di Mauro Mou, incentrati sui temi dell’indipendenza, dell’autonomia e della libertà, in cui saranno coinvolti studenti, insegnanti, artisti, musicisti, architetti, creativi, esperti di new media.

Nella scorsa edizione si parlò di memoria ed emozioni: «Quest’anno proveremo a parlare di autonomia e libertà e per farlo cercheremo di allargare i confini della speranza, unico antidoto alla frustrazione, alla depressione e alle possibili dipendenze», spiega Mauro Mou, direttore artistico di Transistor. Un festival che si rivolge soprattutto alle nuove generazioni. E quando si è giovani indipendenza vuol dire anche raggiungere l’autonomia, la libertà.

«I ragazzi, più di tutti, nella delicatissima fase dell’adolescenza, sperimentano il desiderio di essere autonomi/indipendenti – aggiunge Mauro Mou – ma questa ricerca spesso genera nei loro comportamenti delle contraddizioni e l’alternarsi anche di diversi stati d’animo. Al desiderio di indipendenza, alla voglia di mettere in discussione i modelli di riferimento e le regole sempre seguite ed accettate si contrappone una sorta di predisposizione ad annullare la propria personalità.»

«L’idea di Transistor  conclude il direttore artistico – rimane quella di un festival/laboratorio pensato come un’opera, una narrazione trasversale e frammentata. Attraverso punti di vista diversi, anche i più lontani tra loro, costruiremo una rete segnata dalla dimensione della ricerca e della scoperta.»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply