Trasporti

Roberto Li Gioi (M5S): «Air Italy sveli una volta per tutte i suoi piani per le rotte sarde».

«Due soli aerei ed una grandissima incertezza. È questa la riflessione obbligatoria e che merita risposte dopo i gravi episodi di queste ore. Ieri sera, l’aeromobile Air Italy in partenza da Olbia per Roma ha effettuato un atterraggio d’emergenza per la presenza di fumo all’interno della cabina. Dopo un lunghissimo momento di panico i passeggeri diretti a Roma hanno dovuto attendere l’arrivo dell’aeromobile Air Italy che copre la tratta su Milano-Linate per poter ripartire. L’aereo malfunzionante avrebbe dovuto volare anche questa mattina, ma il fumo è ricomparso. Al di là del guasto tecnico, che può capitare, questi episodi ci devono far aprire gli occhi, in quanto palese dimostrazione della situazione di precarietà con cui Air Italy sta gestendo le tratte da e per la Sardegna. Anche oggi è andato in scena lo stesso copione: l’aeromobile coinvolto ha presentato un identico problema e il volo è stato addirittura coperto con il noleggio di un vettore dell’Air Bulgaria. È inconcepibile, vergognoso e preoccupante che Air Italy non disponga di aeromobili di riserva da utilizzare in casi come questi, trovandosi costretta a ricorrere a costosi noleggi quando, ricordiamo, i numeri del bilancio del 2018 hanno evidenziato un deficit che supera i 160 milioni di euro. Adesso Air Italy getti la maschera. È giunto il momento di svelare i piani aziendali e rompere questo silenzio che sta mettendo a rischio il diritto alla mobilità dei sardi e la continuità di oltre 500 posti di lavoro.»

È perentoria la richiesta del consigliere regionale del M5S Roberto Li Gioi, vice presidente della Commissione Trasporti, che ancora una volta interviene in tutela dei lavoratori del Nord Sardegna.

«Abbiamo appreso inoltre – aggiunge Roberto Li Gioi – che i vertici della compagnia ex Meridiana stanno convocando un Consiglio di amministrazione ogni 40 giorni circa, ciò significa che stanno navigando a vista in una situazione di totale confusione e ancora senza che ci sia uno straccio di piano industriale. Questo è il quadro sempre più allarmante in questi mesi già segnati da una continuità territoriale agli sgoccioli in attesa di un nuovo bando. Non solo, sembrerebbe che Air Italy si stia attivando per svolgere l’attività di maintenance nel vecchio hangar della base olbiese, che non rispetta i canoni di sicurezza, pur in presenza di un hangar nuovo immediatamente disponibile. Una scelta incomprensibile che chiediamo venga chiarita.»

«Air Italy, come sappiamo, ha già rinunciato a volare da Alghero per un problema di costi nel periodo in cui l’aeroporto Costa Smeralda sarà chiuso per i lavori di allungamento della pista. Inoltre, di fronte alla proposta di una nuova continuità avanza dalla Regione ha risposto con un silenzio assordante che fa ulteriormente aumentare la preoccupazione. È ora che Air Italy getti la maschera, – conclude Roberto Li Gioi – e al di là dei proclami di marketing ci dica quali sono le sue reali intenzioni, quale l’importanza riservata alla Sardegna e soprattutto quale futuro attende i lavoratori.»

Comments

comments

Leave a Reply