Lavoro

È passata una settimana dalla chiusura dell’Auchan di Santa Gilla, rilevato da Margherita distribuzione (Conad)

È passata una settimana dalla chiusura dell’Auchan di Santa Gilla, l’ipermercato ha tirato giù le serrande dopo circa ventotto anni. Con un grande cartello all’ingresso si sono ringraziati i clienti per la fedeltà dimostrata in tutti questi anni. L’azienda che ha rilevato il gruppo Auchan Italia, Margherita distribuzione, Conad, ha immediatamente iniziato i lavori di ristrutturazione dove sorgerà un’area vendita Conad super store ridotta nello spazio di circa la metà e Decathlon. I lavori, che dovrebbero durare circa un mese, andranno avanti mentre rimarranno aperti tutti gli altri negozi ed il Mac Donald. Come si evince da vari comunicati, lo stato della rete Auchan ha portato a dover prendere questa decisione in seguito ad una grave crisi che si è manifestata in modo significativo negli ultimi tre anni, con perdite accumulate per oltre 800 milioni di euro nel triennio, dovute ad un calo di vendite, a disaffezione crescente della clientela, a mancanza di investimenti e al costo del lavoro e degli affitti degli immobili al di sopra delle medie di sostenibilità.

Conad, si legge in una nota stampa, si impegna, a fronte di tutto questo, a far partire un Piano di solidarietà occupazionale, peraltro già elaborato, che prevede ricollocazioni di tutti i dipendenti, mobilità incentivata, sostegno al reddito/occupazione, salvaguardia del lavoro ed imprenditorialità di ex dipendenti Auchan nel sistema Conad: avviamento alla professione di soci imprenditori. La riapertura è prevista per il 4 aprile, per quella data ci si auspica che tutto possa ripartire nel migliore dei modi e che tutte le famiglie che stanno col fiato sospeso possano ritornare a vivere serenamente, anche se il momento non è certo dei migliori, al contrario complica ulteriormente il quadro di per sé già difficile.

Nadia Pische 

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply