Università

Laura Caddeo (Progressisti): «La mensa universitaria è un diritto»

Il gruppo dei Progressisti protesta e sprona la Giunta regionale e l’Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Cagliari affinché si proceda con l’annullamento e la rettifica di quanto determinato dagli uffici in riferimento all’erogazione di pasti da asporto per gli studenti.
«Il pasto erogato agli studenti dell’Ateneo cagliaritano, composto da pane e salame, va contro ogni principio di sana alimentazione e risulta essere lesivo dei diritti degli studenti e contrario ai principi di buona amministrazione.
Temiamo che con il pretesto delle norme di prevenzione Covid si stia semplicemente attuando una politica di risparmio sulla pelle degli studenti», sottolinea la consigliera regionale del gruppo Progressisti Laura Caddeo.

I Progressisti evidenziano come «tale pasto non tenga in minimo conto le esigenze di tutti gli studenti (intolleranze, allergie o scelte culturali e religiose) impedendo di fatto che una larga fetta di giovani possa mangiare».

In considerazione anche di quelle che definiscono le «cervellotiche metodologie di prenotazione dei pasti», i consiglieri regionali dei Progressisti chiedono «un intervento immediato del presidente della Regione perché tale disservizio venga a cessare immediatamente e si ripristini al più presto un servizio mensa degno di questo nome».

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply