Cultura

Social Empowerment in Digital Theatre: è il titolo del workshop, che si terrà a Cagliari, allo Spazio Osc di via Newton 12, da sabato 2 a lunedì 4 giugno.

Social Empowerment in Digital Theatre: è il titolo del workshop organizzato da KyberTeatro e condotto da Roaa Bzeih, attrice e co-direttrice artistica della compagnia teatrale libanese Minwal Theatre, che si terrà a Cagliari, allo Spazio Osc di via Newton 12, da sabato 2 a lunedì 4 giugno. Il laboratorio – della durata complessiva di 12 ore, con frequenza dalle 16.00 alle 20.00, aperto a un massimo di 20 partecipanti – ha come tematica la consapevolezza sociale, l’attenzione verso le proprie scelte, decisioni e azioni, sia nell’ambito delle relazioni personali sia in quello della vita politica e sociale. Una parte del workshop prevede, in relazione al tema trattato, l’utilizzo di nuove tecnologie interattive che verranno sperimentate dai partecipanti.

Il laboratorio, che si svolge nell’ambito del progetto di residenza artistica tecnologica A.R.T.E Augmented Reality Theater Experience della compagnia KyberTeatro, spin off dell’Aquilone di Viviana, è anche finalizzato alla ricerca di attori, attrici e performer under 35, e non, da inserire nelle produzioni finali del progetto. La residenza A.R.T.E. si è aggiudicata il secondo posto nella graduatoria ufficiale del bando ScrabbleLAB – Residenze artistico-creative in Sardegna – POR FESR 2014-2020, promosso dall’assessorato alla Cultura della Regione Sardegna.
Il progetto è da realizzarsi nell’Isola attraverso la mobilità degli artisti e delle loro opere provenienti da paesi europei (Francia) ed extraeuropei (Libano). Prevede lo scambio creativo digitale con gli artisti sardi, collaborazioni stabili e continuative per nuove produzioni di spettacoli che verranno realizzati durante la residenza e che saranno rappresentati, ultimato il progetto, oltre che in Sardegna anche nei paesi degli artisti ospitati e nei principali festival internazionali di ambito creativo digitale.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply