9 December, 2021
HomePosts Tagged "Francesco Agus" (Page 39)

Francesco AgusGavino Manca

Sono state convocate per domani, martedì 20 maggio, la prima e la seconda commissione del Consiglio regionale.

Il parlamentino dell’Autonomia, presieduto da Francesco Agus, si riunirà alle 15,00 per l’esame della proposta di legge statutaria sull’incompatibilità tra sindaco e consigliere regionale e del progetto di legge n° 18 (Comandi personale dirigenziale extra comparto regionale). Tra gli argomenti all’ordine del giorno, anche la stesura di una risoluzione sulle riforme istituzionali e, sullo stesso argomento, la predisposizione di un calendario di audizioni.

La situazione del personale CSL e CESIL sarà invece al centro della seduta della seconda commissione (Lavoro, cultura e formazione professionale), convocata per le 15,30 dal presidente Gavino Manca.

In programma le audizioni dei sindacati confederali, degli assessori regionali del Lavoro e degli Affari generali e di una delegazione dei lavoratori.

P1050057

Riprendono martedì 13 maggio i lavori delle commissioni permanenti del Consiglio regionale. Questo il calendario delle sedute:

La Prima Commissione (Autonomia e ordinamento regionale) presieduta da Francesco Agus, si riunirà martedì 13 maggio alle 15,00 per esprimere il parere di merito richiesto dalla IV Commissione sul DL11 (Opere pubbliche) che nel pomeriggio di giovedì 15 marzo sarà discusso dal Consiglio regionale. Tra gli argomenti all’ordine del giorno della Commissione “Autonomia” anche la predisposizione di un calendario di audizioni sulle riforme istituzionali ed amministrative; l’elaborazione di una risoluzione per fissare obiettivi e percorso delle riforme; l’interpretazione dell’articolo 22 della Legge Statutaria n.1/2013 in materia di incompatibilità tra la carica di sindaco e quella di consigliere regionale; l’esame del Pl 18(comandi personale dirigenziale extra comparto regionale) e del Pl 1(valutazione delle politiche regionali). I lavori proseguiranno per tutta la giornata di mercoledì 14 maggio e nella mattina di giovedì 15 maggio.

La Seconda Commissione (Lavoro, cultura e formazione professionale), presieduta da Gavino Manca, è convocata per mercoledì 14 maggio alle 15,00 per la programmazione dei lavori e le comunicazioni del presidente in materia di CSL/Cesil e informazione.

La Terza Commissione (Bilancio e Programmazione), presieduta da Franco Sabatini, si riunirà martedì 13 maggio alle 18.00. All’ordine del giorno l’esame del DL9 (Disposizioni urgenti per l’edilizia scolastica e la semplificazione amministrativa), del DL 25 (Copertura oneri della continuità territoriale per le isole minori) P/2 (Patto di stabilità interno 2014) e per la formulazione di alcuni pareri finanziari. I lavori potrebbero proseguire mercoledì 14 maggio alle ore 10,00 con il medesimo ordine del giorno. Giovedì 15 maggio, alle 9,30, è invece prevista l’audizione del Direttore del Centro regionale di Programmazione su Por e Fesr.

La Quarta Commissione (Governo del territorio, ambiente, infrastrutture e mobilità) presieduta da Antonio Solinas, è convocata per mercoledì 14 maggio, alle ore 11,00 per l’audizione dell’assessore regionale dell’Urbanistica Cristiano Erriu. I lavori proseguiranno nel pomeriggio, alle ore 16,00, con l’audizione dell’assessore all’Ambiente Donatella Spano.

La Quinta Commissione (Attività Produttive), presieduta da Luigi Lotto si riunirà martedì 13 maggio alle ore 16,30 per l’audizione dell’assessore regionale della Sanità Luigi Arru sullo stato della lotta alla blue tongue e alla peste suina. All’ordine del giorno della Quinta Commissione anche il PL 3 (Interventi a favore degli allevatori per fronteggiare la lingua blu); il PL 14 (Tutela, conservazione e valorizzazione dell’agrobiodiversità della Sardegna); PL 15 (Promozione e costituzione delle organizzazioni interprofessionali per i prodotti agro-alimentari); PL 16 (Istituzione del marchio collettivo della Regione Sardegna per la tracciabilità e la promozione dei prodotti agroalimentari e di qualità); PL 22( (Conservazione e valorizzazione dei prodotti sardi e dei derivati dalla lavorazione di semole e sfarinati di grano duro); PL 13( Istituzione, individuazione e disciplina dei distretti rurali, dei distretti agro-alimentari di qualità e dei bio distretti). I lavori della Commissione proseguiranno per tutta la giornata di mercoledì 14 maggio e, all’occorrenza, nella mattinata di giovedì 15 maggio con lo stesso ordine del giorno.

La Sesta Commissione (Salute e politiche sociali) presieduta da Raimondo Perra, si riunirà mercoledì 14 maggio alle ore 10.30 per l’audizione dell’assessore alla Sanità Luigi Arru e per la programmazione de lavori.

Cristiano Erriu

L’assessore regionale dxegli Enti Locali, Cristiano Erriu, stringe i tempi sulla legge di riforma delle autonomie locali. Ieri l’esponente della Giunta Pigliaru ha partecipato ai lavori della Commissione “Autonomia” , annunciando che entro sessanta giorni la Giunta regionale presenterà un disegno di legge sul riordino degli Enti Locali. Durante l’audizione, durata oltre due ore, Cristiano Erriu ha illustrato il lavoro svolto dalla Giunta in queste settimane per giungere in tempi rapidi al varo di una riforma organica degli Enti Locali che tenga conto delle novità contenute nel decreto “Del Rio” e del lavoro fatto dal Consiglio nella scorsa legislatura.

«Pensiamo – ha detto Cristiano Erriu – ad un riordino complessivo di Province e Unione dei comuni e alla istituzione della Città Metropolitana di Cagliari».

L’assessore si è soffermato anche sulla confusione amministrativa creatasi dopo l’abolizione delle province.

«Oggi – ha detto – la proposta di legge costituzionale votata dal Consiglio rischia di essere superata dalla riforma Del Rio se il Parlamento non la esamina in tempi rapidi».

Un empasse che rischia di creare grossi problemi soprattutto in relazione al personale delle Province e delle società in house (complessivamente 927 unità).

«Ecco perché – ha affermato Erriu – occorre arrivare al più presto a un testo di riordino degli Enti Locali.»

Sulla necessità di procedere immediatamente alla istituzione della Città Metropolitana ha puntato invece l’attenzione il presidente della Prima Commissione, Francesco Agus (Sel).

«Occorre far presto – ha detto Agus – i tempi sono strettissimi, il rischio è perdere  i 40 milioni di euro stanziati dal Pon per Cagliari. Questa deve essere la priorità – ha aggiunto il presidente della Commissione – senza dimenticare il riordino degli enti locali per il quale, però, è forse necessaria una riflessione più approfondita che permetta di arrivare ad una riforma ampiamente condivisa. Già dalla prossima settimana sarà definito il calendario delle audizioni dei rappresentanti della società sarda sui temi delle riforme.»

P1050051P1050057

Intesa tra Giunta e Consiglio regionale sul percorso da seguire per arrivare alle riforme. E’ emerso stamane dall’audizione dell’assessore regionale agli Affari Generali, Gianmario Demuro, da parte della Prima Commissione del Consiglio regionale presieduta da Francesco Agus (Sel). L’obiettivo è arrivare entro sei mesi ad una proposta unitaria per la riorganizzazione della macchina amministrativa regionale e la riscrittura dello Statuto.

L’assessore Demuro, ha illustrato gli esiti dell’ultima Conferenza Stato-Regioni sulla riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione ribadendo la ferma volontà della Giunta di difendere la specialità della Sardegna e di tutelare le prerogative dello Statuto.

L’esponente dell’esecutivo si è poi soffermato sull’attività portata avanti in queste settimane dal governo regionale per procedere in tempi rapidi alla riorganizzazione della macchina amministrativa.

«Oggi – ha detto l’assessore Demuro – la struttura si basa su due vecchie leggi: la n. 1/77 (Organizzazione amministrativa e competenze Giunta, Presidente e assessorati) e la n. 31/98 (Disciplina del personale degli uffici della Regione). Due norme che hanno necessità di essere riviste anche alla luce dei nuovi compiti in capo all’esecutivo.»

Entro la prossima settimana, ha annunciato Demuro, sarà presentata una proposta “stralcio” per la riorganizzazione delle direzioni generali degli assessorati. Poi si provvederà, ma per far questo occorre intervenire con legge Statutaria, a una riforma organica degli assessorati, oggi imprigionati in uno schema normativo molto rigido.

L’assessore, rispondendo alle domande dei commissari, ha anche sottolineato la necessita di arrivare ad un sistema virtuoso con una distribuzione di funzioni e competenze più chiara tra Regione ed Enti locali.

I lavori della Commissione “Autonomia” proseguiranno nel pomeriggio, alle 17.00, con l’audizione dell’assessore agli Enti Locali, Cristiano Erriu. 

Capre copia

12 consiglieri regionali, primo firmatario Emilio Usula, capogruppo di Soberania e Indipendentzia, hanno presentato una mozione sull’emergenza ambientale da diossina a Portoscuso. La mozione «sulla criticità da inquinamento ambientale e in alcuni allevamenti nell’agro di Portoscuso», presentata questa mattina in Consiglio regionale, chiede di fare chiarezza immediata sull’inquinamento da diossina rilevata nei campioni di latte prelevati in alcuni allevamenti nell’agro di Portoscuso, stabilendo la reale natura ed entità dell’inquinamento, strutturale o occasionale, del territorio di  Portoscuso che si trova nel sito di interesse nazionale (SIN) più vasto d’Italia.

Nella mozione si chiede l’immediato accertamento della reale situazione ambientale  anche a difesa della salute  dei consumatori.

«Non si può contrabbandare la salute del cittadino – ha affermato Usula – in cambio di qualche posto di lavoro. Questa logica è da respingere con fermezza. Senza creare allarmismi sulla qualità dei nostri prodotti, che rimane eccellente, bisogna capire quali siano le cause che hanno determinato i parametri così alti di diossina e accertare eventuali responsabilità.» 

Oltre che da Emilio Usula (Rossomori), la mozione è firmata dai consiglieri Daniele Secondo Cocco (Sel Sardegna), Pietro Cocco (Pd), Fabrizio Anedda (Misto), Alessandro Unali (Misto), Paolo Zedda (Soberania e Indipendentzia), Augusto Cherchi (Soberania e Indipendentzia), Piermario Manca (Soberania e Indipendentzia), Gavino Sale (Misto), Francesco Agus (Sel), Luca Pizzuto (Sel Sardegna) ed Eugenio Lai (Centro Democratico Sardegna).

La mozione impegna la Giunta regionale a promuovere la costituzione, con le autorità locali, l’azienda sanitaria, gli assessorati e gli enti competenti, di un gruppo di lavoro per completare la caratterizzazione della realtà ambientale e sanitaria, impostare un adeguato sistema di controllo e monitoraggio e formulare le proposte relative alla gestione di emergenza e a regime per la gestione del problema.

I firmatari della mozione chiedono anche che si accertino eventuali responsabilità per un eventuale risarcimento dei danni di immagine e di potenzialità produttiva e economica dell’agro di Portoscuso e dell’intero territorio isolano e di stabilire, con urgenza, tutte le possibili misure di ristoro e sostegno economico a favore delle aziende che da tale situazione hanno avuto danno.

Consiglio regionale 1 copia

Settimana di lavoro per le commissioni permanenti del Consiglio regionale. Questo il calendario delle sedute:

La Prima Commissione (Autonomia e ordinamento regionale) presieduta dall’on. Francesco Agus, si riunirà martedì 6 maggio alle 12.00. All’ordine del giorno l’audizione dell’assessore agli Affari generali, Gian Mario Demuro, sul tema delle riforme istituzionali e amministrative. I lavori proseguiranno giovedì 8 maggio.

La Seconda Commissione (Lavoro, cultura e formazione professionale), presieduta dall’on. Gavino Manca, si riunirà mercoledì 7 maggio alle 10.00. In programma le audizioni dell’assessore al lavoro, Virginia Mura (sulle principali problematiche di competenza e sul Fondo Sociale Europeo) e dell’assessore alla Pubblica Istruzione, Claudia Firino (sulle materie di competenza). I lavori della commissione potrebbero proseguire nel pomeriggio.

La Terza Commissione (Bilancio e Programmazione), presieduta dall’on. Franco Sabatini, è convocata per martedì 6 maggio alle 16,00 per l’audizione dell’assessore  regionale alla Programmazione, Raffaele Paci, sullo stato di attuazione del bilancio regionale, sul patto di stabilità interno e sulla programmazione europea. Alle 18.00 è invece in prevista l’audizione dell’assessore al Lavoro, Virginia Mura, sulla programmazione europea. I lavori della Commissione proseguiranno mercoledì 7 maggio alle 10.00 con l’audizione dell’assessore all’Agricoltura, Elisabetta Falchi, sulla programmazione europea.

La Quarta Commissione (Governo del territorio, ambiente, infrastrutture e mobilità) presieduta dall’on. Antonio Solinas, si riunirà mercoledì 7 maggio, alle ore 10.00 per la programmazione dei lavori e l’audizione dell’assessore regionale ai Trasporti, Massimo Deiana, sulle problematiche generali del settore. I lavori della Commissione potrebbero proseguire nel pomeriggio con l’audizione dell’assessore ai Lavori Pubblici, Paolo Maninchedda sul D.L. n. 11 (Norme urgenti in materia di opere pubbliche, dighe di competenza regionale e disposizioni varie).

La Quinta Commissione (Attività produttive), presieduta dall’on. Luigi Lotto è convocata per mercoledì 7 maggio alle ore 11.00 per l’audizione dell’assessore regionale all’Agricoltura, Elisabetta Falchi, sulle azioni di contrasto alla  blue tongue e alla peste suina. Sullo stesso argomento la Commissione sentirà nel pomeriggio, alle 17.00, l’assessore alla Sanità Luigi Arru. Il parlamentino esaminerà, infine, il P.L n.3 (Interventi a favore degli allevatori per fronteggiare la blue tongue).

La Sesta Commissione, presieduta dall’on. Raimondo Perra, si riunirà mercoledì 7 maggio alle ore 10.30 per la programmazione dei lavori.

Francesco Agus

Si insedia domani mattina la nuova Commissione “Autonomia” del Consiglio regionale. L’organismo consiliare è stato convocato dal presidente Francesco Agus per domani, mercoledì 30 aprile, alle ore 11.00, per la programmazione dei lavori.

«Ci sono alcuni argomenti urgenti da affrontare – ha detto Agus – primo fra tutti, l’istituzione della Città Metropolitana di Cagliari per evitare di perdere 40 milioni di euro di finanziamenti europei. La Sardegna è in forte ritardo, mentre la Sicilia ha già legiferato in materia, istituendo le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. Occorre fare presto per scongiurare il rischio che Cagliari, inserita nell’elenco dei beneficiari delle risorse Pon, perda questa importante occasione.»

A breve, ha annunciato il presidente della Commissione “Autonomia”, sarà presentato un apposito disegno di legge per regolare i rapporti tra il capoluogo e gli altri centri dell’Area vasta.  Su  questo tema, ha aggiunto Agus, «sarà necessario il dialogo tra tutte le forze politiche presenti nell’Assemblea sarda e un rapporto di leale collaborazione tra il Consiglio e i primi cittadini dei comuni interessati. Proporrò alla Commissione di sentire in audizione i  sindaci dell’Area metropolitana per ricevere suggerimenti ed eventuali proposte di integrazione al disegno di legge».

Tra gli argomenti urgenti, secondo Agus, anche la riforma della macchina amministrativa regionale. «Sarà compito del Consiglio – ha sottolineato il presidente della Commissione “Autonomia” individuare tempi e modi per procedere alla riscrittura dello Statuto e della Legge 1».

Particolare attenzione sarà riservata, inoltre, al tema della “sburocratizzazione” della Regione.

«Intendiamo riprendere il lavoro fatto nella scorsa legislatura dalla Commissione d’inchiesta sulla mancata applicazione delle leggi regionali – ha detto Agus – e mettere le basi per un grande piano di semplificazione normativa.»

Nelle prossime settimane, infine, la Commissione “Autonomia” affronterà anche la questione delle Province alla luce del decreto governativo firmato dal ministro Del Rio.

«Occorre capire – ha concluso Agus – in che modo la riforma varata dal Consiglio regionale possa armonizzarsi con le leggi statali.»

FotoCommissioni160414 001FotoCommissioni160414 017

Riforma della Regione e Città Metropolitane. Sono le priorità del neo presidente della Commissione “Autonomia e Ordinamento regionale”, Francesco Agus.

Occorre individuare da subito gli strumenti più adatti per procedere ad un efficace restyling della macchina amministrativa regionale, ha detto Agus subito dopo la sua elezione.

«Apprezziamo l’apertura di credito da parte della Giunta e dell’assessore alle Riforme Gianmario Demuro che hanno sollecitato il Consiglio a mettere in campo le proposte per le modifiche dello Statuto, e della Legge n°1.»

Tra le urgenze indicate da Agus, anche la riforma degli Enti Locali, alla luce del decreto “Del Rio”, e l’istituzione delle Città Metropolitane.

«Su quest’ultimo punto occorre fare prestissimo – ha aggiunto il presidente della Commissione “Autonomia” – il rischio è perdere decine di milioni di euro dei fondi PON. La Sicilia ha già legiferato istituendo le città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. La Sardegna, invece, non ha ancora istituito la città metropolitana di Cagliari che figura nell’elenco dei beneficiari delle risorse Pon.»

Da Agus, infine, una sollecitazione a tutto il Consiglio per una difesa della specialità sarda minacciata dalla riforma del Titolo V della Costituzione.

«La Sardegna – ha concluso il presidente della prima Commissione – non può tacere davanti alla deriva accentratrice innescata dal Governo Renzi se vuole difendere le prerogative sancite dallo Statuto.»

 

«Lavoro, istruzione e cultura, sono i temi sui quali la Sardegna scommette per riprendersi il suo futuro». Così il presidente della Seconda commissione, Gavino Manca (Pd), sottolinea la necessità di un impegno straordinario di tutte le forze presenti in Consiglio, per affrontare con determinazione la crisi che colpisce l’Isola e riformare, con una serie di provvedimenti ad hoc, i settori strategici dell’istruzione e del lavoro. «Lavoro e scuola – sottolinea il consigliere del Pd – sono gli argomenti al centro dell’agenda del presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi e sono certo che sapremo offrire il nostro contributo e trovare le ragioni per una positiva collaborazione anche col governo nazionale».

Un “job act sardo” è l’ipotesi a cui lavora l’on.le Gavino Manca che assicura il suo impegno e quello della commissione che presiede anche per la delicata situazione in cui versa l’informazione in Sardegna.

«Le troppe emergenze dell’Isola – conclude l’on.le Manca – non possono più attendere e mi auguro che dal confronto con le forze dell’opposizione e dalla reciproca collaborazione con la Giunta, la commissione che ho l’onore di presiedere e l’intero Consiglio regionale sappiano trarre forza e impegno per offrire a tutti i sardi soluzioni concrete e provvedimenti efficaci, non solo per contrastare la crisi in atto ma per disegnare un futuro di crescita e sviluppo per la Sardegna.»

«Esprimo soddisfazione e gratitudine per l’elezione alla presidenza della Terza commissione – ha detto stamane Franco Sabatini, consigliere regionale del Pd – e auspico un proficuo confronto, incentrato sui bisogni dei sardi, con i colleghi dell’opposizione, a cui rivolgo sentiti auguri di buon lavoro.

Assicuro fin da ora il mio impegno per contribuire ad aprire in Sardegna una grande stagione di profonde riforme che valorizzino e qualifichino, la collaborazione e la partecipazione di tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale.

Tra le priorità della commissione indico i temi noti, cioè quelli relativi alla vertenza entrate e ai limiti di spesa che derivano alla Regione dall’applicazione dei vincoli del patto di stabilità, ma soprattutto evidenzio l’urgenza per tutte quelle situazioni di difficoltà in cui versano i tanti lavoratori sardi privi di sostegno e di ammortizzatori sociali o, peggio, per i troppi lavoratori sardi che lavorano senza che gli sia riconosciuta una regolare retribuzione.»

«Il sistema sanitario si rafforza con una maggiore attenzione per i territori». Ne è convinto il nuovo presidente della Commissione “Salute e Politiche Sociali” del Consiglio regionale, Raimondo Perra.

«C’è la necessità di decentrare – ha detto Perra – per consentire ai cittadini di avere più servizi nei territori di appartenenza e favorire allo stesso tempo la “deospedalizzazione” degli interventi.»

Secondo il presidente della Sesta Commissione è necessario lavorare al contenimento della spesa sanitaria «ma la razionalizzazione dei servizi non deve pesare sui malati e sui dipendenti delle Asl».

Tra le priorità, la soluzione delle emergenze sanitarie animali. «Lingua blu e peste suina stanno penalizzando le aziende agropastorali – ha detto Perra – la Sardegna, deve mettersi al passo con l’Europa. Per far questo serve un piano di eradicazione delle malattie che elimini una volta per tutte il problema». 

«Le speranze di un futuro migliore per la Sardegna passano attraverso il rilancio delle attività produttive». Lo ha detto il nuovo presidente della Quinta Commissione del Consiglio regionale Luigi Lotto. 

«La mia commissione – ha aggiunto – avrà un compito importantissimo in questa legislatura. Mi auguro che diventi il luogo dove costruire e incoraggiare la ripresa dell’agricoltura, dell’artigianato, del turismo, dell’industria e dell’agroalimentare.» 

Secondo il neo presidente, solo le attività produttive e la creazione di nuovi posti di lavoro possono consentire di superare la crisi che sta colpendo duramente la nostra Isola.

«Gli elettori ci hanno affidato un grande compito – ha sottolineato Lotto – sta a noi riuscire a svolgerlo nel migliore dei modi.»

Tra le priorità indicate dal presidente della Quinta Commissione, la soluzione delle emergenze sanitarie animali. Lingua blu e peste suina rappresentano una palla al piede per il settore agricolo, ha sottolineato Lotto.

«Di concerto con la Commissione sanità – ha aggiunto Lotto – lavoreremo per individuare gli strumenti idonei per liberare la Sardegna da questi flagelli e consentire al comparto zootecnico di ripartire.» 

«C’è molto da fare e il nostro impegno sarà rivolto da subito alla soluzione di tre grandi problemi della Sardegna: la legge urbanistica, il sistema idrico e la 131.»

Lo ha dichiarato il nuovo Presidente della IV Commissione Antonio Solinas (Pd) dopo la sua elezione.

«Per quanto riguarda la nuova legge urbanistica – ha precisato – auspico che il Consiglio regionale possa approvarla entro l’anno. E’un obiettivo ambizioso, anche perché presuppone la definizione della nuova pianificazione paesaggistica cui la Giunta sta lavorando con molta determinazione: credo però che sia alla nostra portata.»

Immediatamente dopo, la complessa questione di Abbanoa.

«Dobbiamo sicuramente evitare il fallimento – ha affermato l’on. Solinas – e definire la nuova governance dell’azienda ed il tipo di società più adatta a restituire equilibrio ed efficienza al nostro sistema idrico. Possiamo riflettere, ad esempio, se sia meglio affidarne la gestione ad un consiglio di amministrazione o ad un direttore generale. Certamente i Comuni dovranno avere un ruolo significativo nella nuova compagine societaria.»

Sulla 131, infine, Solinas è molto netto: «Abbiamo una Sardegna tagliata in due e questo è inaccettabile, col traffico quotidianamente bloccato e gli interventi programmati da tempo che non partono. Dobbiamo non solo ridiscutere i rapporti con l’Anas ma anche indicare chiaramente la direzione in cui intendiamo operare: completare al più presto la strada ed eliminare tutti gli incroci a raso».

Consiglio regionale 3 copia

L’on. Francesco Agus (Sel) è stato eletto presidente della Prima Commissione (Autonomia e ordinamento regionale).  La seduta di insediamento è stata presieduta dal Presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau. Vice presidente della Commissione è stato eletto Stefano Tunis (Fi) e i segretari sono Michele Cossa (Riformatori sardi) e Giuseppe Meloni (Pd).

Francesco Agus è nato a Cagliari l’11 febbraio 1983. E’ stato eletto nella circoscrizione di Cagliari con 2.140 preferenze. Laureato in Economia, ex segretario provinciale di Sel, è alla prima legislatura.

La Prima Commissione si occupa delle seguenti materie: autonomia e ordinamento regionale, rapporti con lo Stato, riforma dello Stato, enti locali, organizzazione regionale degli enti e del personale, polizia locale e rurale, partecipazione popolare.

Gavino Manca (Pd) è stato eletto presidente della Seconda Commissione (Lavoro, Cultura e formazione professionale). La seduta di insediamento è stata presieduta dal Presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau. Vice presidente della Commissione è stato eletto Ignazio Locci (Fi) e i segretari sono Stefano Tunis (Fi) e Paolo Zedda (Soberania e Indipendentzia).

Gavino Manca è nato a Sassari il 30 agosto 1970. E’ stato eletto nella circoscrizione di Sassari  con 4.044 preferenze. Ragioniere, svolge la professione di impiegato.
Ex consigliere comunale di Sassari dal 1995 al 2005, è al terzo mandato in Consiglio regionale. Ha fatto parte dell’Ufficio di Presidenza, prima come segretario nella Tredicesima Legislatura, poi come Questore nella Quattordicesima. Nella stessa legislatura ha fatto parte della IV Commissione (Urbanistica)

La Seconda Commissione si occupa della seguenti materie: lavoro, cultura, formazione professionale, istruzione, beni e attività culturali, identità linguistiche e informazione.

L’on. Franco Sabatini (Pd) è stato eletto presidente della Terza Commissione (Programmazione, Bilancio e politiche europee).

La seduta di insediamento è stata presieduta dal presidente del Consiglio regionale, on. Gianfranco Ganau che, al termine dello scrutinio segreto, ha proclamato l’esito della votazione: presenti 14 consiglieri; votanti 14; Franco Sabatini, 8; Paolo Truzzu, 6. Vice presidente della Commissione è stato eletto, dunque, l’on. Paolo Truzzu (FdI-Gruppo Sardegna).

Segretari sono stati eletti i consiglieri Daniele Cocco (Sel) con 7 voti e Christian Solinas (Psd’Az) con 6 voti.

Franco Sabatini è nato a Lotzorai il 13 marzo 1962, E’ stato eletto nella circoscrizione Ogliastra con 3.371 preferenze. Ha conseguito il diploma di tecnico di laboratorio chimico e svolge la professione di tecnico di laboratorio.
Da sempre impegnato nel mondo dell’associazionismo, è stato responsabile regionale dei Giovani di Azione Cattolica.
Nel 1997 è stato eletto consigliere comunale a Lotzorai per poi assumere l’incarico di assessore alle Attività produttive del comune ogliastrino. Nei primi anni 2000 è stato assessore al Turismo della Provincia di Nuoro, nell’esecutivo guidato da Francesco Licheri.
Componente dell’assemblea regionale e membro della direzione del Pd Sardegna, è al suo terzo mandato in Consiglio. Nella quattordicesima legislatura è stato vicepresidente della Terza Commissione “Bilancio e Programmazione”.

La Terza Commissione si occupa delle seguenti materie: programmazione, bilancio, contabilità, credito, finanza e tributi, partecipazioni finanziarie, demanio e patrimonio, politiche europee, rapporti con l’Ue, partecipazione alla formazione degli atti europei, cooperazione internazionale.

 

 

 

dichiarazioni_program_presidente_pigliaru_02042014

«La riforma della Regione è la sfida più difficile che il nuovo governo regionale dovrà affrontare». Lo ha sostenuto l’on. Francesco Agus(Sel) durante il suo intervento in Aula. La Giunta – ha detto – dovra andare per la sua strada senza badare all’“applausometro” ma pensando ai reali interessi dei sardi. Per l’on. Agus la carenza infrastrutturale e il depauperamento del capitale umano sono i due principali fattori di freno allo sviluppo. Impedire la “fuga di cervelli” e dotare l’Isola di servizi moderni rappresentano due  imperativi categorici per guardare con speranza al futuro.

L’esponente di Sel ha inoltre invitato il Consiglio e l’esecutivo a mostrare grande attenzione a quello che sta succedendo a Roma con la riforma del Titolo V della Costituzione che rischia di svuotare di poteri le Regioni a Statuto Speciale.

L’on. Luigi Lotto (Pd) ha sottolineato nel suo intervento l’esigenza da parte della politica di ricostruire il rapporto con la società sarda per raggiungere i grandi obiettivi contenuti nelle dichiarazioni programmatiche della Giunta Pigliaru. Secondo il consigliere del Partito Democratico, il programma della nuova Giunta individua puntualmente tutte le problematiche che dovranno essere affrontate (dall’istruzione alla sostenibilità ambientale, dalla riforma della macchina amministrativa agli interventi per il settore produttivo). L’on. Lotto ha poi rivolto un appunto alla precedente maggioranza di Governo che, secondo l’esponente del PD, ha ignorato i suggerimenti dell’Aula e ha lasciato insolute le grandi emergenze dell’Isola.

«Le dichiarazioni programmatiche del Presidente della Regione si limitano ad enunciazioni di principio senza dare soluzioni per il futuro». Lo ha sostenuto nel corso della discussione generale sul programma della Giunta Pigliaru l’on. Giuseppe Fasolino (Forza Italia). Nel suo programma, ha detto l’on. Fasolino rivolgendosi al presidente Pigliaru, manca un’indicazione forte su alcuni temi essenziali per lo sviluppo (turismo, agroalimentare, green economy). Dall’on. Fasolino un invito alla maggioranza di centrosinistra: «Basta con le critiche alla precedente esperienza di Governo, pensate al futuro. Avete vinto le elezioni ma sembra che non ve ne siate accorti». 

Il programma di governo della Giunta Pigliaru indica un percorso virtuoso per il rilancio del sistema economico e sociale della Sardegna. Ne è convinto il consigliere regionale di Sel, on. Eugenio Lai. Nel suo intervento ha sottolineato gli aspetti positivi indicati dal presidente Pigliaru in tema di istruzione, sanità, gestione dei rifiuti. Importante, secondo l’on. Lai, anche la decisione di avviare un confronto serrato con lo Stato per la revisione del Patto di stabilità. Dall’esponente di Sel anche un suggerimento all’esecutivo Pigliaru: «Più concertazione con i piccolo comuni che rappresentano una risorsa per tutta l’Isola».

L’on. Gianni Tatti (UDC) ha concentrato il suo intervento sulle “dimenticanze” del programma presentato dalla Giunta regionale. Tra queste, in primis, l’assenza di un progetto per la valorizzazione del patrimonio identitario e della cultura della Sardegna. Mancano, ha detto l’on. Tatti, anche indicazioni per il rilancio dell’agricoltura  e della pastorizia. Dall’esponente dell’Udc, infine, un invito alla Giunta Pigliaru perché riveda le sue posizioni sulla Zona Franca, «un’opportunità che deve essere sfruttata».

«E’ il momento di dare risposte forti alle attese dei sardi. Francesco Pigliaru, siamo sicuri, metterà in campo tutte le sue competenze e tutto il suo impegno ma non potrà fare miracoli». L’on. Antonio Solinas (Pd), ha ricordato gli errori della precedente Giunta regionale e ha evidenziato il diverso approccio del nuovo esecutivo nella ricerca di soluzioni per i problemi dell’Isola. L’esponente del Partito Democratico ha sottolineato l’esigenza di intervenire da subito nel settore dell’agricoltura a partire dalla riforma degli enti di gestione con la creazione dell’Agenzia regionale unica.

L’on. Modesto Fenu (Zona Franca) ha sottolineato nel suo intervento l’assenza di proposte concrete nel programma di governo della Giunta Pigliaru. L’on Fenu ha denunciato la “timidezza” dell’esecutivo nell’affrontare il tema dell’autonomia fiscale e la mancanza di soluzioni per garantire alla Sardegna la fiscalità di vantaggio. «La Zona Franca – ha detto l’on. Fenu – rappresenta un’opportunità che la Sardegna non può lasciarsi sfuggire.»

«Il Consiglio regionale deve farsi carico delle sue responsabilità. La qualità dell’azione politica dipende da noi». L’on Piero Comandini (Pd), in apertura del suo intervento, ha invitato l’Aula a costruire un nuovo rapporto con l’esecutivo. «C’è bisogno di un nuovo metodo di confronto – ha detto l’on Comandini – la Giunta ha fornito delle indicazioni, sta a noi seguirle e tradurle in provvedimenti seri ed efficaci per la Sardegna». L’esponente del PD ha sottolineato l’esigenza di costruire un rapporto più saldo con l’Europa. «La deriva “antieuropeista” è pericolosissima – ha detto l’on Comandini – la cooperazione con le altre regioni del Vecchio Continente rappresenta una necessità e la Sardegna se non si vuole perdere il treno della modernizzazione e dello sviluppo». 

L’on Gian Mario Tendas, dopo aver apprezzato la qualità del programma presentato dalla Giunta, ha invitato l’esecutivo a proseguire nella strada tracciata con i primi provvedimenti. La vera emergenza della Sardegna, ha detto l’esponente del Pd, è il lavoro. La disoccupazione cresce, il costo degli ammortizzatori sociali sta diventando insostenibile. Non ci sono soluzioni certe, ha detto l’on Tendas, ma la decisione della Giunta di puntare sul sistema dell’istruzione rappresenta un importante novità. Investire sul capitale umano, ha proseguito il consigliere di maggioranza, è il modo migliore per affrontare la crisi.

L’on Tendas ha inoltre invocato una riforma seria del sistema degli Enti Locali e una nuova politica creditizia per permettere al sistema delle imprese, oggi in forte difficoltà,  di riprendere fiato.