7 May, 2021
Home2019Maggio

[bing_translator]

La neo assessore regionale dell’Industria, Anita Pili, ha incontrato stamane la Rappresentanza Sindacale Unitaria dell’Eurallumina, nello stabilimento di Portovesme.
Alla riunione, che ha visto la partecipazione dei consiglieri regionali Fabio Usai, Michele Ennas e Stefano Tunis, i rappresentanti dei lavoratori hanno esposto lo stato della vertenza ed i passaggi ancora mancanti per giungere alla conclusione definitiva e positiva di un lunghissimo iter per le autorizzazioni in capo alla Regione Sardegna, per quanto riguarda Via e Aia, e l’ emergenza sul fronte energia, con il decreto del governo sulla decarbonizzazione fissata entro il 2025, che farebbe accantonare l’accordo tra Enel ed Eurallumina per il trasferimento dell’energia termica, attraverso vapordotto, per la ripartenza delle produzioni del primo anello della filiera dell’alluminio.
Successivamente l’assessore e la delegazione istituzionale, hanno incontrato congiuntamente la RSU, i dirigenti dell’Azienda, il presidente ing. Vincenzo Rosino, l’amministratore delegato ing. Luca Vincenzi, e il direttore delle risorse umane, dott. Simone Angius. Alla riunione ha partecipato anche il sindaco di Portoscuso, Giorgio Alimonda.

I manager hanno illustrato quanto realizzato nel mantenimento degli impianti dalla loro fermata con le prestazioni d’opera del personale diretto inserito in turni di rotazione e di quello esterno, che vede giornalmente transitare dai cancelli di ingresso circa 130 addetti complessivamente con i servizi e la mensa. Gli investimenti programmati, gli interventi di bonifica già realizzati, in corso d’opera e previsti, le sinergie in attesa di concretizzarsi con il fornitore del vapore, il rispetto di tutti gli accordi sottoscritti, in campo nazionale, regionale, con tutti i vari governi che si sono succeduti, e con le forze sociali ed i lavoratori coinvolti. Gli azionisti della Rusal hanno in tutte le sedi confermato la volontà del riavvio delle produzioni, avendo una forte richiesta per il mercato interno Rusal a partire dal 2021, se in quella data non si fosse pronti, Eurallumina uscirebbe definitivamente dai piani strategici della multinazionale. A frapporsi per il raggiungimento di questo obiettivo, con la piena ripresa produttiva, quella occupazionale comprese le nuove assunzioni per raggiungere i numeri previsti nel piano industriale, il completamento dell’iter autorizzativo, la fermata della centrale Enel senza un’alternativa per l’approvvigionamento del vapore che per assenza in Sardegna di metano e Ggas, non potrà avvenire entro il 2025.
Al termine, l’assessore regionale dell’Industria ha partecipato ad una breve conferenza stampa.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10219474034269444/

                   

[bing_translator] 

«Sarà cercata una soluzione condivisa al progetto di velocizzazione della tratta ferroviaria San Gavino-Sassari Olbia, nel tratto che interessa il comune di Giave che da tempo si oppone alla modifica del trattato ferroviario predisposto da Rfi, relativo alla variante Bonorva-Terralba. E’ arrivata la risposta del ministero delle Infrastrutture all’interrogazione parlamentare che presentai lo scorso gennaio per portare all’attenzione del Governo le difficoltà di carattere ambientale, storico e archeologico, evidenziate dal sindaco del paese, Maria Antonietta Uras, impegnata in un braccio di ferro con Rfi nel tentativo di evitare la modifica dell’attuale tracciato con uno nuovo che passa a poche centinaia di metri da siti nuragici di notevole importanza e valore archeologico.»

Lo scrive, in una nota, Nardo Marino, deputato del Movimento 5 Stelle.

«Nell’interrogazione – aggiunge Nardo Marino – evidenziavo la sproporzione del costo dell’opera, pari a circa 110 milioni di euro, all’effettivo risparmio dei tempi di percorrenza, quantificabile in soli cinque minuti.»

«Ad oggi – si legge nella risposta data in commissione Trasporti dal sottosegretario Michele Dell’Orco – il ministero dell’Ambiente sta procedendo alla valutazione di impatto ambientale e in tale ambito ha richiesto integrazioni alla documentazione progettuale prodotta da RFI.»

Inoltre, le criticità evidenziate dal comune di Giave saranno evidenziate nella Conferenza di servizi, attualmente in corso, a cura del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna.

«Esprimo soddisfazione – conclude Nardo Marino – per l’apertura del Ministero interrogato che manifesta piena disponibilità ad un confronto anche con la Regione e Rfi per individuare una soluzione condivisa.»

[bing_translator]
Due giovani di Carbonia sono finiti sotto indagine, accusati del pestaggio avvenuto nella notte del 9 aprile scorso, in piazza Matteotti a Carbonia. Il video delle violenze, postato dai due aggressori sul social network di messaggistica istantanea whatsapp, ritrae la vittima (classe ‘94) che cerca di proteggersi mentre uno dei due lo colpisce violentemente con un pugno al volto; caduto a terra, i due continuano a colpirlo con calci e pugni che gli hanno causato lesioni alla mandibola con una prognosi iniziale di 45 giorni e successivo è delicato intervento chirurgico maxillo facciale.

Le indagini erano partite immediatamente quando i carabinieri della stazione di Carbonia erano venuti a conoscenza dell’esistenza del filmato dell’aggressione, commessa dai due giovani, all’epoca dei fatti, minorenni. I carabinieri che si sono attivati immediatamente sulle tracce degli autori del gesto, al termine di scrupolosi accertamenti investigativi, hanno identificato i due aggressori (Q.M. e L.E., entrambi del 2001) che sono accusati di lesioni gravissime in concorso, risalendo anche all’autore del video, anche lui indagato per diffamazione ed omissione di soccorso.

Questa mattina i militari della stazione dei carabinieri di Carbonia hanno eseguito l’ordinanza di misura cautelare emessa dal Tribunale per i Minorenni di Cagliari, ufficio del G.I.P., nei confronti dei due aggressori: a Q.M., che nel frattempo ha raggiunto la maggiore età, è stata applicata quella dell’inserimento in comunità; l’altro, minorenne, L.E., è stato invece sottoposto alla misura del rispetto delle seguenti prescrizioni: di non uscire dalla propria abitazione nell’arco serale, potrà svolgere attività di studio, sportive e parrocchiali previa individuazione dei Servizi Sociali Minorili di Cagliari e potrà allontanarsi dal comune di Carbonia solo per finalità educative.

[bing_translator]

A ciascuno di noi è capitato di incappare, se non nella spiacevole condizione di subire lo shock di un incidente stradale importante, di rimanere disorientati sul da farsi in caso di un tamponamento o comunque di un incidente di lieve entità. Come affrontare queste situazioni concretamente? Cosa fare in caso di incidente e come gestire il complesso iter burocratico, avendo la certezza di non essere usati o addirittura truffati? Allo scopo di fornire ai giornalisti gli strumenti per informare correttamente lettori, telespettatori e radioascoltatori, l’Ordine dei giornalisti della Sardegna, in collaborazione con “Federcarrozzieri”, la Federazione italiana carrozzieri indipendenti, organizza due corsi di formazione professionale dal titolo “Viaggio sicuro. Viaggio informato” che si terranno lunedì prossimo 3 giugno a Cagliari e martedì 4 giugno ad Olbia.
A Cagliari, l’appuntamento è dalle 14.00 alle 17.00 presso la Sala conferenze EXMA, Via San Lucifero, 71. Ad Olbia presso la Biblioteca civica Simpliciana, Piazzetta Dionigi Panedda 3, sempre dalle 14.00 alle 17.00. Ai giornalisti partecipanti saranno assegnati tre crediti formativi. In particolare gli esperti forniranno gli strumenti per individuare clausole vessatorie e iter riparativi talvolta remunerati secondo tabelle imposte dalle assicurazioni senza tener conto dei necessari accertamenti di sicurezza. Approfondiranno inoltre i temi dell’oggettività delle perizie e del riconoscimento danni equo e rispettoso della sicurezza dell’auto da ripararsi, riparazioni strutturali ed estetiche, preventivi e fatture trasparenti, riparazioni a regola d’arte.
Si parlerà, infine, di strade sicure, della gestione delle manutenzioni e dei sistemi di protezione e salvaguardia.
A Cagliari, lunedì 3 giugno, nella Sala conferenze EXMA, Via San Lucifero, 71, i relatori saranno: Mariarosa Loddo (ingegnere responsabile del servizio mobilità della Città metropolitana di Cagliari), Sara Perathoner (maestra artigiana carrozzeria), Stefano Mannaccio (responsabile nazionale settore assicurativo Assoutenti), Riccardo Melis (coordinatore nazionale “Mio carrozziere”).
A Olbia, martedì, 4 giugno, presso la Biblioteca civica Simpliciana, Piazzetta Dionigi Panedda 3 i relatori saranno Mariarosa Loddo (ingegnere responsabile del servizio mobilità della Città metropolitana di Cagliari), Sara Perathoner (maestra artigiana carrozzeria), Riccardo Melis (coordinatore nazionale “Mio carrozziere”), Sonia Monteleone (avvocato responsabile nazionale settore assicurativo Movimento Consumatori).

[bing_translator]

I carabinieri della Radiomobile di Cagliari, nella tarda serata di ieri, hanno salvato una giovane ragazza che ha tentato il suicidio al Bastione di Saint Remy. Intervenuti a tutta velocità intorno alle 23.30 presso il bastione di Saint Remy, hanno trovato la giovane che, in un profondo stato di agitazione, minacciava il suicidio. E’ risultata fondamentale la presenza di una conoscente che, nelle vicinanze, cha contattato il 112, instaurando immediatamente un dialogo con l’operatore della centrale operativa, il quale è riuscito a parlare al telefono con l’interessata, che intanto, in piedi sul cornicione, si mostrava evidentemente in un crescente stato confusionale. Il carabiniere in servizio presso la centrale operativa del comando provinciale dei carabinieri, ha iniziato a dialogare con la ragazza che, dopo qualche minuto, raggiunta dai militari, è stata afferrata alle spalle e riportata in posizione di sicurezza.

[bing_translator]

Domani, 31 maggio, alle ore 9.30, a Cagliari, presso la sede del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, ubicata in via dei Salinieri 22-24 (fronte Stadio Amsicora), il maggiore Paolo Montorsi, alla presenza del soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, dottoressa Maura Picciau, presenterà alla stampa i dati relativi all’attività operativa regionale del 2018 nonché le fasi salienti di due distinte attività d’indagine che hanno consentito il recupero complessivo di 596 reperti archeologici sardi.

[bing_translator]

«Il tavolo di filiera del latte deve rientrare a Cagliari, non per una questione di campanile o per andare contro gli interessi degli altri soggetti coinvolti nella vertenza, ma per le specifiche competenze in materia demandate alla Regione Autonoma della Sardegna.»

La richiesta arriva dall’associazione “Più Sardegna – Sin. Agri”, il sindacato degli operatori e dei consumatori della filiera agro alimentare della Sardegna, alla vigilia dell’incontro convocato nella Prefettura di Sassari.

«Nel ribadire la piena condivisione della legittimità delle richieste di tutti i pastori sardi ed affiancandoli nella protesta – afferma Valentina Manca, presidente e portavoce di “Più Sardegna” – la nostra associazione ritiene di dover affidare al nuovo Consiglio regionale, eletto dalla maggioranza dei cittadini e per questo meritevole di fiducia, la gestione della vertenza del latte.»

“Più Sardegna” è nata in seguito all’iniziativa di un folto gruppo di allevatori, delle loro famiglie e dei consumatori. I rappresentanti dell’associazione hanno partecipato all’incontro con l’assessore regionale dell’Agricoltura Gabriella Murgia che si è tenuto nei giorni scorsi a Cagliari, presso la commissione agricoltura del Consiglio regionale.

[bing_translator]

Il Bèru, vermentino Docg superiore della Cantina Siddùra ha conquistato la medaglia di platino al Decanter World Wine Awards (DWWA), uno dei concorsi più prestigiosi al mondo. E’ l’unico vino sardo ad aver guadagnato la medaglia più importante. La prima volta, nella lunga storia della competizione britannica, che un vermentino di Gallura raggiunge la vetta della classifica andando a posizionarsi tra i migliori vini del pianeta, con un punteggio importante: 97 punti su 100.

Un riconoscimento rilevante per Siddùra che da anni conduce una battaglia contro la comune classificazione del vermentino come vino stagionale, dalla durata limitata. Bèru, annata 2016, barricato, è sicuramente un vermentino longevo. «Tradizione e innovazione non sono concetti astratti: qui produciamo un vero vermentino di Gallura DOCG, barricato, che si presta bene all’invecchiamento – spiega Massimo Ruggero, amministratore delegato di Siddùra -. Il risultato del Decanter premia la Sardegna, non solo questa cantina. Finalmente assistiamo all’esaltazione della qualità di questo vitigno che solo in Gallura, complici il terreno granitico e i venti di maestrale, assume profumi e sapori unici. La scelta di conferire al Bèru l’impronta del legno è un esperimento vincente – sottolinea Ruggero -. È un vermentino Docg da meditazione che, nel superare e sconfiggere i preconcetti legati alla stagionalità di questi vini, è stato riconosciuto come il migliore vermentino di sempre».

[bing_translator]

Ci sarà anche un pezzetto di Sardegna, a Sorrento, nell’edizione 2019 dell’Apoximeno Award, Premio dedicato alle Forze dell’ordine rappresentate in quasi tutte le forme artistiche che hanno accolto il tema della divisa. Susanna Loriga, criminologa, psicologa e docente sarda (anche se ormai da anni sulmonese d’adozione), riceverà il prestigioso riconoscimento che negli anni ha visto premiare personaggi della cultura, dello sport, dello spettacolo (tra questi anche premi oscar), che hanno valorizzato all’interno del proprio mondo professionale, l’attività delle Forze dell’Ordine «ed hanno contribuito a rafforzare e cristallizzare il sentimento di fiducia e vicinanza che caratterizza il rapporto col cittadino».

L’edizione 2019, la numero XXIII, che si svolgerà a Sorrento dal 6 al 9 giugno avrà anche un partner d’eccezione tutto sardo. La 11 Travel Group, azienda che si occupa dell’organizzazione dell’accoglimento degli ospiti, ha profonde radici cagliaritane. Alessandro Pitzianti, General Manager, è già in Campania da qualche tempo per curare al meglio la logistica e la macchina organizzatrice per la manifestazione di un premio così prestigioso.

[bing_translator]

E’ stata inaugurata questa mattina, nell’Aula magna della Scuola Don Milani, la mostra “A scuola con il cuore” realizzata dai bambini dai 3 ai 5 anni del plesso di Scuola dell’Infanzia di Barbusi. 

Il sindaco Paola Massidda e l’intera Amministrazione comunale si sono congratulati con tutti gli studenti, i genitori e i docenti protagonisti di questa splendida iniziativa artistica.