21 July, 2024
HomePosts Tagged "Ida Carloni-Talli"

[bing_translator]

Domenica 24 luglio, alle ore 21,00, nella suggestiva cornice dell’Arena Fenicia di Sant’Antioco, andrà in scena la sonorizzazione dal vivo con le musiche di Mauro Palmas del film muto del 1922 diretto e sceneggiato da Gennaro Righelli. Recuperato da un’unica copia ritrovata nella Cineteca di Praga, grazie all’interessamento di Livio Jacob, direttore della Cineteca del Friuli con la collaborazione della Cineteca della Società Umanitaria, questo film rappresenta una delle opere cinematografiche più importanti per la cultura sarda, essendo l’unica pellicola muta, realizzata con intento verista. Righelli, infatti, scelse di raccontare la storia della giovane e bella Cainà girando la pellicola nelle piazze e nelle strade della Gallura, utilizzando come comparse la gente sarda. Interpretato da Maria Jacobini (Cainà) con Carlo Benedetti (Pietro), Ida Carloni-Talli (la madre), sig. Carmi ed Eugenia Duse, il film nel suo intreccio narrativo propone in parallelo temi diversi come contrasto tra la vita tranquilla delle piccole comunità rurali sarde, il desiderio di fuga verso nuove avventure e il rimpianto per aver lasciato la terra natia. A fare da commento sonoro al film saranno le musiche di Mauro Palmas (mandole), eseguite dal vivo con Riccardo Tesi (organetti), Marco Argiolas (clarinetto), Silvano Lobina (basso), Andrea Ruggeri (batteria), ed il quartetto d’archi Archaea String. Palmas con questa sonorizzazione conferma, ancora una volta, le sue eccellenti doti compositive, assecondando il ritmo del film, sottolineandone i momenti cruciali e riempiendo il tutto di colore e calore. La sonorizzazione di “Cainà” trova i suoi punti di forza in un’idea compositiva unitaria robusta, ispirata ai suoni e ai ritmi del Mediterraneo, fonte inesauribile di ispirazione. Mauro Palmas ha dato vita, così, ad un lavoro ricco di suggestioni con sorprendenti attraversamenti sonori tra ritmi magrebini, sonorità arabe e latine ed ardite incursioni sul fronte delle tradizioni sarde. Dal tema del “tundu” alla classica “Ave Maria” completamente riscritta per gli archi. Un mix potente eppure composito e compiuto di suoni dalla forte presa emozionale.

 Sant'Antioco.