Industria

Abinsula, azienda sarda leader nel mondo automotive-infotainment, ha presentato un cruscotto digitale made in Sardinia.

Sassari_Abinsula_auto e cruscotto_6Sassari_Abinsula_auto e cruscotto_1 Sassari_Abinsula_auto e cruscotto_2 Sassari_Abinsula_auto e cruscotto_3 Sassari_Abinsula_auto e cruscotto_4 Sassari_Abinsula_auto e cruscotto_5

Abinsula, azienda sarda leader nel mondo automotive-infotainment, è ancora protagonista nel settore. Questa volta ha collaborato alla realizzazione di un prototipo di auto elettrica che rientra negli standard Interactive fully electrical vehicles ed è prodotta dal consorzio Torino e-distric, una rete di grandi e piccole imprese che sviluppa soluzioni di mobilità elettrica in collaborazione con oltre 150 gruppi di ricerca Europei. Un modello del cruscotto sarà esposto da oggi a Sinnova 2015.

In occasione del Salone di Torino, ospitato tra i viali del Parco del Valentino, in tanti hanno avuto modo di vedere il prototipo in una scenografica esposizione che riporta le automobili tra le persone, riaccendendo la passione per i motori.

Sono nati a Sassari due particolari importanti: l’interfaccia grafica del cruscotto e il sistema di monitoraggio dell’energia accumulata. L’auto, ribattezzata “Torino”, infatti, è un’ibrida, leggera e sostenibile, elettrica e a energia fotovoltaica alimentata con pannelli solari, disegnata secondo i canoni di armonia.

«Il software made in Sardinia – raccontano Pierluigi Pinna e Antonio Solinas, responsabili rispettivamente dell’azienda Abinsula e  del progetto – permetterà di controllare lo stato delle batterie, i due motori elettrici, l’energia ricevuta dal pannello fotovoltaico e, al contempo, di visionare il sistema di recupero dell’energia. Interamente digitali il contachilometri e gli indicatori. Il display inoltre è disegnato per avvolgere il guidatore per un’esperienza di guida futuristica.»

Il prototipo elettrico che vede il coinvolgimento di Abinsula è il frutto dell’attività di ricerca del consorzio “Torino e-district” – nato con la partecipazione di cinque medie e piccole imprese e una più grande, la Bitron, società multinazionale italiana che opera nel settore meccatronico – e che si propone al mercato con la rete di imprese Anifevs. Il prototipo è stato battezzato “Torino” nel 2011. Tre posti, uno davanti e due dietro, ha un’autonomia di 150 km con una batteria a litioioni di 11 kw e consuma 70 Wh al chilometro. La batteria è alimentata anche da celle solari ad alta efficienza, per un’ulteriore autonomia di 20 km.

«Siamo particolarmente soddisfatti della partnership avviata con Abinsula, azienda leader nel settore del software embedded per automotive e Hmi. Il loro è stato un prezioso aiuto e prevediamo sia solo l’inizio», racconta Pietro Perlo, membro dell’advisor group della Comunità europea del settore “Smart, Green and Integrated Transport” e vice presidente di Torino e-District.

Abinsula inoltre porterà il cruscotto digitale in anteprima per la Sardegna a Sinnova 2015, salone dell’innovazione in Sardegna, la cui terza edizione si terrà il 2 e 3 luglio a Cagliari, al centro polifunzionale ex terminal crociere. Oltre a questo l’azienda, durante la rassegna, racconterà come il software made in Sardinia viaggia per il mondo ed è possibile trovarlo in ogni angolo del pianeta, dalle applicazioni mobile ai sistemi di intrattenimento e telematici in auto, fino ai sistemi di domotica.

Abinsula, fondata nel marzo del 2012 da professionisti leader nel settore dell’information technology, è cresciuta costantemente riportando diversi successi nel mondo dell’innovazione tecnologica. Ha tre sedi: Sassari (principale), Cagliari e Torino, con un organico di oltre una trentina tra dipendenti e collaboratori. Tramite la sede piemontese ha aderito al Polo Ict della Regione Piemonte e al cluster Smart communities nazionale.

Comments

comments

Tags: , ,

Leave a Reply