Sanità

Edoardo Tocco (Forza Italia): «Troppi tagli ai centri per il recupero dei soggetti svantaggiati».

Il vicepresidente della commissione Salute del Consiglio regionale, Edoardo Tocco (Forza Italia), lancia l’allarme sui troppi tagli ai fondi per i servizi destinati al recupero dei tossicodipendenti, che metterebbero a rischio l’attività dei Sert, con i risparmi imposti dalla Regione stanno incidendo pesantemente sulle strutture terapeutiche sparse nei diversi angoli dell’Isola. «Queste politiche sono sbagliate e inopportune, e non solo feriscono le persone più vulnerabili, negando diritti e inclusione sociale, ma paralizzano la nostra Sardegna, con molte comunità per l’accoglienza ed il supporto ai soggetti svantaggiati che si trovano in forte difficoltà. È puro autolesionismo – denuncia Edoardo Tocco -. La Regione ha diminuito tantissimo il budget da assegnare a questi centri. Nell’ultimo anno è stato fissato un tetto di spesa di poco più di 7 milioni di euro. Una cifra ridicola e insufficiente a coprire i servizi. Una manovra recessiva, rispetto al fabbisogno presente in Sardegna, che sta portando al collasso il sostegno ai soggetti caduti nel tunnel delle dipendenze. Si tenga presente – aggiunge Edoardo Tocco – che molti centri sono ormai in prima linea nel recupero delle persone svantaggiate e nel loro reinserimento nella società. Senza le risorse indispensabili, saranno costretti a licenziare e limitare il supporto. L’osservatorio regionale sulle dipendenze è ormai diventato una scatola vuota. Gli appelli arrivati dalle associazioni di volontariato, che gestiscono i centri per il recupero sono rimasti inascoltati.»

«Il fabbisogno regionale dovrebbe comportare un importo di 15 milioni di euro per venire incontro alle esigenze delle comunità – conclude Edoardo Tocco – ma è stata accreditata anche nell’ultima finanziaria la metà di questo importo. E’ necessario che venga incrementata la spesa destinata a queste strutture, per assicurare il supporto necessario per il recupero dei soggetti affetti dalle dipendenze.»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply