Ammortizzatori sociali / Lavoro

Si è riunito oggi il tavolo tecnico, all’assessorato del Lavoro, per discutere di ammortizzatori sociali per le aree di crisi complessa.

Si è riunito oggi il tavolo tecnico, all’assessorato del Lavoro, per discutere di ammortizzatori sociali per le aree di crisi complessa.

Sull’andamento dei lavori, le segreterie FIOM-FSM-UILM e CUB Sulcis Iglesiente hanno diffuso un comunicato, nel quale spiegano che, per quanto riguarda la mobilità in deroga, «al tavolo avrebbe dovuto partecipare anche un rappresentante dell’Inps regionale, la cui assenza, determinata da problemi tecnici, ha portato all’esame degli aspetti che coinvolgono quei lavoratori che non hanno ancora percepito la mobilità; l’assessorato ha preso impegno di riconvocare un tavolo tecnico urgente con l’Inps nel giro di 2-3 giorni, affinché ci possa essere certezza sulle somme a disposizione e sul pagamento della mobilità in deroga per i lavoratori che per un motivo o per un altro non l’hanno ancora ricevuta».
Per la mobilità in deroga 2020, «già da domani, l’assessore del Lavoro Alessandra Zedda si recherà presso il ministero del Lavoro e presso il Mise, per quantificare le somme utili e/o disponibili per la copertura per tutto il 2020».
Sulla CIGS Iin deroga per la RENO, «c’è necessità di capire il percorso da portare avanti in considerazione delle norme che devono portare alla concessione di una proroga della deroga per l’anno 2020, Nel frattempo, abbiamo ipotizzato un appuntamento con l’azienda per il 22, al fine di firmare un nuovo accordo di proroga della CIGS in deroga; accordo che poi dovrà essere completato in assessorato del Lavoro».
Per la CIGS in deroga per Sider Alloys e GSMI, «pur considerando positivamente le ultime dichiarazioni del sottosegretario del Mise Alessandra Todde, rimane comunque da mettere in piedi la prospettiva della cassa integrazione in deroga nel caso in cui queste si realizzino in parte, o non si realizzino per niente. Appuntamento con l’azienda e quindi successivamente in assessorato per firmare i primi accordi sulla procedura di prima concessione di cassa integrazione in deroga in questi giorni».

Sull’ex Flex Security, infine, «è stata chiesta la massima sollecitudine, affinché si attivino i tavoli con la partecipazione dell’Aspal, per ricollocare i lavoratori nei comuni, i quali hanno già dichiarato di non poter fare a meno della loro manodopera; il tavolo esclusivo è stato riconvocato per fine novembre o al massimo i primi di dicembre».

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply