Cronaca

Dopo un anno, la famiglia di Dario Garau, caduto sul lavoro alle Saline di Sant’Antioco, cerca ancora risposte – di Federica Selis

A Tratalias, la famiglia di Dario Garau, 67 anni, attende da un anno giustizia per la morte dell’uomo, deceduto il 10 luglio dello scorso anno in seguito ad un incidente sul luogo di lavoro, le Saline di Sant’Antioco.
Alla famiglia fu raccontato di una caduta accidentale dal mezzo su cui Dario Garau stava lavorando, ovvero una pala meccanica. L’uomo morì in ospedale dopo più di un’ora, in seguito alle numerose fratture riportate nell’incidente.
Dai primi dati di anamnesi riportati dai verbali dell’ambulanza che soccorse l’uomo e da quelli del pronto soccorso dell’ospedale “Sirai” di Carbonia dove fu trasportato, si leggono i numerosi traumi e le fratture riportate dal 67enne. Tuttavia, i dati dell’autopsia a cui fu sottoposto non sono mai stati depositati ed i risultati non sono stati resi noti.
La moglie e i figli del signor Dario, non credono alle circostanze della morte del loro congiunto e ritengono che le fratture riportate dall’uomo siano troppo gravi ed estese, per essere relative ad una semplice caduta da un’altezza di poche decine di centimetri.
Anche su questo punto, le teorie si fanno confuse, perché in alcuni verbali è riportata un’altezza di circa 60 centimetri, mentre altre testimonianze parlano addirittura di due metri.
Insomma, sulle cause che portarono al decesso di Dario Garau, c’è ancora molta nebbia.
Dalle prime analisi, risultarono traumi costali sul fianco sinistro, con fratture multiple e scomposte dalla prima alla dodicesima costola e conseguente foratura della pleura; un danno importante alla milza; fratture al bacino e all’osso dell’anca ed una leggera contusione cranica, con taglio del sopracciglio sinistro.
L’uomo, però, a quanto è stato comunicato verbalmente ai familiari, all’arrivo in ospedale risultava cosciente. In seguito, era sopraggiunto un arresto cardiaco, ma la morte resta imputata alla diffusa perdita emorragica.
I figli di Dario Garau però non si danno pace e hanno deciso di mettere tutto in mano agli avvocati, per cercare di far luce su quello che realmente successe quel pomeriggio al loro padre, durante il turno di lavoro appena iniziato.
«Noi familiari chiediamo di sapere la verità su quanto è accaduto il 10 luglio del 2019 dice Simona Garau -. Per noi è necessario conoscere la verità perché è stato un anno di dolore, sia per la morte di nostro padre ma anche per il fatto che non conosciamo appieno le cause che hanno portato a questa caduta e a questi traumi così importanti che ha riportato. Quindi chiediamo che la magistratura ci dia delle risposte, perché meritiamo di sapere la verità e di mettere la parola fine. Per darci finalmente pace.»
In questa vicenda sono tante le cose che la famiglia non sa, perché la carenza di informazioni in merito alle modalità dell’incidente, all’orario in cui è realmente avvenuto e a cosa sia realmente successo quel giorno, è veramente enorme. Una risposta sarebbe potuta arrivare dal referto dell’autopsia, effettuata due giorni dopo l’accaduto, ma neppure su quei dati le cose sono andate come dovevano.
«La famiglia attende da un anno il deposito dell’esame autoptico che doveva essere depositato entro 60 giorni – afferma l’avvocato Alberto Cani -. Ad oggi non si sa come sia deceduto il povero Dario Garau. Noi attendiamo il deposito, da parte dei consulenti del Pubblico ministero, del referto dell’autopsia.»
Si brancola nel buio, quindi, mentre la giustizia aspetta in un angolo, in attesa di poter fare il suo corso senza ulteriori ostacoli.
«Noi chiediamo di avere accesso agli atti di indagineribadisce l’avvocato Marco Zusa, secondo legale incaricato dalla famiglia Garau -. Chiediamo di sapere gli esiti della perizia autoptica. Chiediamo di avere contezza delle sommarie informazioni rilasciate nell’immediatezza, dell’ordine delle chiamate fatte da parte dei presenti. Quello che chiediamo, sostanzialmente, sono degli elementi che ci facciano capire cosa sia realmente successo.»
Fino a quando questo non avverrà, i figli di Dario Garau, operaio di 67 anni che, nonostante l’età, ancora lavorava per continuare a dare un sostegno economico alla propria famiglia, non potranno trovare la giusta pace.
Federica Selis

Comments

comments

Tags: , , ,

Leave a Reply