8 December, 2021
Home2013

Francesca Barracciu ha fatto il passo indietro che le veniva chiesto da settimane da alcuni partiti della coalizione di centrosinistra (Centro Democratico, Rossomori e Sinistra Ecologia Libertà) e da diverse anime del suo stesso partito (PD), al termine di una tormentata riunione della direzione del Partito Democratico svoltasi ad Oristano. Alle 23.30 il segretario regionale Silvio Lai, lo stesso che aveva rivolto l’invito ufficiale a fare un passo indietro all’europarlamentare di Sorgono, ha fatto l’annuncio che riapre i giochi per la scelta del candidato. Francesca Barracciu era stata investita della candidatura dalle elezioni primarie del PD, vinte al primo turno. Successivamente è rimasta coinvolta dall’apertura di un secondo filone di indagine sulla gestione dei fondi dei gruppi consiliari regionali e sono iniziate le contestazioni interne ed esterne al PD, culminate con il ritiro della tarda serata di ieri.
Dopo l’annuncio, Francesca Barracciu ha espresso parole pesantissime sulla parte del Partito Democratico che – a suo dire – rappresenta un gruppo di potere che si è ricompattato intorno a Renato Soru, Antonello Cabras e Paolo Fadda ed ha spaccato il partito. Allo stesso tempo ha chiesto alla segreteria nazionale, rappresentata da un inviato di Matteo Renzi, di avere voce in capitolo nella scelta del candidati e, eventualmente, di poter avere il diritto di veto.
La Direzione regionale tornerà a riunirsi il 4 gennaio ma non è certo che a quella data il PD avrà sciolto le riserve sul candidato che il 16 febbraio sfiderà il centrodestra e gli altri candidati alla presidenza della Regione. Da ieri sera e’ scattato il toto-candidato. La lista dei papabili e’ lunga ma già nelle prossime ore potrebbe iniziare a sfoltirsi. Tra i nomi più’ gettonati ci sono quelli degli ex assessori regionali Francesco Pigliaru e Franco Mannoni, il presidente della federazione nazionale della stampa Franco Siddi, il presidente della provincia di Sassari Alessandra Giudici e, infine, l’ex presidente della provincia di Carbonia Iglesias Salvatore Cherchi.

L’assessorato regionale della Sanità ha pubblicato la graduatoria definitiva per l’ammissione in soprannumero al corso triennale di formazione specifica in medicina generale per il triennio 2013-2016.

I primi tre candidati in graduatoria dovranno comunicare, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, l’accettazione o il rifiuto all’inserimento nel corso e la sede didattica prescelta.

I medici ammessi in soprannumero non hanno diritto a ricevere la borsa di studio e possono svolgere attività libero professionale compatibile con gli obblighi formativi.

L’assessorato regionale degli Affari generali, personale e riforma della Regione l’elenco degli ammessi, distinto per categoria e area, alla procedura di stabilizzazione a domanda nell’ambito del Piano per il superamento del precariato.

L’assessorato, inoltre, ha reso disponibile gli elenchi degli esclusi per mancanza della procedura selettiva di natura concorsuale e gli esclusi per mancanza dei 30 mesi di attività lavorativa al 18 agosto 2009.

L’assessorato regionale degli Enti locali, finanze ed urbanistica, ha aggiornato l’elenco degli enti idonei ad esercitare la delega per il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche.

I comuni e le loro forme associative inseriti nell’elenco devono comunicare all’Assessorato qualsiasi modifica che incida sui requisiti di competenza tecnico-scientifica e di organizzazione richiesti.

Andrea Biancareddu

L’assessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Andrea Biancareddu, ha apportato nuove modifiche e integrazioni al calendario venatorio.

Le modifiche riguardano le specie cacciabili, i periodi e gli orari dell’attività venatoria e i divieti.

Lunedì 30 dicembre 2013, alle ore 17,30, presso la sala consiliare del comune di Carbonia è in programma la cerimonia di premiazione di società, atleti ed arbitri distintisi nella stagione sportiva 2012-2013 nei campionati provinciali, nei tornei ufficiali (50ª Coppa Santa Barbara e Coppa Capodanno 2013) e nei tornei dell’attività di base organizzati dalla delegazione provinciale FIGC di Carbonia Iglesias. Nell’occasione verranno effettuate anche le premiazioni delle squadre finaliste della fase locale della 51ª Coppa Santa Barbara, conclusasi il 26 dicembre con la vittoria del Carbonia sulla Mineraria per 5 a 0 (le premiazioni erano previste a fine partita ma sono state rinviate a causa di un forte temporale che ha condizionato il finale di gara).

Tutte le società sono invitate a partecipare alle premiazioni che verranno effettuate alla presenza delle autorità comunali e sportive.

Coppe x Coppa Santa Barbara copiaCarbonia allievi 2013:2014Mineraria allievi 2013:2014Terna arbitrale copia

IMG_1986The Harlem Messengers 1 copiaThe Harlem Messengers 2 copiaIMG_3928IMG_4002IMG_3945 IMG_3926IMG_2074IMG_2072IMG_2071IMG_4017

IMG_1782IMG_1771IMG_1748IMG_1747IMG_1746

Si conclude questa sera nella Basilica di Sant’Antioco Martire, a Sant’Antioco, l’XI edizione di “Gospel Explosion”, la rassegna organizzata dall’Associazione Culturale Progetto Evoluzione, con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna e degli assessorati alla Pubblica Istruzione Sport e Spettacoli e al Turismo, sotto la direzione artistica di Gianni Melis.

Il gruppo statunitense “The Harlem Messengers”, proveniente da New York, per la prima volta in Sardegna, ha entusiasmato in tutti i sette centri dove si è esibito e non mancherà sicuramente di farlo anche questa sera, nel gran finale previsto nella basilica di Sant’Antioco Martire, a Sant’Antioco, alle 19.30.

E’ stata inaugurata il 27 dicembre, nella sala Alcoa della Biblioteca di Portoscuso, la mostra di Gian Franco Cau e Ignazio Vacca “Colori e forme della danza e dell’arte”, nella quale sono esposte anche alcune opere della pittrice di Portoscuso Francesca Sa
Il giorno dell’inaugurazione è stato presentato il video musicale della cantante Natascia Capurro dei Solkìnos, girato a Portoscuso e Sant’Antioco, “Umpridura” . La cantante originaria di Sant’Antioco alcune canzoni dal vivo.
Hanno partecipato alla presentazione l’assessore comunale Attilio Sanna e il delegato alla Cultura Orietta Mura.
IMG_2646IMG_2557IMG_2679 IMG_2645 IMG_2637 IMG_2636 IMG_2611 IMG_2573 IMG_2555 Gian Franco Cau
IMG_2665 IMG_2643 IMG_2625 IMG_2623 IMG_2622 IMG_2618

Nella riunione di Giunta regionale in programma oggi, 30 dicembre, l’assessore del Lavoro, Mariano Contu, presenterà la delibera sull’anticipazione e l’erogazione delle risorse per la mobilità in deroga. Una volta approvato il provvedimento, per il completamento dell’iter burocratico si dovrà attendere la formalizzazione della convenzione tra l’INPS e la Regione. La delibera dà seguito all’accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali lo scorso 19 dicembre. L’intesa prevede che il quantum da anticipare per ciascun lavoratore, con risorse regionali, sia quantificato in misura non inferiore al 50% della somma spettante, e dà priorità, nella fase dell’istruttoria, a quei lavoratori tutelati da specifici accordi sottoscritti in sede istituzionale. 
«La Giunta Cappellacci e il Consiglio regionale – ha affermato Contu – hanno dimostrato una grande sensibilità verso le esigenze dei lavoratori, adottando gli atti che prevedono l’anticipazione delle risorse, pari a 52 milioni di euro.» 
«Tali risorse – ha precisato l’esponente dell’Esecutivo – sono destinate a coloro che hanno maturato nel 2013 le indennità di mobilità in deroga. L’auspicio è che queste risorse possano essere al più presto disponibili, considerata la portata della crisi, specialmente per quei lavoratori che nell’ultimo anno non hanno percepito alcun sostegno, nonostante i diritti maturati.»
I provvedimenti adottati e le somme stanziate rappresentano solo un’anticipazione delle risorse, rispetto a quanto il Governo nazionale deve ancora assegnare alle regioni.
«Per il 2014 – ha spiegato l’assessore – sono disponibili, come prima tranche, un miliardo e seicento milioni da ripartire tra tutte le regioni.»
Lo ha confermato il sottosegretario al lavoro, Carlo Dell’Aringa nel corso dell’ultima sessione della Conferenza Stato-Regioni. In quella sede è stato chiesto al Governo di trovare le risorse necessarie per garantire la copertura degli ammortizzatori sociali, non solo per 2013, ma anche per tutto il 2014. Nella stessa occasione, gli assessori regionali del lavoro e il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, hanno annunciato la restituzione delle deleghe, in caso di mancata risposta da parte del Governo.
«Al momento – ha concluso l’assessore Contu – l’esecutivo Letta non ha ancora dimostrato la volontà di accogliere le richieste delle amministrazioni regionali. Si resta in attesa fiduciosi.»
Ugo Cappellacci.

 

Mariano Contu.

Mariano Contu.

 

Il Crogiuolo, centro di intervento teatrale diretto da Mario Faticoni, chiude l’attività 2013 con una maratona teatrale al teatro comunale di Serrenti, dove il 30 dicembre 2013 verranno rappresentati due spettacoli di produzione, “Chi ha rapito Babbo Natale” per famiglie e bambini, alle ore 17.00 “Maria di Eltili” alle ore 19.00 e “Yes we’ll dream it” del Teatro S’arza alle ore 21.00.
“Chi ha rapito Babbo Natale” è una coproduzione de Il Crogiuolo e Teatro del Sottosuolo, scritto e diretto da Rita Atzeri.

In scena Vincenzo De Rosa, Alessandra Leo, Alessia Marrocu, Emanuela Cao.

Una compagnia di circensi, arriva alla vigilia di Natale, in un piccolo paese di provincia. La tradizionale parata per le vie del borgo, fatta per attirare il pubblico allo spettacolo serale, lascia gli artisti sbalorditi.

Ad ogni porta, muro, palo della luce o semaforo è appeso un cartello: «BABBO NATALE E’ STATO RAPITO DALLA BANDA BASSOTTI. CHIUNQUE SAPPIA QUALCOSA E’ PREGATO DI RIVOLGERSI ALLA PIU’ VICINA CENTRALE DI POLIZIA. LAUTA RICOMPENSA PER CHIUNQUE FORNISCA INFORMAZIONI UTILI ALLA LIBERAZIONE DI BABBO NATALE. AIUTATECI A SALVARE IL NATALE DEI NOSTRI BAMBINI».

Gli artisti sono senza parole, si commuovono fino alle lacrime. Solo esseri senza cuore come gli efferati Bassotti potevano ordire un piano così diabolico e pensare di privare i bambini del loro Natale.

E poi chi avrebbe mai avuto voglia di festeggiare, andare al circo, con un problema così da risolvere?

Inutile dirlo i nostri eroi decidono di passare all’azione e aiutare la polizia a risolvere il caso. Per scoprire che cosa faranno la Donna Cannone, il trapezista – giocoliere, il clouw che va sui trampoli, il nano pasticcione e la cantante non vi resta che . vedere lo spettacolo.

Lo spettacolo unisce diverse tecniche di rappresentazione: narrazione, giocoleria acrobatica, canto.

“Maria di Eltili” melologo di Bepi Vigna con Rita Atzeri e Alessandro Muroni al pianoforte.

Lo spettacolo è parte della rassegna “Tagli di teatro 2013” della cooperativa La Maschera.

La storia narrata in Maria di Eltili (basata su alcune fonti storiche) è quella di una bambina rapita dai pirati Saraceni sulle coste della Sardegna. Il suo percorso è raccontato come un itinerario iniziatico.

Maria viene fatta schiava e venduta come prostituta, ma poi diviene la favorita del bay, conosce l’amore e la ricchezza.

Quando in vecchiaia riesce a ritornare nella sua terra dapprima è emarginata, considerata una strega, ma poi si trova ad ereditare i beni di un intero paese.

Dopo la sua morte la sua immagine assurge a una dimensione quasi sacra, dato che una sua vesticciola viene venerata come la reliquia di una santa.

Yes we’ll dream, scrittura scenica e regia Romano Foddai, con Maria Paola Dessì, Stefano Petretto

Lo spettacolo “Yes we’ll dream it” parla dell’aspirazione umana alla felicità e alla libertà. Sebbene la realtà si manifesti nelle sue forme più crude, la tensione verso la vita prevale sempre, spingendo gli uomini a una continua ricerca della propria utopia. Questi temi sono trattati attraverso il personaggio di Frida Khalo, famosa pittrice messicana, costretta all’infermità da un incidente e da Andrieddu, personaggio di fantasia estrapolato dalla narrativa sarda.Lo spettacolo “Yes we’ll dream it” attraversa i 2 primi decenni del secolo esplorando

i pittori Khalo e Chagall, passando per la musica degli anni sessanta come ponte tra i due mondi: i primi decenni del novecento e il nuovo millennio che stiamo vivendo.

Un giovane e una donna compiono un percorso alla ricerca della propria Atlantide, il mitico mondo perduto…