13 April, 2021
HomePosts Tagged "Davide Meloni"

[bing_translator]

Goal e spettacolo nelle partite della quinta giornata di ritorno del girone A del campionato di Promozione regionale. Ben 30 i goal messi a segno complessivamente nelle 8 partite disputate, 18 dei quali (il 60%) nelle tre partite che vedevano protagoniste le quattro squadre sulcitane.

Il Carbonia ha vinto, come da pronostico, il derby casalingo con il Carloforte, fanalino di coda della classifica, con il punteggio di 3 a 1 ma, contrariamente a quanto potrebbe far pensare il risultato finale, non è stata una vittoria facile. Il Carloforte nel primo tempo ha imbrigliato la manovra del Carbonia a metà campo (dove non c’era Nicola Serra, squalificato) e, dopo che gli attaccanti del Carbonia (gli ex Giacomo Sanna e Nicola Lazzaro) hanno sciupato alcune occasioni da goal particolarmente favorevoli, nel finale del primo tempo il Carloforte è passato in vantaggio su calcio di rigore con il centravanti Marco Cimmino (tra i pali del Carbonia c’era il giovane fuoriquota Omar Galizia).

Negli spogliatoi Fabio Piras ha dato la carica ai suoi che sono tornati in campo caricatissimi e in tre minuti hanno capovolto il risultato. Prima è andato in goal il giovane Lorenzo Fois (classe 2001), poi è stato Giacomo Sanna a trasformare un calcio di rigore. E nel finale lo stesso Giacomo Sanna ha messo al sicuro il risultato con il nono goal personale in campionato.

Con questi 3 punti il Carbonia tiene il passo della capolista San Marco Assemini ’80 che ha superato il Villamassargia per 4 a 2 (in goal Silvio Fanni, Alessandro Mancusi, Diego Flumini ed Emmanuele Piras per la San Marco Assemini ’80; Andrea Renzo Iesu e Michel Milia per il Villamassargia) e del La Palma Monte Urpinu che ha fatto sua solo nel finale la partita casalinga con il Villasor (prossimo avversario del Carbonia nei quarti di finale della Coppa Italia), nella quale ha dovuto rimontare. Ed il vantaggio sul quarto posto ora è di 11 punti, una certezza per l’accesso quantomeno alla Coppa Primavera che assegna un posto per l’Eccellenza della prossima stagione. La sconfitta odierna per il Villamassargia segna la fine del ciclo di partite terribili, al termine del quale nel girone di andata iniziò la sua straordinaria scalata verso le parti alte della classifica.

Se in Carbonia-Carloforte si sono visti 4 goal e in San Marco Assemini ’80-Villamassargia 6, al Monteponi di Iglesias i tifosi hanno assistito ad una vera e propria girandola di goal, addirittura 8, con la squadra ospite avanti di ben tre goal, sul 4 a 1, e i rossoblu di Andrea Marongiu capaci di rimontare orgogliosamente fino al definitivo 4 a 4 (doppietta di Samuele Curreli, a quota 9 goal in due mesi, dal suo esordio avvenuto il 2 dicembre a Carloforte, e goal di Davide Meloni e Manuel Piras per la Monteponi; doppietta di Abdoulaye Mboup e goal di Valentino Perinozzi e Matteo Mulas per il Sant’Elena). Per la Monteponi è il secondo pareggio della gestione di Andrea Marongiu che conta 7 vittorie e 3 sconfitte.

Con i risultati maturati sugli altri campi, in particolare la vittoria di misura dell’Idolo sul Selargius (1 a 0) e quella più larga del Vecchio Borgo Sant’Elia sull’Andromeda (3 a 1), è sceso da 6 a 4 punti il margine di vantaggio della Monteponi sulla quart’ultima posizione. Sugli altri campi, sono terminate in parità le partite Seulo 2010-Arborea (1 a 1) ed Orrolese-Gonnosfanadiga (0 a 0).

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10218603399464118/?q=intervista%20all%27allenatore%20del%20carbonia%20fabio%20piras&epa=SEARCH_BOX

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10218603512226937/UzpfSTE0NzA5NzMxOTc6Vks6MzMyNzQxMzA4MDYwNjAxNw/?q=massimo%20comparetti&epa=SEARCH_BOX

   

[bing_translator]

Il goal di Stefano Mura.

Il goal di Davide Meloni.

La prima metà del girone A del campionato di Promozione regionale si è chiusa nel segno di Carbonia e Monteponi. La squadra di Fabio Piras ha vinto anche ad Orroli (è terza vittoria consecutiva, seconda in trasferta) con un goal di Giacomo Sanna, ed ha ridotto a sei lunghezze il ritardo dalla vetta della classifica, occupata sempre dalla San Marco Assemini ’80, travolta ieri nel big match con il La Palma Monte Urpinu (0 a 4); la Monteponi di Andrea Marongiu ha fatto suo il derby con il Villamassargia di Giampaolo Murru con un goal per tempo, di Stefano Mura e Davide Meloni, ed ha centrato così la quarta vittoria consecutiva che l’ha portata al quart’ultimo posto, con 15 punti. Il Carloforte, purtroppo, ha perso a Seulo, 2 a 0, e vede allontanarsi sempre più le dirette concorrenti per la salvezza (la più vicina, il Vecchio Borgo Sant’Elia, è ben nove punti avanti).

Il Carbonia ad Orroli, contro un avversario di spessore (l’Orrolese è quinta in classifica), ha confermato di essere in crescita. Scesa in campo priva dello squalificato Marco Foddi e con Nicola Lazzaro in panchina perché ancora convalescente, sostituito dal 17enne Fabio Mastino, la squadra di Fabio Piras ha giocato un’ottima partita, rendendosi pericolosa prima e dopo il goal di Giacomo Sanna, arrivato al 10′ della ripresa. Daniele Bove, per contro, è stato poco impegnato.

Assenti, in tribuna, i Briganti, che hanno deciso di restare a Carbonia, a “presidiare” lo stadio Carlo Zoboli, dopo le polemiche dei giorni scorsi sull’utilizzo dell’impianto.

Il derby Monteponi-Villamassargia è stato piacevole, tra due squadre che si sono date battaglia dall’inizio alla fine, davanti ad un pubblico più numeroso del solito. Per lunghi tratti la partita è stata equilibrata e la Monteponi è riuscita farla sua con due grandi giocate, una per tempo. La prima rete è scaturita da un delizioso passaggio filtrante di Samuele Curreli per Stefano Mura che non ha trafitto il portiere ospite, uscitogli incontro, con un destro preciso (l’attaccante rossoblu è al secondo goal, dopo quello che due settimane fa decise il match casalingo con l’Idolo); la seconda, nella ripresa, porta la firma del giovane Davide Meloni, bravo a infilarsi nell’area del Villamassargia e a calciare imparabilmente alla destra del portiere (anche per lui, entrato in campo da pochi minuti, si tratta del secondo goal, dopo quello realizzato all’esordio a Carloforte, anche in quel caso dopo pochi muniti, al 5′ del primo tempo). La squadra di Giampaolo Murru, autentica rivelazione del girone d’andata (è ancora quarta in classifica, alle spalle del Carbonia), ha cercato di reagire, sia dopo il primo sia dopo il secondo goal, ma la difesa della Monteponi ha confermato una ritrovata affidabilità, sotto la guida esperta di Bebo Palmas, ed ha protetto bene un pur attento Marco Rubbiani.

Sugli altri campi, imprese esterne per il Gonnosfanadiga ad Arborea, 2 a 0, e per il Villasor sul campo del Sant’Elena in piena Zona Cesarini. risultato che ha negato alla Monteponi l’aggancio al quint’ultimo posto al giro di boa del campionato, posizione che in proiezione finale, vale la salvezza. Il Selargius ha avuto la meglio sull’Andromeda per 2 a 0 e il Vecchio Borgo Sant’Elia, infine, ha vinto la sfida tra pericolanti con l’Idolo, per 2 a 1.

Il 6 gennaio, alla ripresa del campionato dopo la giornata di riposo di fine anno, il Carbonia giocherò a Selargius, la Monteponi ospiterà l’Andromeda, il Villamassargia giocherà a Orroli ed il Carloforte, infine, giocherà sul campo della vicecapolista La Palma Monte Urpinu, fresca della quaterna rifilata nell’anticipo di ieri alla capolista San Marco Assemini ’80.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, nell’ultima giornata di andata, ricca di goal, ben 29, c’è stato l’ennesimo ribaltone in vetta alla classifica. Il Cortoghiana è stato bloccato sul pari casalingo, 3 a 3, dall’Atletico Sanluri, mentre l’altra capolista Villacidrese ha perso di misura sul campo della Freccia Parte Montis, 1 a 0. La Fermassenti s’è imposta con il minimo scarto sull’Oristanese ed ha riagganciato la vetta della classifica, in compartecipazione con il Cortoghiana, un punto avanti alla Villacidrese e tre punti avanti alla Gioventù Sportiva Samassi, battuta in casa, 3 a 2, dall’Atletico Narcao. Al quinto posto c’è il Sadali che ha regolato l’Isola di Sant’Antioco con il punteggio di 2 a 0.

Sugli altri campi, l’Atletico Villaperuccio è tornato imbattuto da Seui, 1 a 1; la Tharros ha superato per 2 a 1 il Gergei, riaccendendo le speranze di rimonta in chiave salvezza; la Virtus Villamar ha espugnato il campo della Libertas, a Barumini, 3 a 2; il Villanovafranca, infine, ha superato il Circolo Ricreativo Arborea per 3 a 1.

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10218271428045040/

https://www.facebook.com/giampaolo.cirronis/videos/10218270835550228/

 

 

[bing_translator]

Il Carbonia cambia volto. Alla vigilia della trasferta di Seulo, hanno lasciato la squadra biancoblu Christian Cacciuto, Riccardo Milia e Claudio Cogotti, il primo per approdare al Samassi (si tratta di un ritorno), gli altri due per scelta della società. L’esperienza dell’attaccante cagliaritano con la maglia del Carbonia è durata quattro mesi, nel corso dei quali ha collezionato 3 goal in campionato (con ben tre calci di rigore sbagliati) e 4 in Coppa Italia. Da ieri è a disposizione del tecnico del Samassi, formazione che milita in Eccellenza regionale. La società mineraria non ha ancora deciso se sostituirlo con un altro attaccante o se, come appare più probabile, dare piena fiducia alla coppia formata da Giacomo Sanna e Nicola Lazzaro, supportati dall’esterno Daniele Contu, arrivato due settimane fa dal Latte Dolce, e da alcuni giovani come alternative.

La mancata conferma di Riccardo Milia verrà compensata quasi sicuramente con l’arrivo di un altro centrocampista, mentre non dovrebbero esserci movimenti in difesa, dove c’era molta concorrenza e la mancata conferma di Claudio Cogotti non porterà ad un nuovo arrivo.

Altri tre nuovi arrivi alla Monteponi. Dopo Davide Meloni (suo il goal vittoria di Carloforte, all’esordio, dopo soli 5′), Samuele Curreli, Enrico Valluzzi e Roberto (Bebo) Palmas, sono arrivati Andrea Felleca, 20 anni, 190 cm, dal Selargius; l’attaccante Manuel Piras, 20 anni, dal Castiadas; e, infine, un altro attaccante, Stefano Mura, 22 anni, dal Selargius. I nuovi arrivati dovrebbero essere disponibili già da domani, nell’incontro casalingo con l’Idolo di Arzana.

 

[bing_translator]

Il Carbonia non vince più. Dopo la bella e convincente vittoria sull’Arborea del 4 novembre, la squadra di Fabio Piras ha ottenuto tre pareggi (con l’Andromeda, la Monteponi ed oggi con il Vecchio Borgo Sant’Elia; ed una sconfitta, sette giorni fa sul campo del Sant’Elena). In meno di un mese, è così scivolata dal secondo posto a due punti dalla capolista San Marco Assemini ’80, al quarto posto in condominio con la matricola Villamassargia (la grande rivelazione del torneo), a ben nove lunghezze dalla vetta della classifica.

Quello visto oggi con il Vecchio Borgo Sant’Elia, formazione in lotta per la salvezza (era ed è ancora terz’ultima, davanti a Monteponi e Carloforte), non è stato un bel Carbonia. Fabio Piras ha recuperato quasi tutti i titolari (era fuori ancora Momo Cosa) ed ha potuto fare delle scelte, lasciando inizialmente fuori Riccardo Milia, Claudio Cogotti, Simone Giovagnoli, Giacomo Sanna ed Alberto Arrais. Subito in campo, Daniele Contu, 23 anni, tesserato alla vigilia, di ritorno dal Latte Dolce (serie D), dove si era trasferito nell’estate del 2017. Due le occasioni da rete create nel primo tempo, con altrettante belle azioni manovrate, ma due anche le occasioni per il Vecchio Borgo Sant’Elia. Meno brillante il secondo posto, nel corso del quale, anche dopo alcuni cambi, la squadra biancoblu non è mai riuscita a trovare la lucidità necessaria dalla trequarti in avanti. Solo nei minuti finali e in pieno recupero, negli ultimi assalti, la difesa del Vecchio Borgo Sant’Elia ha tremato alcune volte ma anche con un pizzico di fortuna la squadra di Vladimiro Murgia è riuscita a strappare un punto preziosissimo in chiave salvezza.

Volti cupi a fine partita nello spogliatoio biancoblu. Fabio Piras s’è scusato e non ha rilasciato interviste, lasciando il Comunale “Carlo Zoboli” visibilmente preoccupato per il periodo negativo vissuto dalla squadra che continua a fare grande fatica da andare in goal (14 goal in 12 partite all’attivo, 8 squadre hanno meglio; 7 al passivo con la seconda miglior difesa) e colleziona un numero eccessivo di pareggi (6, la metà delle partite giocate) per una squadra che punta ad un ruolo di primo piano al vertice della classifica.

Alla giornata no del Carbonia, si contrappone quella gioiosa di Villamassargia e Monteponi.

La squadra di Giampaolo Murru ha regolato il Sant’Elena (reduce dalla vittoria sul Carbonia) con un netto 2 a 0, reti di Nicola Farci e Davide Piras, centrando la sesta vittoria nelle ultime sette giornate, che l’ha portata ancora più su in classifica, ora al quarto posto fianco a fianco con il ben più ambizioso Carbonia, dal quale era stato eliminato nel primo turno eliminatorio di Coppa Italia (1 a 3 a Carbonia, 0 a 1 in casa).

La Monteponi s’è finalmente sbloccata ed ha fatto suo il derby di Carloforte con un goal realizzato dal neo acquisto Davide Meloni (centrocampista, 20 anni, arrivato dalla San Marco Assemini ’80, dove è approdato Diego Flumini) dopo 5 minuti. Il goal vale tre punti, il sorpasso in classifica sul Carloforte, ora ultimo con 4 punti, due punti dietro la Monteponi, ma probabilmente anche molto di più in prospettiva. Dopo tutti i guai di questo difficilissimo avvio di stagione, la società prima ha cambiato allenatore, chiamando Andrea Marongiu al posto di Andrea Marras, e poi è tornata sul mercato, per porre rimedio agli errori commessi in estate. Oltre a Davide Meloni, sono arrivati anche l’attaccante Samuele Curreli, 30 anni, tornato dall’Atletico Villaperuccio; l’esterno alto Enrico Valluzzi, 18 anni, dal Villasor; Roberto Palmas, 41 anni, dal Selargius. Con Diego Flumini, sono partiti Christian Dessì, Eduardo Murgia, Bruno Enrique Martini De Santana e Marco Monni. Il mercato di riparazione terminerà il 15 dicembre e, fino a quel giorno, la società cercherà di completare l’organico, con un solo piccolo grande obiettivo: salvare la categoria.

Sugli altri campi, vittorie in rimonta per le prime due della classe, San Marco Assemini ’80 e La Palma Monte Urpinu, con l’identico punteggio di 2 a 1, su Orrolese e Selargius (la capolista ha segnato il goal vittoria in piena zona-Cesarini) e situazione immutata al vertice, con le due squadre divise da quattro punti. Ferma al terzo posto a quota 23 punti l’Orrolese, battuta dalla San Marco Assemini ’80. Pari senza goal tra Villasor ed Arborea e vittorie di misura, infine, per l’Idolo sul Seulo 2010, 2 a 1, e per il Gonnosfanadiga, alla seconda vittoria interna consecutiva, sull’Andromeda, 1 a 0.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, nuovo avvicendamento in vetta alla classifica. La Fermassenti ha vinto sul campo della Virtus Villamar, 2 a 1, ed ha scavalcato al primo posto il Cortoghiana, bloccato sullo 0 a 0 sul campo dell’Oristanese, ed agganciato al secondo posto anche dalla Villacidrese, impostasi nettamente per 4 a 1 sull’Atletico Narcao. Passo falso casalingo per l’Isola di Sant’Antioco che ha perso 3 a 2 con la Freccia Parte Montis, vanificando in parte la preziosa vittoria ottenuta sette giorni fa sul campo della capolista Fermassenti. Vittorie esterne anche per la Libertas Barumini sul campo del Circolo Ricreativo Arborea per 3 a 2 e per il Sadali sul campo dell’Atletico Sanluri, 2 a 1; vittoria di misura anche per il Gergei sul Seui Arcueri e pari tra Villanovafranca e Tharros, penultima ed ultima in classifica, 1 a 1.

Verrà disputata giovedì 6 dicembre Atletico Villaperuccio – Gioventù Sportiva Samassi.

 

 

[bing_translator]

Giornata nera per le squadre sulcitane, tutte sconfitte, nel girone A del campionato di Promozione regionale. Il Carbonia ha perso sul campo del Sant’Elena, 2 a 1, la prima partita stagionale e scivola al quarto posto in classifica, scavalcato dall’Orrolese, la squadra più in forma, impostasi con autorità (3 a 1) sul campo del Vecchio Borgo Sant’Elia. Sceso in campo privo dello squalificato Daniele Bove (sostituito dal 17enne Federico Murroni), di Momo Cosa, Nicola Boi e Fabiano Todde, ha subito due goal al 15′ ed al 30′, ed ha reagito nella ripresa, riuscendo a dimezzare lo svantaggio con un colpo di testa di Christian Cacciuto, ben servito da Marco Foddi. Lo stesso Christian Cacciuto si è procurato il calcio di rigore che avrebbe potuto riportare il Carbonia in partita a 7′ dalla fine, ma lo ha sciupato (è la terza volta che gli accade dall’inizio della stagione, il più amaro resta quello sul campo della capolista San Marco Assemini ’80 che in quel caso avrebbe potuto valere la vittoria).

La capolista San Marco Assemini ’80 ha espugnato il Monteponi di Iglesias (in questo girone d’andata la squadra rossoblu ha perso tutte le partite, cinque, giocate in casa) con due goal realizzati dal suo bomber Silvio Fanni al 25′ ed al 44′ del primo tempo, nel corso del quale ha concesso poco alla Monteponi e colto anche una traversa. Nella ripresa, la squadra di Andrea Marongiu (scesa in campo priva del centravanti Diego Flumini, destinato a vestire dalla prossima settimana, all’apertura del mercato di riparazione, proprio la maglia della San Marco Assemini ’80, dalle cui fila arriverà a Iglesias l’esterno offensivo Davide Meloni; e del difensore Bruno Enrique De Santana Martini, squalificato) ha giocato con più coraggio ed ha creato qualche problema alla difesa ospite, riuscendo a dimezzare lo svantaggio con un colpo di testa di Stefano Demontis e nel finale, dopo che la San Marco Assemini ’80 ha colpito un’altra traversa, ha avuto anche un’occasione per riagguantare clamorosamente il pareggio.

La San Marco Assemini ’80 s’è confermata meritevole del primo posto in classifica, squadra completa in tutti i reparti, capace anche di soffrire nei momenti difficili.

La Monteponi ha evidenti limiti di organico ed Andrea Marongiu aspetta ora i rinforzi promessi dalla società guidata dal presidente Giorgio Ciccu.

Il Gonnosfanadiga ha interrotto la serie vincente del Villamassargia, superandolo per 2 a 0. Per la squadra di Giampaolo Murru, reduce da ben cinque vittorie consecutive, nessun dramma, resta al quinto posto, ora affiancata dall’Arborea che ha pareggiato 0 a 0 in casa con l’Idolo.

Ancora una sconfitta per il Carloforte di Massimo Comparetti, 2 a 0, sul campo dell’Andromeda. I numeri della classifica sono assai preoccupanti, non solo per i 4 punti che la pongono al penultimo posto, davanti solo alla Monteponi che ha un punto in meno, ma per i goal realizzati, soltanto 2 in 11 partite, a fronte dei 21 subiti.

Sugli altri campi, il Seulo 2010, dopo la capolista San Marco Assemini ’80, ha bloccato sul pari anche la vicecapolista La Palma Monte Urpinu; il Selargius, infine, ha superato con un rotondo 2 a 0 il Villasor.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, l’Isola di Sant’Antioco ha espugnato a sorpresa il campo della Fermassenti con il punteggio di 2 a 0. Per la squadra di Roberto Concas è la prima sconfitta stagionale che interrompe una serie record di 8 vittorie consecutive e costa il primo posto, ora nelle mani del Cortoghiana, impostosi nettamente, come da pronostico, sulla Tharros, per 3 a 0. Al terzo posto, a due punti dal Cortoghiana e ad uno dalla Fermassenti, c’è la Villacidrese, bloccata sull’1 a 1 sul campo dell’Oristanese. E’ scivolato al quinto posto l’Atletico Villaperuccio, sconfitto nel derby di Narcao, 2 a 1.  Sugli altri campi, 1 a 1 tra Gioventù Sportiva Samassi e Virtus Villamar; 2 a 2 tra Seui Arcueri e Circolo Ricreativo Arborea; vittorie casalinghe per il Sadali sul Villanovafranca (3 a 1) e per la Freccia Parte Montis sul Gergei (1 a 0); e, infine, impresa esterna per l’Atletico Sanluri sul campo della Libertas Barumini (1 a 0).

Il girone A del campionato di Promozione entra nel vivo e per l’undicesima giornata propone partite di grande interesse. La Monteponi, reduce dal bel pari ottenuto nel derby di Carbonia, ospita la capolista San Marco Assemini ’80, con la quale in settimana ha definito la prima operazione del mercato di riparazione. Il centravanti rossoblu Diego Flumini, come ampiamente previsto da diverse settimane, termina anzitempo la sua esperienza a Iglesias e passa alla San Marco, dalla quale fa il percorso inverso l’esterno Davide Meloni. I due calciatori, anche se i rispettivi trasferimenti dovrebbero essere ufficializzati sabato 1 dicembre, giorno di apertura dei termini del mercato bis, oggi non dovrebbero giocare per ragioni di opportunità, visto che l’operazione è ormai definita.
Lo scambio tra Diego Flumini e Davide Meloni è solo la prima operazione del mercato di riparazione che dovrebbe vedere la Monteponi tra le società più attive, decisa a porre rimedio agli errori commessi in estate.
Andrea Marongiu oggi non potrà disporre neppure del difensore Bruno De Santana Martini, fermato per una giornata dal giudice sportivo.

Il Carbonia, privo dello squalificato Daniele Bove, gioca sul campo del Sant’Elena Quartu, deciso a fare bottino pieno, per evitare di perdere ancora terreno dalla vetta della classifica, ora distante quattro punti. Anche il Carbonia dovrebbe tornare sul mercato per due operazioni in ingresso ma non è da escludere che possano esserci anche delle partenze.

Il Villamassargia, con il morale a mille per aver centrato nel recupero infrasettimanale con il Villasor la quinta vittoria consecutiva che l’ha fatto salire fino al quinto posto in classifica, gioca sul campo del Gonnosfanadiga, dove arriva con grande fiducia e cerca la sesta vittoria di fila.

Il Carloforte gioca a Siurgus Donigala, con l’Andromeda, avversario che sul suo campo sa farsi rispettare e due settimane fa ha fermato sul pari il Carbonia.

Sugli altri campi si giocano le partite Arborea-Idolo, Selargius-Villasor, Seulo-La Palma Monte Urpinu e Vecchio Borgo Sant’Elia-Orrolese.

Nel girone B del campionato di Prima Categoria, la capolista Fermassenti nel derby casalingo con l’Isola di Sant’Antioco insegue la nona vittoria consecutiva che le consentirebbe di tenere le distanze dal Cortoghiana che nel confronto casalingo con la Tharros, squadra in profonda crisi, non dovrebbe faticare a centrare l’ottava vittoria stagionale.

Un altro derby è in programma tra Atletico Narcao ed Atletico Villaperuccio.

Completano il programma dell’undicesima giornata del girone d’andata, le seguenti partite: Freccia Parte Montis-Gergei, Gioventù Sportiva Samassi-Virtus Villamar, Oristanese-Villacidrese, Sadali-Villanovafranca e Seui Arcueri-Circolo Ricreativo Arborea.

[bing_translator]

La capolista San Marco Assemini ’80 si è aggiudicata il big match interno con il Carloforte con un goal realizzato da Davide Farci al 30′ del primo tempo e continua a comandare la classifica del girone A del campionato di Promozione regionale, con 3 lunghezze di vantaggio sull’Arbus, impostosi sul difficile campo dell’Arborea, con identico punteggio. La squadra di Paolo Ledda ha resistito nel finale al forcing del Carloforte del neo tecnico Pasquale Lazzaro ed è riuscita a portare a casa un fondamentale successo, nonostante la prematura uscita dal campo di Davide Meloni, infortunatosi nelle battute iniziali dell’incontro. Per il Carloforte si tratta della terza sconfitta consecutiva che fa precipitare la squadra rossoblu a ben 7 punti dalla vetta.

La San Marco ha iniziato con piglio aggressivo: dopo 60 secondi Serra ha proposto un cross interessante, ma leggermente troppo lungo per Fanni. Poco dopo Matteo Tosi ha cercato la conclusione dai venti metri, con la palla alta di poco. Al 7’ la San Marco ha perso una delle pedine più importanti, Davide Meloni, a seguito di uno scontro con Youssou Pape Diop. Al suo posto è entrato Davide Farci. All’11’ la San Marco è andata ad un passo dal vantaggio: Fanni ha ricevuto da Mura, si è lanciato in fuga sulla sinistra ed ha calciato da posizione defilata: solo il palo ha salvato il Carloforte dalla capitolazione. Dieci minuti più tardi un nuovo tentativo del numero 10 asseminese è termina di poco alto sopra la traversa. La supremazia dei padroni di casa è stata coronata dal gol al 30′: Pilleri ha messo in mezzo su calcio di punizione, Farci è svettato ed ha battuto Grosso, siglando il goal dell’1 a 0.

Il Carloforte ha provato a reagire e Daddi è stato impegnato per la prima volta al 39’, disinnescando una conclusione pericolosa di Sanna. Sul finire del primo tempo Pilleri ha messo un altro bel pallone all’interno dei 16 metri, ma Porcu e Farci non sono riusciti a trovare la deviazione vincente.

Nella ripresa, al 18’, Farci è stato provvidenziale nel negare la gioia del gol a Bodano. Botta e risposta al 30’: prima una percussione di Lazzaro è stata bloccata da Sirigu, poi Farci, ben imbeccato da Fanni, ha calciato altissimo da posizione vantaggiosa. I tabarchini hanno provato il tutto per tutto nel finale, ma Daddi è stato ancora una volta attento sul tiro Achenza. Nel corso del lunghissimo recupero concesso dal signor Casula di Ozieri, la San Marco è andata vicina al raddoppio prima con Fanni, poi con Mastromarino. A un minuto dal termine sospiro di sollievo per mister Ledda, con Dinaro che ha salvato miracolosamente il risultato al termine di un’azione d’attacco del Carloforte. Pilleri e compagni hanno stretto i denti durante il forcing finale dei tabarchini e al triplice fischio hanno esultato per una vittoria di cruciale importanza per il prosieguo della stagione.

San Marco Assemini 80 – Carloforte 1-0

San Marco: Daddi, S. Tosi, D. Corda, Pilleri, Porcu, Sirigu, Meloni (dal 7’ pt Farci, dal 36’ Mastromarino), Serra (dal 43’ st Dinaro), Mura, Fanni, M. Tosi (dal 40’ st Cao). A disposizione: Muccione, Cordeddu, Barry Alseni. Allenatore: Paolo Ledda.

Carloforte: Grosso, Granara (dal 17’ st Uccheddu), Diop, Donnola, Recano, Pancotto, Lazzaro, Achenza, Pilosu (dall’11’st Iesu), Bodano (dal 38’ st Pintus), Sanna. A disposizione: Milia, Napoli, Leone, Garau. Allenatore: Pasquale Lazzaro.

Arbitro: Casula di Ozieri (assistenti di linea Siddi di Cagliari e Deriu di Oristano)

Marcatore: 30’ pt Farci (SM).

Ammoniti: 37’ pt Bodano (C), 41’ pt Mura (SM), 2’ st Pilleri (SM), 3’ st Sanna (C), 17’ st Sirigu (SM), 21’ st Muccione (SM), 50’ st Mastromarino (SM).

Il match winner Davide Farci.

Il match winner Davide Farci.

[bing_translator]

 

La stagione 2017/18 della San Marco Assemini ‘80 è ufficialmente partita. Martedì 25 luglio, nel corso di una conferenza stampa organizzata presso la sala riunioni del Centro Commerciale “La Corte del Sole” di Sestu, sono state svelate le novità che accompagneranno il club nella prossima stagione sportiva. La seconda consecutiva nel campionato di Promozione regionale di calcio.

I tre “colpi” del mercato estivo della San Marco sono: Silvio Fanni, vicecapocannoniere dell’ultimo campionato di Eccellenza con la maglia della Monastir Kosmoto, Davide Meloni, centrocampista ex La Palma, e Alessio Mastromarino, attaccante classe 1993 che ha avuto modo di saggiare anche il mondo del calcio professionistico con il Bellaria.

Tra le grandi novità della stagione c’è anche il tecnico Paolo Ledda, ex Porto Corallo e Samassi.

Oltre ai già citati Fanni, Mastromarino e Meloni, lunedì 21 agosto, giorno previsto per l’inizio della preparazione, mister Ledda potrà contare sui confermati Diego Daddi, Matteo Sirigu, Stefano Dinaro, Pierluigi Pilleri, Claudio Mura, Riccardo Serra e Davide Farci. Sarà ricco, inoltre, come nella scorsa stagione, il contributo dei giovani delle annate ’97, ’98, ’99 e ’00.