15 July, 2024
HomePosts Tagged "Stuart Braithwaite"

[bing_translator]

Appuntamento a Cagliari con il Karel Music Expo, il festival delle culture resistenti ideato e organizzato nel capoluogo sardo dalla cooperativa Vox Day, quest’anno alla sua edizione numero tredici: dopo la bella anteprima dell’altro sabato – 9 novembre – al Fabrik con Perry Frank e con Stuart Braithwaite, leader e chitarrista dei Mogwai, la manifestazione vive il suo clou in tre lunghe serate, da questo giovedì (21 novembre) a sabato 23, all’EXMA, il Centro Comunale d’Arte e Cultura in via San Lucifero, dove fa base per la prima volta.

Tiene banco la musica, come sempre, spaziando tra i generi e gli stili con tredici diverse proposte della scena nazionale e internazionale: in arrivo dalla Penisola The Winstons, i Julie’s Haircut, La Luna e i C’mon Tigre, dall’Austria gli Alpine Dweller, da Malta The Ranch, dal Regno Unito la scozzese Emme Woods, l’inglese Joey Collins e il gallese Matthew Frederick, mentre a rappresentare il panorama sardo saranno La Città di Notte, il duo Nunc, La Pioggia ed il Luigi Frassetto Quartet.

Tanta musica, dunque, ma non solo, perché il Karel Music Expo è una vetrina multidisciplinare che promuove tutte le forme espressive estranee ai meccanismi della grande distribuzione; ecco, dunque, in cartellone, anche le installazioni dell’artista giapponese Makoto e del romano Daniele Spanò, le performance e le opere di Rugiada Cadoni, un incontro-dibattito di astronomia culturale con Agostino Piano, uno spettacolo formativo sulle dipendenze dalle nuove tecnologie, e una selezione di cortometraggi proposta in collaborazione con lo Skepto International Film Festival e la Fondazione Sardegna Film Commission; il tutto sotto un titolo caratterizzante, “Generazioni”, suggerito dall’imminente epilogo di questo decennio, come spiega il direttore artistico Davide Catinari: «Ogni decade giunge alla sua conclusione attraverso una rappresentazione che ne traccia la memoria, così che ogni epoca possa essere ricordata in accordo con tutto quello che ha prodotto e ogni generazione per ciò che ha espresso. (…) Ma la percezione dell’alternarsi di diverse generazioni, soprattutto durante il secolo appena trascorso, ha reso memorabili diversi passaggi di consegne, come quello tra le due guerre mondiali o la rivoluzione culturale, e giovanile, che dalla fine degli anni ’60 in poi ha contribuito a creare un immaginario immenso, denso di simboli, volti, oggetti, suoni, mode e modalità che hanno segnato gli ultimi cinquant’anni della storia di questo pianeta, trasformando per sempre l’idea stessa della nostra vita».

[bing_translator]

Grande anteprima, sabato sera (9 novembre) a Cagliari, del tredicesimo Karel Music Expo, il festival delle culture resistenti ideato e organizzato dalla cooperativa Vox Day: al Fabrik, in via Mameli, è di scena uno degli ospiti più attesi in cartellone, Stuart Braithwaite, il leader, chitarrista e cantante dei Mogwai, band tra le più rappresentative della scena post-rock.

Classe 1976, cresciuto ascoltando Cure, Joy Division e Velvet Underground, il musicista scozzese ha iniziato a suonare giovanissimo prima di dare forma ai Mogwai, nel 1995, insieme al bassista Dominic Aitchison ed al batterista Martin Bulloch. La passione per la musica l’ha sempre spinto a sperimentare nuovi suoni e melodie, affermandosi negli anni come uno degli artisti più poliedrici e affascinanti del panorama musicale internazionale. Agli inizi del nuovo millennio, tra un impegno e l’altro con i Mogwai, Stuart Braithwaite ha cominciato a sperimentare il suo progetto solista, riscuotendo subito un inaspettato successo in un minitour: una nuova dimensione solitaria, ma sempre caratterizzata dai raffinati e allo stesso tempo minimali tessuti sonori che sono la sua cifra distintiva, in cui si intrecciano sapientemente ambient guitar noise, elettronica e cantautorato. Voce, chitarra e pedaliera, il suo concerto di sabato a Cagliari si annuncia intimo e rumoroso allo stesso tempo, con brani tratti del suo repertorio e altri firmati Mogwai.  

A precedere Stuart Braithwaite sul palco del Fabrik, alle 21.30, Perry Frank, progetto di musica ambient, post-rock del musicista e polistrumentista sardo Francesco Perra, cominciato nel 2006: atmosfere oniriche e sognanti generate da soundscapes, drones e glitch di sottofondo che creano paesaggi sonori rarefatti ed eterei, al tempo stesso rassicuranti, meditativi, vagamente nostalgici e oscuri. 

[bing_translator]

Salta il set di Stuart Braithwaite in programma questa sera, a Cagliari, nell’ambito del decimo Karel Music Expo. Il musicista scozzese, leader dei Mogwai, è stato costretto a cancellare a malincuore l’impegno per motivi di salute: nella giornata di ieri ha purtroppo subìto un’intossicazione alimentare, e sta ora ultimando gli accertamenti medici necessari. Il concerto verrà recuperato in data da destinarsi entro il prossimo gennaio.

[bing_translator]

Seconda serata, domani (venerdì 7 ottobre) a Cagliari, per il Karel Music Expo, il “festival delle culture resistenti” ideato e organizzato dalla cooperativa Vox Day, quest’anno alla sua edizione numero dieci. Il cartellone, che andrà avanti in varie date fino al 23, concentra in questo fine settimana la sua parte più corposa, articolata tra il Giardino sotto le Mura in viale Regina Elena e la consueta cornice del quartiere storico di Castello, al Teatro Civico in via De Candia ma anche al Ghetto in via Santa Croce. Qui sono in programma due diversi appuntamenti che precedono la serata musicale di domani (venerdì 7): alle 17.30 (e fino alle 18.30) si parla di adempimenti fiscali e contributivi in “Esibirsi in regola”, un workshop dedicato ai musicisti e agli artisti dello spettacolo a cura della cooperativa ESIBIRSI di Pordenone. L’iscrizione è gratuita ma occorre prenotarsi tramite la segreteria di Vox Day.

A seguire, alle 19, la seconda e ultima serie di proiezioni del KME Movie, una selezione di corti d’artista – già collaudata con successo nella scorsa edizione – realizzata in collaborazione con lo Skepto International Film Festival, l’annuale rassegna cagliaritana che coinvolge filmmaker indipendenti di tutto il mondo. In programma “Detour” di Michael Kam (Singapore), “8 ay” di Hüseyin Aydin Gürsoy (Francia, Turchia), “The radar” di Nicky Marbot e Jan Rouiller (Francia), “Estocolmo” di Alvaro Martin (Spagna) e “Non senza di me” di Brando De Sica (Italia).

Tre diversi set scandiscono invece il programma musicale al Giardino sotto le Mura. A salire per prima sul palco, alle 20, una formazione sarda: Trigale. Partendo da basi rock’n’roll, blues e country, Marco Noce alla voce e chitarra, Nicola Serci al basso e voce e Roberto Etzi alla batteria e voce, trovano la loro dimensione in un suono a metà strada fra l’acustico e l’elettrico, costruendo canzoni che raccontano storie semplici e surreali, in bilico fra passato prossimo e futuro remoto.

La scena musicale isolana è presente anche nel secondo atto della serata con Carlo Addaris, autore, polistrumentista, già frontman dei Colazione Freak e più di recente deus ex machina del progetto Lo-Car. Al Karel Music Expo presenta un’anteprima di “Metamorfosi”, il suo disco solista di prossima uscita (Seahorse Records), in cui si fondono in modo originale elettronica e cantautorato, tra sperimentazione, sprazzi di psichedelia e easy listening.

Arrivano invece da Los Angeles gli Ultra Violent Rays, un duo elettronico dream pop dalle forti influenze dark, con un’attitudine verso la sperimentazione e la ricerca, da cui si percepisce l’ascendenza di gruppi come Portishead, Massive Attack e Phantogram. Cooper Gillespie al basso, sintetizzatore e voce, e Greg Gordon alla batteria e basi, creano uno strato di hip hop beats, melodie dream pop, dark synths, che evoca atmosfere fantascientifiche, con un suono tutto loro che chiamano “space pop”.

Alle 22.00, mentre la serata al Giardino sotto le Mura prosegue con il Dj set a cura di Radiolina, con Carlotta Coco e Simonluca Olla alla consolle, il Karel Music Expo si trasferisce nella sua sede “storica”, il Teatro Civico di Castello, per un altro trittico di proposte.

A salire per primi sul palco centrale saranno i Soviet Soviet, ovvero Alessandro Costantini alla voce e chitarra, Andrea Giometti al basso e voce, e Alessandro Ferri alla batteria. Nato nel 2008, il trio pesarese ha all’attivo tre Ep e un album, “Fate” (2013), acclamato dalla critica come disco della maturazione. Post-punk potrebbe essere il genere sotto cui etichettare la loro musica, ma i Soviet Soviet guardano anche verso altri orizzonti, come la coldwave e l’art-punk, sfuggendo alle definizioni più stringenti per cercare di creare un sound fresco e allo stesso tempo ricercato. In attesa del nuovo album di prossima uscita, lo scorso inverno i Soviet Soviet hanno girato l’Europa e pubblicato le ristampa delle loro prime due fatiche in studio, l’EP Summer, Jesus (Tannen Records, 2011) e Nice (Tannen Records, 2011).

Altre sonorità e atmosfere nel set successivo con Wrongonyou, al secolo Marco Zitelli, cantautore romano (classe 1990) che unisce influenze folk, pop, funk, un pizzico di elettronica e una voce soul per dare vita al suo personale stile. Grazie al primo demo, “Hands”, registrato all’Università di Oxford, ha iniziato a ottenere consensi, esibendosi anche in importanti festival europei tra cui il Bime di Bilbao e l’Eurosonic di Groningen. È in cantiere il suo primo album full-lenght, che vedrà la luce prossimamente per l’etichetta Carosello.

Finale di serata con uno degli ospiti più attesi di questa edizione del Karel Music Expo, Stuart Braithwaite, leader, cantante e chitarrista dei Mogwai, la band scozzese che ha segnato la storia del post rock. Cresciuto ascoltando i Cure, i Joy Division e i Velvet Underground, la sua passione per la musica lo ha portato da sempre a sperimentare nuovi suoni e melodie, affermandosi negli anni come uno degli artisti più poliedrici e affascinanti del panorama musicale internazionale. Agli inizi del nuovo millennio ha cominciato il suo progetto solista, riscuotendo subito un inaspettato successo: una nuova dimensione solitaria, ma sempre caratterizzata dai raffinati e allo stesso tempo minimali tessuti sonori che sono la sua cifra distintiva, in cui si intrecciano sapientemente ambient guitar noise, elettronica e cantautorato. Voce, chitarra e pedaliera, il suo concerto si annuncia intimo e rumoroso allo stesso tempo, con brani inediti tratti del suo nuovo repertorio e altri firmati Mogwai.

Gli appuntamenti in programma al Giardino Sotto le Mura sono ad ingresso gratuito. Ingresso a pagamento, invece, per i concerti al Teatro Civico di Castello: il biglietto costa quindici euro (più diritti prevendita) se acquistato in prevendita; diciotto euro il prezzo al botteghino, ridotto a dodici per i minori di venticinque anni e per i ciclisti affiliati Fiab che raggiungeranno in bici il Teatro. L’abbonamento per le serate di domani (venerdì 7) e sabato 8 costa venticinque euro più diritti in prevendita, ventotto euro al botteghino.

Soviet Soviet (1m) Stuart Braithwaite (m) Carlo Addaris Ultra Violent Rays (m) Trigale Wrongonyou (m)

[bing_translator]

E’ tutto pronto, a Cagliari, per il Karel Music Expo, il “festival delle culture resistenti” ideato e organizzato dalla cooperativa Vox Day, quest’anno al significativo traguardo della decima edizione. Un’edizione che, sotto il titolo “In nome del padre”, apre un trittico tematico da proseguire e sviluppare nei prossimi anni, all’insegna della musica e dell’arte come strumenti per l’abbattimento delle frontiere materiali e immateriali alla base dei conflitti nelle società e tra gli esseri umani.

Il fitto cartellone, che si estende fino al 23 ottobre, concentra tra questo giovedì (6 ottobre) e domenica 9 la sua parte più corposa, articolata tra la consueta cornice del quartiere storico di Castello, con epicentro al Teatro Civico in via De Candia, e il Giardino sotto le Mura in viale Regina Elena.

La parte del leone spetta come sempre alla musica, con gruppi e solisti nazionali e internazionali di generi e stili differenti, dal cantautorato moderno all’indie-rock, dal blues all’elettronica. In arrivo dalla penisola i Soviet Soviet, Sorge Wrongonyou, Marco Ferrante, Niccolò Francisci, il duo Interiors con la cantante Serena Fortebraccio; dalla Polonia Pola Rise, dall’Australia Adam Miller, da Malta il duo Fuzzhoneys, dagli Stati Uniti gli Ultra Violent Rays; giocano invece in casa i sardi Mario Nardi & Underground Sunshine Drum Ensemble, Carlo Addaris, Camera Oscura, Trigale e mumucs.

Tra i nomi di spicco, il cantautore e chitarrista statunitense Steve Wynn, lo scozzese Stuart Braithwaite, leader, cantante e chitarrista dei Migway, la coppia elettro-pop svizzera Kiku di scena con Blixa Bargeld membro e fondatore degli Einstürzende Neubauten, e con il produttore e Mc Black Cracker.

Tanta musica, dunque, ma non solo: corti d’autore, azioni ecosostenibili, degustazioni, laboratori e incontri, anche stavolta fanno parte integrante del variegato palinsesto del Karel Music Expo.

Il festival prosegue venerdì 14 all’Auditorium del Conservatorio, con l’atteso concerto di Tommy Emmanuel con Andy McKee come very special guest, mentre altri momenti extramusicali sono in calendario nei due fine settimana successivi: sabato 15 e domenica 16, nella Sala Anfiteatro della Regione Autonoma della Sardegna (in via Roma, 253), è in programma un congresso-laboratorio su “Nuova Economia e Diritti Umani, dalla competizione alla cooperazione, per un nuovo sistema di produzione e ridistribuzione“; nel weekend seguente (22 e 23 ottobre), infine, doppio appuntamento fuori porta al Parco Naturale dei Sette Fratelli per un laboratorio dinamico per il riconoscimento e l’utilizzo delle essenze alimentari e officinali della Sardegna.

 Camera Oscura (m)Adam_Miller_Traugott_Guitar_Press Fuzzhoneys (m) Mario Nardi & Underground Sunshine Drum Ensemble

Portraits_LABEL.indd

Steve Wynn (m) Stuart Braithwaite (m)