Lavori pubblici / Scuola

L’Amministrazione comunale di Carbonia risponde all’invito del presidente del Consiglio, proponendo un intervento sulla scuola elementare di Cortoghiana.

Giuseppe Casti 10 copia

L’Amministrazione comunale di Carbonia, risponde all’invito del presidente del Consiglio, proponendo un intervento sulla scuola elementare di via Tacca a Cortoghiana, l’edificio scolastico sui cui prevedere una serie di interventi migliorativi.

Nei giorni scorsi, infatti, il presidente del Consiglio ha indirizzato una lettera ai Sindaci, ribadendo l’importanza dell’istruzione e dell’edilizia scolastica e chiedendo ai primi cittadini di indicare, entro il 15 marzo 2014, un edificio scolastico su cui intervenire. Il Governo si è assunto la responsabilità di individuare nei successivi 15 giorni le strade per semplificare le procedure di gara e per liberare i fondi dal computo del Patto di Stabilità interna.

L’Amministrazione comunale ha colto questa possibilità inviando il materiale relativo agli interventi che riguardano la scuola elementare di Cortoghiana. È intenzione dell’Amministrazione far si che l’edificio di via Tacca, a seguito di un’attenta analisi dei costi e dei benefici, ospiti la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di 1° grado oggi presenti a Cortoghiana e la scuola primaria e la scuola secondaria di 1° grado presenti a Bacu Abis. Nella relazione inviata al Governo si spiega come l’accorpamento consentirà di migliorare il livello qualitativo dei servizi erogati nelle realtà scolastiche presenti.

Per il raggiungimento di tale obiettivo, che prevede una spese quantificabile in un milione e mezzo di euro, l’edificio ha bisogno di due tipologie di interventi: sull’efficientamento energetico e sulla ottimizzazione degli spazi esterni disponibili.

Il primo intervento riguarderà: la climatizzazione invernale ed estiva, attraverso l’adeguamento delle prestazioni energetiche dell’edificio con la riqualificazione dell’involucro edilizio finalizzata al contenimento delle dispersioni termiche; l’impianto di illuminazione attraverso la sostituzione dei corpi illuminanti esistenti con altri dotati di tecnologia  LED; la posa in opera, nelle aule e negli uffici, di sistemi di rilevazione e lettura della luce solare esterna per la modulazione della luce artificiale, in funzione di quella naturale, in modo da mantenere l’illuminamento globale all’interno dei valori previsti dalla norma; la posa in opera in aule, uffici e servizi igienici di sistemi di rilevazione della presenza tramite sensori ad infrarossi passivi, al fine di ottenere lo spegnimento dell’impianto in caso di assenza di persone. Inoltre, in un’ottica di riduzione dei consumi energetici, si prevede di dotare il complesso scolastico di un impianto fotovoltaico della potenza di 8 kw, da ubicare sulla copertura.

Per quanto riguarda l’ottimizzazione degli spazi esterni disponibili: si intende procedere alla sistemazione delle aree esterne (come demolizione e rifacimento della pavimentazione dei percorsi pedonali) e alla realizzazione di aree dedicate e attrezzate, per l’attività ludica e motoria, oltre che alla creazione di un giardino didattico, finalizzato alla attività di socializzazione degli alunni e alla prevenzione dei fenomeni di bullismo.

 

“Anche con quest’ultima iniziativa l’Amministrazione cerca di utilizzare tutte le opportunità e risorse disponibili per il miglioramento della qualità della vita dei suoi cittadini”.

Comments

comments

Leave a Reply