Musica

Seconda serata per il XXVI festival Narcao Blues. Apre alle 21.30 l’inglese Laurence Jones, a seguire la stella Lucky Peterson.

Laurence Jones (m) Lucky Peterson

Entra nel vivo, questa sera, a Narcao, la ventiseiesima edizione di Narcao Blues, il festival organizzato dall’associazione culturale Progetto Evoluzione.

Al centro della seconda serata due artisti di assoluta caratura internazionale. Il primo a ricamare blues nella notte sulcitana sarà il giovane chitarrista e cantante inglese Laurence Jones, che alle 21.30 salirà sul palco di piazza Europa accompagnato da Roger Inniss al basso e Phil Wilson alla batteria. Classe 1992, con uno stile a metà tra quello di Eric Clapton e Buddy Guy (così l’ha definito il musicista statunitense Walter Trout), Laurence Jones è considerato dai maggiori critici del settore come il “futuro del blues”, giudizio avvalorato dal doppio riconoscimento di “Young Artist of The Year” ottenuto ai British Blues Awards nel 2014 e l’anno scorso. Il giovane talento del blues britannico ha di recente firmato un importante contratto discografico con la Ruf Records e ha registrato i suoi primi due dischi presso il leggendario Dockside Studio in Louisiana, dove hanno inciso artisti del calibro di B.B. King e Derek Trucks. Prodotto da Mike Zito, il suo prossimo album, “Take Me High”, in uscita ad agosto, vede la partecipazione di un’importante rosa di musicisti come Walter Trout, Aynsley Lister, Yonrico Scott e Charlie Wooton.

Il secondo set della serata vedrà protagonista uno degli ospiti più attesi del festival, Lucky Peterson, sul palco insieme a Shawn Kellerman (chitarra), Timothy Waites (basso) e Raul Valdes (batteria). Cinquantadue candeline da spegnere il prossimo dicembre, il chitarrista, organista e cantante americano, originario di Buffalo, ha avuto la fortuna di crescere immerso nella musica fin dalla più tenera età: suo papà, James Peterson, aveva infatti un rinomato club, il “Governor’s Inn”, dove blues e jazz erano di casa. Così, a soli quattro anni, Judge Kenneth Peterson (questo il suo nome all’anagrafe) si innamora dell’organo Hammond B-3 e impara a suonarlo; Willie Dixon lo prende sotto la sua ala, e a sei calca il palco del leggendario Ed Sullivan Show; a otto anni, il giovanissimo Lucky aveva imparato a suonare anche la chitarra, a diciassette diventa il tastierista di Little Milton, ed è solo l’inizio di un cammino che lo vedrà diventare uno dei session man più richiesti: emblematica, in questo senso, la sua presenza tra i musicisti di Etta James. Nel 1992 inaugura la sua carriera solista pubblicando il suo primo album, “Lucky Strikes”, una fusione moderna e accattivante degli elementi del rock e del soul all’interno di pezzi blues che diventerà il filo conduttore dei suoi lavori: una ricerca continua di contaminazioni attraverso cui infondere alla sua personalissima interpretazione del blues un sapore fresco e innovativo. Lucky Peterson si esibirà sul palco di Narcao con un concerto nel quale spazierà tra suoi pezzi classici e brani estratti dal suo ultimo album, “Son of a Bluesman”, dedicato al padre scomparso nel dicembre 2010, figura decisiva nella sua ascesa alla scoperta della “musica del diavolo”.

La notte musicale sulcitana non terminerà in piazza Europa: per il consueto appuntamento dopo concerto, in località Santa Croce, il Mauro Mulas Blues Organ Trio accompagnerà il pubblico tra calici di vino e specialità tipiche della tradizione gastronomica narcarese. Il gruppo, con Rubens Massidda alla chitarra e Paolo Nonnis alla batteria, è stato fondato dal poliedrico pianista e tastierista cagliaritano con l’intento di trasporre la formula dell’organ trio, tipica del jazz, in un contesto decisamente blues. Il repertorio affrontato sarà composto prevalentemente da brani originali di Mauro Mulas.

 

Comments

comments

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply