Sanità

Il caso della chiusura del reparto oncologico della Casa di cura di Decimomannu è stato affrontato oggi in Consiglio regionale.

Una soluzione ponte che renda meno traumatico il passaggio dei malati oncologici dalla Nuova Casa di Cura di Decimomannu, dopo la chiusura del reparto, agli altri ospedali e che consenta una graduale presa in carico dei pazienti da parte dei nuovi medici fino alla fine dell’anno. Tutto a spese della Regione con la collaborazione dell’Università di Cagliari. E’ la proposta scaturita durante l’incontro, che si è tenuto nel pomeriggio in Consiglio regionale, tra il presidente dell’Assemblea legislativa sarda, Gianfranco Ganau, l’assessore della Sanità, Luigi Arru, il presidente della commissione Sanità, Raimondo Perra, i capigruppo, la proprietà della clinica privata ed una rappresentanza dei malati oncologici.

La portavoce dei pazienti, Vanna Fenu, ha evidenziato i disagi psicologici, fisici e organizzativi a cui stanno andando incontro i malati che sono stati assegnati ad altri ospedali: a San Gavino, al Businco a Cagliari, a Carbonia e al Policlinico di Monserrato. E ha evidenziato che «i pazienti in terapia hanno dovuto subire l’interruzione forzosa della continuità di cure e, quindi, anche del modello di fiducia e condivisione di scelte terapeutiche instaurato, con impegno di mesi, con i bravi medici e con il personale davvero particolarmente competente e disponibile di Decimomannu». Vanna Fenu ha poi aggiunto che «la chiusura di Decimomannu è arrivata in un momento di particolare difficoltà dei reparti di oncologia degli ospedali pubblici», legate «anche a carenza di personale, accentuata dal periodo di ferie» e ha chiesto la riapertura del reparto della Nuova Casa di cura «chiuso alla fine del mese scorso con modalità e tempi sbagliati».

Alberto Loi, amministratore delegato della Nuova Casa di Cura ha spiegato che alla base di questa decisione c’è stata la constatazione “dell’evoluzione travolgente della scienza oncologica” e la conseguente  impossibilità di adeguarsi alle nuove terapie, oltre alla decisione del dottor Carlo Floris, responsabile del Reparto di Oncologia, di andare in pensione. La proposta dell’assessore, che dovrà ancora essere esaminata dal punto di vista amministrativo, è stata appoggiata da tutti i componenti del Consiglio regionale, in particolare da Annamaria Busia (presidente del Gruppo Misto – Cd) e da Alessandra Zedda (capogruppo di Forza Italia), che hanno evidenziato la delicata situazione che vivono ogni giorno i pazienti affetti da un tumore. Anche i rappresentanti dei malati hanno accolto favorevolmente la proposta. Alberto Loi non ha inizialmente accettato, ma l’assessore gli ha proposto di rifletterci e di decidere dopo aver affrontato, in un successivo incontro, i dettagli pratici della proposta.

Comments

comments

Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply