Cronaca

I carabinieri della Compagnia di Iglesias hanno bloccato una donna di Decimoputzu resasi responsabile del danneggiamento della sede del Municipio, poi sottoposta a T.S.O.

I carabinieri della Compagnia di Iglesias sono intervenuti a Decimoputzu ove, alle ore 7.30 circa, era stata segnalata una donna che con un piccone aveva danneggiato le vetrate della sede del Municipio: in particolare è sono state danneggiate la porta d’ingresso e due vetrate di uffici attigui. Subito dopo l’atto, la donna era rientrata a casa in stato confusionale. I militari della stazione di Decimomannu, giunti sul posto, dopo le prime testimonianze raccolte, hanno subito ricostruito l’accaduto identificando l’autore: si tratta di una donna residente a Decimoputzu, già nota perché in passato aveva avuto momenti di minor lucidità ed aveva già subito Trattamenti Sanitari Obbligatori, per conclamati disturbi psichici. I carabinieri si sono recati presso l’abitazione della donna, ove si era rinchiusa, senza voler parlare con nessuno, intimando anzi a chiunque di allontanarsi; solo dopo alcune concitate fasi, che hanno visto anche l’intervento dei vigili del fuoco e del personale sanitario, è stato possibile bloccare la donna, anche per evitare che ponesse in essere atti autolesionismo, e per consentire alla Polizia Municipale di procedere alla notifica del provvedimento di T.S.O. La stazione carabinieri di Decimomannu prosegue gli accertamenti per appurare se alla base del danneggiamento del Palazzo Comunale vi sia una motivazione da tenere in considerazione per tutelare l’incolumità dei pubblici amministratori o se si sia trattato solo di una estemporanea manifestazione di violenza dovuta ad uno stato confusionale; in ogni caso, la donna è stata accompagnata presso l’ospedale Santissima Trinità di Cagliari, per ricevere le cure mediche del caso.

Comments

comments

Leave a Reply