Sport

Scatterà mercoledì 26 febbraio la fase nazionale della Coppa Italia di Eccellenza di calcio

Scatterà mercoledì 26 febbraio la fase nazionale della Coppa Italia di Eccellenza di calcio, giunta alla 54ª edizione. Il Carbonia è una delle 19 squadre che si contenderanno il prestigioso trofeo che vale anche la promozione diretta in serie D senza passare per il campionato. 18 delle 19 squadre sono già qualificate, la 19ª scaturirà dalla finalissima della Coppa Italia della regione Abruzzo, in programma mercoledì 12 febbraio, tra Castelnuovo Vomano e Torrese.

Le 19 squadre sono state suddivise in 8 giorni, 5 da 2 e 3 da 3 squadre. Il Carbonia, vincitore sabato ad Oristano della Coppa Italia della regione Sardegna, affronterà nel girone E il Real Monterotondo, vincitore della Coppa Italia nella regione Lazio, andata il 26 febbraio, ritorno il 4 marzo, con sedi da definire tramite sorteggio.

Gli altri gironi sono così definiti:

Girone A (3 squadre): Sestri Levante (Liguria), Casatese (Lombardia), Chisola (Piemonte).

Girone B (3 squadre): Manzanese (Friuli Venezia Giulia), Trento (Trento/Bolzano), San Donà (Veneto).

Girone C (2 squadre): Virtus Castelfranco /Emilia Romagna), San Marco Avenza (Toscana).

Girone D (2 squadre): Forsempronese (Marche), Tiferno Lerchi (Umbria).

Girone F (2 squadre): Castelnuovo o Torrese (Abruzzo), Tre Pini Matese (Molise).

Girone G (3 squadre): Vultur (Basilicata), Afragolese (Campania), Corato (Puglia).

Girone H (2 squadre): San Luca (Calabria), Giarre (Sicilia).

La vincente di ciascun girone accederà ai quarti di finale, in programma il 18 ed il 25 marzo; semifinali l’1 e l’8 aprile, finalissima il 22 aprile 2020, sul campo del Centro di Formazione Federale “Bozzi” di Firenze.

Gli accoppiamenti dei quarti di finale verranno definiti ponendo di fronte le vincenti dei gironi A e B, C e D, E e F, G e H. Il Carbonia, qualora riuscisse a superare il Real Monterotondo, affronterebbe la vincente tra Castelnuovo o Torrese e Tre Pini Matese. In semifinale, eventualmente, la vincente del quarto di finale tra le vincenti dei gironi G ed H.

Il regolamento prevede l’obbligo per le squadre di impiegare almeno 1 calciatore nato dal 1 gennaio 2000 in poi ed 1 dal 1 gennaio 2001 in poi e la possibilità di effettuare cinque sostituzioni.

 

 

 

Comments

comments

Leave a Reply