18 August, 2022
HomeIstruzioneIgeaL’assessore regionale dell’Industria ha annunciato ai sindacati la ripresa dell’attività dell’#Igea Spa.

L’assessore regionale dell’Industria ha annunciato ai sindacati la ripresa dell’attività dell’#Igea Spa.

Palazzo della Regione 1 copiaPiras-Pigliaru 1 copia
L’assessore regionale dell’Industria, Maria Grazia Piras, ha annunciato ieri ai sindacati la ripresa dell’attività dell’#Igea Spa. La proposta presentata dall’assessore dell’Industria si basa su risanamento della società e riavvio dell’attività produttiva che consentirà peraltro la ripresa del pagamento degli stipendi.
Il testo dell’accordo, ancora in corso di esame da parte dei rappresentanti dei lavoratori, richiama i punti essenziali contenuti nella delibera approvata dalla Giunta Pigliaru nella seduta di martedì scorso.
«A fronte di un indebitamento della società in liquidazione pari a 20 milioni di euro e della pressoché totale assenza di liquidità – ha detto l’assessore Piras – abbiamo comunque preferito intraprendere un percorso virtuoso, scongiurando il fallimento o la strada oggi impercorribile della trasformazione di Igea in agenzia regionale.»
La deliberazione del 15 luglio 27/12 individua la possibilità di un percorso di risanamento già avviato a maggio con la nomina del liquidatore, nell’ambito di una procedura di concordato che garantisca la conservazione del patrimonio aziendale e la parità di trattamento nei confronti dei creditori.
«L’obiettivo – ha rimarcato Maria Grazia Piras – è naturalmente anche quello di salvaguardare le attività di manutenzione dei siti minerari cui la Regione è obbligata ad adempiere.»
La proposta della Regione ai sindacati e la delibera prevedono che l’assessorato dell’Industria elabori una convenzione triennale con Igea riguardante la custodia e il mantenimento in sicurezza delle miniere per un totale di 28 milioni di euro.
«Il percorso concordato – ha concluso l’assessore regionale dell’Industria – è diretto alla ripresa della normale attività che consentirà anche il pagamento degli stipendi correnti ai circa 260 dipendenti.»

 

FOLLOW US ON:
Tesori di Sardegna:
Entro 120 giorni l'a

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT