18 May, 2022
HomeTurismoPescaInterrogazione dei deputati Cani e Marrocu sulle quote tonno.

Interrogazione dei deputati Cani e Marrocu sulle quote tonno.

Girotonno Mattanza 1

I deputati del Partito Democratico Emanuele Cani e Siro Marrocu hanno presentato un’interrogazione a risposta in commissione al ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, per sapere, se intenda intervenire per riequilibrare la  ripartizione delle quote della pesca del tonno, prevedendone l’assegnazione del 30% a ciascuna delle tipologie di pesca quali tonnare fisse, pesca con i palangari e circuizione ed il rimanente 10% per la pesca  sportiva e indiviso; e se si intenda aumentare il peso della taglia minima del pescato oggi fissato in 30 kg.

Cani e Marrocu sottolineano che la Commissione internazionale Iccat, riunitasi lo scorso 17 novembre a Genova, ha preso in considerazione la possibilità di un aumento del 20% per il 2015 delle quote di tonno rosso pescabile in quanto il controllo scientifico in atto per il monitoraggio dello stock di tonno ne ha rilevato un leggero aumento presumibilmente dovuto ad un corrispondente aumento della temperatura del mare, avvenuta in questi anni a causa dei cambiamenti climatici;

per quanto riguarda l’Italia si passerà dalle attuali 1.950 tonnellate alle oltre 2.300 tonnellate nel 2015;

tenendo conto della realtà odierna, oltre alle previste misure contro la pesca illegale non dichiarata e non regolamentata, bisognerebbe considerare un riequilibrio di assegnazione delle quote di pesca  in base alle tecniche adottate. Sino ad oggi il Governo italiano ha assegnato la ripartizione delle quote mediante il decreto del 13 maggio 2014 assegnando ben il 75% alla pesca a circuizione (così dette tonnare volanti), il 13,5% ai palangari, solo l’8% alle tonnare fisse e oltre il 10% alla pesca sportiva ed indiviso;

secondo i due deputati del PD appare necessario un riequilibrio della ripartizione delle suddette quote prevedendo una ripartizione che assegni il 30% delle quote alle  tonnare fisse, un 30% alla pesca con i palangari, un 30% per la circuizione e il 10% per la pesca sportiva e indiviso. Questa nuova ripartizione contribuirebbe non poco a  salvaguardare la specie e aumentarne così la popolazione, in quanto le tonnare fisse rappresentano la pesca ecologicamente più sostenibile e con forti tradizioni locali come nel caso di quelle di Portoscuso e Carloforte;

un ulteriore aspetto da valutare – concludono Cani e Marrocu – è quello relativo all’aumento del peso della taglia del pescato attualmente stabilito in 30 kg, ossia quando il tonno è all’inizio della sua maturità sessuale e della fase riproduttiva; è quindi necessario prevedere un parametro diverso per dare il giusto tempo al tonno di riprodursi naturalmente. In pratica la piccola taglia del pescato determina il fatto che oltre il 90% viene portato nelle gabbie ad ingrasso per soddisfare la richiesta del mercato che richiede taglie ben superiori.

FOLLOW US ON:
Il Consiglio regiona
L’assemblea dei la

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT