13 June, 2024
HomeSportE’ stato presentato oggi il 5° Rally dell’Ogliastra, in programma dal 22 al 24 maggio.

E’ stato presentato oggi il 5° Rally dell’Ogliastra, in programma dal 22 al 24 maggio.

Rally d'Ogliastra

E’ stata presentata stamane nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella sala convegni della Cantina Antichi Poderi di Jerzu, la quinta edizione del Rally d’Ogliastra. La Mediterranean Team e la Porto Cervo Racing hanno riproposto il modello vincente che affianca le gare sportive, la bellezza delle sue strade, la conoscenza di una cultura che contraddistingue un territorio ancora sconosciuto ai molti.

Gianni Coda coorganizzatore dell’evento insieme a Mediterranea Team, ha aperto i lavori e portato i saluti della scuderia PCRT che ha scelto anche questa volta di correre in Ogliastra. Dalle montagne di Osini fino alle colline di Santa Maria Navarrese, da Ilbono fino a Tortolì: otto speciali per due giorni di gara. Raffaele Usala vice presidente della Cantina Sociale di Jerzu ha fatto gli onori di casa: «Lo sport e la cultura enogastronomica vanno a braccetto e siamo entusiasti di poter avere una gara che coinvolge tanto pubblico e una squadra che lavora con passione», ha detto, rivolgendosi ai team.

L’edizione 2015 sarà la vetrina sportiva e turistica di una provincia straordinaria con la sua storia e i paesaggi sempre inconsueti. Il 22, 23 e 24 maggio prenderà il via una tre giorni di mille emozioni memorabili. Trecentosettaquattro chilometri da correre tra le bellezze ogliastrine, ben 89,54 in Prova Speciale toccando 18 paesi della provincia. Migliaia di metri a tutto gas tra le meraviglie dell’Ogliastra.

Ad aprire le danze sarà lo “shake down”, le prove ufficiali delle macchine sul tracciato, che dalle 8,30, fino alle 12.00 di sabato faranno rombare i motori nelle strade Statale 390 di Loceri. In tutto sono previste 8 prove speciali, da correre quest’anno in 4 PS da ripetere due volte, con numeri ai vertici della lunghezza consentita. I piloti attraverseranno le campagne e i centri abitati per una scelta che premierà la velocità e di certo il loro gusto. Nelle prove, infatti, non ci sono tratti in forte pendenza, in questa competizione saranno avvantaggiate tutte le vetture guidate dagli esperti dell’acceleratore. La Prova Speciale studiata nei minimi dettagli, sarà interessante anche per il pubblico grazie ai numerosi punti di accesso. Gli appassionati potranno spostarsi da Osini, a Cardedu, Arzana, Elini e Ilbono fino a Santa Maria Navarrese per l’ultima prova spettacolo.

«E grande fiducia al rally lo da anche il territorio – precisa Mauro Nivola della Mediterranean Team – in queste ore tutti a lavoro per garantire l’accoglienza che il rally merita. A Ilbono e nei paesi circostanti, per tutta la durata della gara sono all’opera 240 persone. A cominciare da 124 commissari di gara, 28 persone alla direzione gare, 14 i ragazzi della Protezione Civile e tutti i volontari che a vario titolo si dedicano all’allestimento della prova, al rinfresco, all’accoglienza e all’ospitalità. Sostenitori che amano il rally sia dentro che fuori il perimetro sardo. Il 5° Rally d’Ogliastra è una gara molto ben strutturata dal punto di vista tecnico, – continua Nivola – per questo gli equipaggi si stanno affrettando a rendere onore alla gara. Accanto a noi, nella organizzazione di questa “festa sportiva” c’è una pattuglia di volontari che ogni anno rende il rally sempre più organizzato da una grande famiglia.»

Le Regioni a Statuto
Si è svolta oggi l'

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT