1 July, 2022
HomeAttualitàAbbanoa27 consiglieri regionali chiedono la convocazione straordinaria del Consiglio regionale per risolvere le cause di illegittimità nell’affidamento in house ad Abbanoa.

27 consiglieri regionali chiedono la convocazione straordinaria del Consiglio regionale per risolvere le cause di illegittimità nell’affidamento in house ad Abbanoa.

[bing_translator]

Una riunione straordinaria del Consiglio per discutere la mozione che impegna il presidente e la Giunta regionale ad «attivare immediatamente tutti gli strumenti legislativi, amministrativi e finanziari necessari a risolvere le cause di illegittimità che coinvolgono l’affidamento in house providing della gestione del servizio idrico integrato».

È questa la richiesta formalizzata da ventisette consiglieri regionali, appartenenti a tutti i gruppi rappresentati in seno all’assemblea sarda ad eccezione del gruppo del Partito dei sardi, con la sottoscrizione del documento (primo firmatario Antonio Gaia, Upc) che segue i pareri dell’Agcm (autorità garante per la concorrenza ed il mercato) e dell’Anac (autorità nazionale anticorruzione) sollecitati a suoi tempo da un terzo dei consiglieri regionali della Sardegna sulla illegittimità dell’affidamento in house providing del servizio idrico integrato ad Abbanoa spa.

In particolare, i consiglieri regionali contestano la sproporzione del numero delle azioni Abbanoa detenute dalla Regione sarda (circa il 68%) in rapporto a quelle detenute da Egas (ente di governo dell’ambito Sardegna) che non consentono all’ente concedente (Egas) di nominare o revocare i vertici direttivi di Abbanoa, né di esercitare nel concreto il cosiddetto controllo analogo, così come invece è prescritto per l’affidamento in house.

La segnalazione trasmessa all’autorità garante del mercato e dell’anticorruzione nel giugno 2016 ha trovato riscontro il 13 febbraio 2017 nel parere di Anac che ha comunicato l’avvio del procedimento di vigilanza nei confronti di Egas, Regione e Abbanoa, nonché in quello di Agcm (27 febbraio 2017) che ha ritenuto che la disciplina del controllo analogo in vigore, abbia mostrato di non consentire ad Egas l’effettivo esercizio del controllo sulla società di gestione Abbanoa.

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Il direttore dell’
La sarda Alessandra

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT