20 January, 2022
HomeSpettacoloMusicaAi nastri di partenza l’undicesima edizione di Mamma Blues, il “festival nel festival” di Dromos in scena fino al 15 agosto a Nureci.

Ai nastri di partenza l’undicesima edizione di Mamma Blues, il “festival nel festival” di Dromos in scena fino al 15 agosto a Nureci.

[bing_translator]

Il viaggio di Dromos, il festival itinerante che fino a mercoledì vive la sua ventesima edizione tra Oristano ed altri suoi undici comuni, pianta le tende a Nureci per l’atteso appuntamento con il Mamma Blues, il “festival nel festival” (che quest’anno spegne undici candeline), costola della rassegna dedicata alla musica del diavolo e alle sue contaminazioni che chiude in bellezza l’intero festival, quest’anno dedicato alla “Dromos Revolution” in omaggio al cinquantenario del ‘68. Protagonisti del trittico di serate all’Arena Mamma Blues, nel piccolo borgo dell’Oristanese, il camerunese Roland Tchakounté oggi 13 agosto, la norvegese Kristin Asbjørnsen domani, martedì 14 agosto, e la formazione del nigeriano Seun Kuti & Egypt 80 mercoledì 15 agosto. Ad affiancare gli artisti internazionali nei momenti di apertura ai concerti e nello spazio dopo festival (nei Giardini del Sottomonte), come consuetudine, ci saranno alcuni tra i migliori musicisti del blues made in Sardinia, quest’anno rappresentati dai progetti Don Leone, Bob Forte trio, Malignis Cauponibus e South Sardinian Scum.

Il compito di aprire la infuocata tre giorni, dunque, spetterà oggi al bluesman camerunese Roland Tchakounté sul palco alle 23.00. Attivo nella scena internazionale con centinaia di concerti (in USA, Canada, Vietnam, Singapore, Africa, Indonesia, Francia, Germania, Belgio, Repubblica Ceca, Lituania, Italia e Spagna) e con quattro album all’attivo, l’artista originario di Douala, da tempo trapiantato in Francia, si caratterizza per uno stile che mescola blues e tradizione africana (scrive in Bamiléké, la sua lingua madre), ispirato in partenza da artisti come John Lee Hooker e Ali Farka Touré. Cantante e chitarrista “portavoce della libertà”, come ama definirsi, Tchakountè è l’artista delle “anime erranti”, caratterizzato dalla capacità indiscutibile di superare imposizioni e regole compositive predefinite, sfociando in un blues del Mississippi intessuto dai suoi profondi testi africani che urlano al mondo lo stato di abbandono del suo continente nativo. Al suo fianco a Nureci ci saranno Mick Ravassat alla chitarra elettrica, Tahiry Jamiro Razanamasy al basso e Karim Bouazza alla batteria.

 

Dopo alcuni giorni d
Grande successo per

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT