17 May, 2022
HomeIndustriaCarbosulcisL’assessore regionale dell’Industria propone un tavolo permanente tra Regione, sindacati e azienda per disegnare il futuro della Carbosulcis.

L’assessore regionale dell’Industria propone un tavolo permanente tra Regione, sindacati e azienda per disegnare il futuro della Carbosulcis.

[bing_translator]

Un tavolo permanente tra Regione, sindacati e azienda per disegnare il futuro della Carbosulcis. Lo propone l’assessore regionale dell’Industria, Anita Pili, che nel mese di gennaio iniziato oggi, convocherà un primo incontro per tracciare le linee del piano di rilancio.

Era il 2014 quando la Regione, unico azionista di riferimento della storica società mineraria, sottoscriveva con la Commissione europea un accordo per la chiusura dell’attività mineraria, la messa in sicurezza e la bonifica delle aree di pertinenza. Nel contempo il piano di chiusura ha gradualmente accompagnato ed incentivato verso l’esodo circa 350 lavoratori.

«A cinque anni dall’avvio del Piano di chiusura – afferma l’assessore Anita Pili – prima della pausa natalizia abbiamo verificato attraverso l’amministratore unico dell’azienda e le segreterie sindacali lo stato dell’arte sull’attuazione stessa del Piano e sulle reali prospettive delle iniziative parallele che in questi anni sono state avviate in forma sperimentale e di ricerca.»

«Oggi la necessità principale – dice l’assessore regionale dell’Industria – è quella di gettare solide basi per andare oltre al Piano di chiusura, riconvertire un’area industriale che ha diverse possibilità di utilizzo e valorizzare le professionalità ancora presenti in forza alla Carbosulcis. Abbiamo individuato i punti di forza oggi presenti che vanno dalle prospettive del progetto Aria alle potenzialità di sfruttamento dell’energia rinnovabile, per realizzare il progetto di una Sardegna sempre più verde ed ecosostenibile tracciato dal presidente Christian Solinas. Contiamo molto sul fatto che i progetti di sviluppo di energia verde e le riconversioni delle aree possano realizzarsi anche in diverse aree di proprietà regionale, accrescendo la produzione energetica interna da fonti rinnovabili.»

Nel corrente mese di gennaio, dunque, sarà realizzato il primo appuntamento di confronto e studio, per definire le strategie che getteranno le basi per la scrittura di un nuovo Piano Industriale da sottoporre alla Giunta.

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Mario Nieddu (assess
La pesista Roberta C

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT