15 August, 2022
HomePosts Tagged "ina Giarmanà"

La stagione di prosa 2021-2022, organizzata dal CeDAC / Circuito multidisciplinare dello Spettacolo dal vivo in Sardegna, martedì 1 febbraio al Teatro Comunale di Sassari e da mercoledì 2 a domenica 6 febbraio al Teatro Massimo di Cagliari, ha presentato la commedia “Il silenzio grande”, di Maurizio De Giovanni, per la regia di Alessandro Gassman. In scena un cast eccezionale: Massimiliano Gallo, Stefania Rocca, Pina Giarmanà, Paola Senatore e Jacopo Sorbini, che ha dato vita ad un ritratto di famiglia, dove nel tempo, si sono accumulati silenzi e mancanze, desideri affettivi e verità nascoste, che poi improvvisamente vengono a galla con momenti ironici alternati ad altri di tristezza e malinconia.

Uno spettacolo capace di commuovere e far ridere, di far riflettere lo spettatore sensibile ed attento ai temi affrontati e rapito dalla maestria degli attori. Una trama particolarmente coinvolgente, all’interno della quale uno scrittore completamente calato nel suo ruolo professionale, non si è reso conto di quel che accadeva nella sua famiglia, certo di offrire ai suoi cari tutto quel di cui avevano bisogno, che non poteva certo limitarsi ad una vita agiata ma che necessitava di presenza ed affetto. Un modo di rapportarsi con la moglie e con i figli che ha creato difficoltà nei dialoghi e vite parallele prive di condivisione. Uno spaccato di vita reale, nel quale la complessità dei rapporti ha generato sofferenza, sino ad arrivare a creare delle barriere invisibili, che solo dopo il colpo di scena finale crollano, destando nello scrittore il rammarico di non aver compreso quel che stava accadendo tra le mura domestiche.

Al termine, applausi fragorosi hanno mostrato l’apprezzamento del pubblico e la grande voglia di tornare alla normalità, poter di nuovo godere di grandi spettacoli, portatori di cultura ed emozione, come “Il silenzio grande”, primo titolo d’alto profilo in cartellone per il 2022, anno, nel cuore e nella speranza di tutti, portatore di tanta agognata serenità.

Nadia Pische