19 May, 2024
HomePosts Tagged "Paolo Truzzu"

Ha preso il via oggi la XVII legislatura del Consiglio regionale della Sardegna. La seduta è stata presieduta dal consigliere anziano Lorenzo Cozzolino che ha chiamato i consiglieri Alessandro Solinas, Umberto Ticca, Michele Ciusa e Alessandro Pilurzu, quali consiglieri più giovani, ad esercitare le funzioni di segretari provvisori. Dopo il giuramento dei 60 consiglieri regionali eletti, la presidente Alessandra Todde ha comunicato i 12 componenti della Giunta che risulta così composta:

Maria Elena Motzo (Affari generali, Personale e Riforma della Regione)
Giuseppe Meloni (Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del territorio) e vice presidente
Francesco Spanedda (Enti locali, Finanze e Urbanistica)
Rosanna Laconi (Difesa dell’ambiente)
Gianfranco Satta (Agricoltura e Riforma agropastorale)
Franco Cuccureddu (Turismo, Artigianato e Commercio)
Antonio Piu (Lavori pubblici)
Emanuele Cani (Industria)
Desirè Alma Manca (Lavoro, Formazione professionale, Cooperazione e Sicurezza sociale)
Ilaria Portas (Pubblica istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport)
Armando Bartolazzi (Igiene, Sanità e Assistenza sociale)
Barbara Manca (Trasporti).

E’ seguito il giuramento degli assessori non consiglieri regionali.
Il presidente provvisorio, Lorenzo Cozzolino, ha svolto il suo intervento di apertura della legislatura, al termine del quale sono iniziate le votazioni per l’elezione del nuovo presidente dell’Assemblea.
Il primo scrutinio ha registrato il seguente risultato: presenti, 60, astenuti 33, votanti 27, schede bianche 21, nulle 1, Comandini, 3 e Peru, 2.
Non essendo stato raggiunto il quorum (40 voti validi) si è proceduto con la seconda votazione che ha registrato il seguente risultato: presenti 53, astenuti 32, votanti 21, bianche 14, Peru, 6, Cozzolino, 1.
Si è quindi proceduto con la terza votazione (quorum: maggioranza assoluta).
Risultato: presenti 60, votanti 60, schede bianche 16, nulle 1, Comandini 42, Peru 1; e ha dunque proclamato eletto presidente del Consiglio regionale della Sardegna, l’onorevole Piero Comandini (Pd).
L’on. Piero Comandini ha preso posto alla presidenza e ha esordito così:
«E’ difficile iniziare questo ruolo dopo aver la prova di questo affetto da colleghi di maggioranza e anche dell’opposizione.
Noi oggi qua siamo dei privilegiati e abbiamo la grande responsabilità di scrivere pagine belle per i sardi, se saremo uniti e se avremo gli stessi obiettivi.
Grazie a chi mi ha dato questa responsabilità di svolgere un ruolo istituzionale in quest’aula e fuori da qui. Vi ringrazio tutti nello stesso modo, per quello che insieme faremo in quest’aula portando avanti leggi importanti: è questo l’obiettivo che ci ha animati quando abbiamo deciso di candidarci. Dobbiamo voltare alto e spogliarci anche delle nostre appartenenze politiche senza rinnegare la propria cultura politica e la propria storia.
Dobbiamo avere davanti soltanto i problemi dei sardi, aiutare le donne sarde che sono in condizione di estrema difficoltà soprattutto quando lavorano. Dobbiamo trovare in questa istituzione le soluzioni ai problemi, soluzioni che i sardi attendono. E cominciamo oggi questo cammino con una donna presidente della Regione, una grande novità. Ma ringrazio anche Paolo Truzzu per come ha condotto la campagna elettorale e per le parole di apprezzamento che ha avuto il giorno dopo. Paolo Truzzu ha confermato di essere un vero uomo delle istituzioni. Sono sicuro che la minoranza lavorerà insieme con noi in questa che ritengo essere una fase costituente per la Sardegna. Voliamo alto, ci sarà un tempo per i confronti fuori da quest’aula ma qui mettiamoci la maglietta dei sardi e dimostriamo di avere un cuore che batte per i sardi.
Non possiamo non guardare fuori dalla Sardegna, alla guerra e al Mediterraneo, ai tanti che cercano miglior fortuna varcando. Sarò il presidente di tutti e cercherò di essere il presidente del sardi. Grazie».
Il presidente ha dichiarato conclusi i lavori e preannunciato i nuovi impegni dell’assemblea, ad incominciare dalla formazione dell’ufficio di presidenza e la costituzione dei gruppi e delle commissioni consiliari.

Allegate le interviste ai due neo assessori Ilaria Portas ed Emanuele Cani e i consiglieri regionali Alessandro Pilurzu (Pd), Luca Pizzuto (Sinistra Futura) e Gianluigi Rubiu (Fratelli d’Italia).

 

Sono arrivati questa mattina in Consiglio regionale, dalla Corte d’appello, i nomi degli eletti che fanno parte dell’Assemblea regionale.
E’ stata proclamata Presidente della Regione Alessandra Todde che ha ottenuto 334.160 voti validi. Eletto anche Paolo Truzzu che ha avuto 331.099 voti.
Ecco gli altri eletti:
Per il M5S (7):
Michele Ciusa (2.415 voti), Gianluca Mandas (1.286), Desirè Alma Manca (8.092), Lara Serra (1.008), Alessandro Solinas (1.686), Emanuele Matta (1.142), Roberto Franco Michele Li Gioi (1.602).
Per i Progressisti (3):
Francesco Agus (2.887), Gianfranco Satta (2.381), Ivan Pintus (739)
Partito Socialista Italiano Sardi in Europa (1):
Lorenzo Cozzolino (1.613)
Sinistra Futura (3):
Paola Casula (1.628), Giuseppino Canu (1.184), Luca Pizzuto (2.195)

PD (11):
Giampietro Comandini (5.665), Valter Piscedda (3.839), Camilla Gerolama Soru (3.705), Antonio Spano (4.502), Carla Fundoni (3.253), Roberto Deriu (1.918), Antonio Solinas (2.174), Gianluigi Piano (1.406), Alessandro Pilurzu (4.121), Salvatore Corrias (3.184), Giuseppe Meloni (6.760)

Orizzonte comune (3):
Sandro Porcu (2.778), Angelo Francesco Cuccureddu (1.709), Salvatore Cau (940)

Uniti per Alessandra Todde (3):
Giuseppe Frau (2.048), Valdo Di Nolfo (1.942), Sebastiano Cocco (1.371)

Alleanza Verdi Sinistra (4):
Maria Laura Orrù (3.735), Antonio Piu (4.976), Giuseppe Marco Dessena (831), Diego Loi (1.156)

Riformatori sardi (3):
Umberto Ticca (1.969), Aldo Salaris (4.615), Giuseppe Fasolino (2.819)
Udc (1):
Alice Aroni (2.293)

Psd’az (3):
Giovanni Chessa (5.779), Piero Maieli (3.292), Alfonso Marras (3.073)

Forza Italia (3):
Ivan Piras (5.445), Giuseppe Talanas (5.121), Angelo Cocciu (3.838).

Sardegna al centro 20venti (3):
Stefano Tunis (2.296), Antonello Peru (5.393), Alberto Urpi (3.773)

Alleanza Sardegna PLI (2):
Stefano Schirru (4.748), Francesco Paolo Mula (2.665)

Fratelli d’Italia (7):
Fausto Piga (3.276), Corrado Meloni (2.952), Antonello Floris (2.324), Maria Francesca Masala (3.163), Emanuele Cera (4.431), Gianluigi Rubiu (3.552), Cristina Usai (2.216).

Lega (1):
Alessandro Sorgia (2.717)

Il Sulcis Iglesiente ha eletto tre consiglieri regionali: Alessandro Pilurzu (PD), Luca Pizzuto (Sinistra Futura) e Gianluigi Rubiu (FDI), i primi due nella coalizione di maggioranza del centrosinistra che sosteneva la candidata Presidente eletta Alessandra Todde, il terzo nella coalizione di minoranza che sosteneva il candidato Presidente Paolo Truzzu.

Per il Sulcis Iglesiente si tratta di un piccolo passo in avanti rispetto al 2019, quando vennero eletti solo due dei quattro consiglieri potenzialmente a disposizione nella circoscrizione di Carbonia Iglesias, Fabio Usai nella lista del Partito Sardo d’Azione e Michele Ennas nella lista della Lega, anche se altri due candidati espressione del territorio, il compianto Giorgio Oppi dell’UDC e Carla Cuccu del Movimento 5 Stelle vennero candidati ed eletti nella circoscrizione di Cagliari.

Per Alessandro Pilurzu si tratta di un esordio nell’assemblea di via Roma, per Luca Pizzuto e Gianluigi Rubiu, viceversa, di un ritorno dopo l’esperienza maturata nella XV legislatura (nel 2019, candidati, non vennero eletti).

Alessandro Pilurzu, 39 anni, è presidente del Consiglio comunale di Iglesias. Eletto una prima volta nelle Amministrative del 2018, è stato confermato un anno fa, quando è risultato il candidato più votato della lista civica “Mauro Usai Sindaco” e dell’intero Consiglio, con 665 preferenze. La sua candidatura, proposta dal sindaco Mauro Usai, ha provocato una forte reazione contraria del gruppo dirigente del PD cittadino che aveva già da tempo individuato il proprio candidato nel vicesindaco Francesco Melis (647 preferenze alle Amministrative 2023) e, una volta accettata, ha portato al “sacrificio” di Alberto Pili, consigliere comunale di Carbonia. Alessandro Pilurzu è stato eletto con 4.090 preferenze.

Luca Pizzuto, 40 anni, ex assessore delle Politiche sociali della provincia di Carbonia Iglesias, consigliere regionale dal 2014 al 2019 (nel 2019 è stato ricandidato non eletto nella lista Liberi Uguali, con 2.718 preferenze), consigliere comunale a Carbonia, la sua città, è segretario regionale di Sinistra Futura, formazione politica nata lo scorso anno dopo il tramonto dell’esperienza di Articolo Uno. E’ stato eletto con 2.188 preferenze, oltre la metà delle quali ricevute a Carbonia, dove è risultato il più votato tra i 100 candidati della circoscrizione di Carbonia Iglesias, con 1.201 preferenze.

Gianluigi Rubiu, 65 anni, ex consigliere della provincia di Carbonia Iglesias e del comune di Iglesias, è stato eletto la prima volta consigliere regionale nella lista dell’Udc nel 2014. Cinque anni fa è stato candidato non eletto nella lista di Fratelli d’Italia con 2.678 preferenze. Ha continuato a guidare il partito nel Sulcis Iglesiente nel ruolo di coordinatore, confermato poco prima dell’inizio della campagna elettorale. Domenica 25 febbraio è stato eletto con 3.478 preferenze.

Giampaolo Cirronis

Per la prima volta la Sardegna ha eletto un presidente donna: Alessandra Todde. Al termine di un lunghissimo testa a testa con il candidato della coalizione di centrodestra Paolo Truzzu, la candidata della coalizione di centrosinistra denominata “Campo largo” s’è imposta con un margine di poco meno di tremila voti, 331.007 (45,4%) contro 328.241 (45%). Alle loro spalle Renato Soru, candidato della “Coalizione sarda” s’è fermato a 63.069 voti (8,6%), Lucia Chessa (Sardigna R-esiste) a 7.154 voti (1%).

Lo scrutinio delle rimanenti 20 sezioni elettorali sarà completato, come previsto dalle norme vigenti, dagli uffici dei Tribunali dei rispettivi territori.

Il Consiglio regionale verrà formato da 36 eletti della coalizione di centrosinistra, in virtù del premio di maggioranza del 60% e 24 della coalizione di centrodestra, tutti quelli spettanti alla minoranza. Non entrano in Consiglio regionale, infatti, candidati della coalizione che sosteneva Renato Soru, che non ha superato la soglia di sbarramento del 10% e nessun candidato della lista Sardigna R-esiste, lontanissima dalla soglia di sbarramento del 5% prevista per le liste non coalizzate.

Il primo partito è il Partito Democratico con 94.393 voti (13,8%), seguito da Fratelli d’Italia con 93.106 voti (13,6%), Movimento 5 Stelle 2050 con 53.055 voti (7,8%) e  e Riformatori Sardi con 48.252 voti (7,1%).

Paolo Truzzu – Voti 769 – 52,4%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 29 2,2%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 60 4,5%
RIFORMATORI SARDI 107 8,1%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 5 0,4%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 343 25,9%
UDC SARDEGNA 8 0,6%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 14 1,1%
LEGA SALVINI SARDEGNA 92 7%
PARTITO SARDO D’AZIONE 104 7,9%
Totale liste 762 57,7%
Alessandra Todde – Voti 594 – 40,5%
Liste collegate Voti Percentuale
MoVimento 5 STELLE 105 8%
UNITI PER ALESSANDRA TODDE 45 3,4%
PROGRESSISTA 13 1%
PARTITO SOCIALISTA ITALIANO – SARDI IN EUROPA 4 0,3%
PARTITO DEMOCRATICO della SARDEGNA 258 19,4%
ORIZZONTE COMUNE 10 0,8%
FORTZA PARIS 16 1,2%
SINISTRA FUTURA 28 2,1%
DEMOS DEMOCRAZIA SOLIDALE 2 0,2%
ALLEANZA VERDI E SINISTRA 8 0,6%
Totale liste 489 37%
Renato Soru – Voti 86 – 5,9%
Liste collegate Voti Percentuale
LIBERU 6 0,5%
VOTA SARDIGNA 8 0,6%
+EUROPA -AZIONE con Soru 14 1,1%
MOVIMENTO PROGETTO SARDEGNA 26 1,9%
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA 5 0,4%
Totale liste 59 4,5%
Lucia Chessa – Voti 18 – 1,2%
Liste collegate Voti Percentuale
SARDIGNA R-esiste 10 0,8%
Totale liste 10 0,8%

Paolo Truzzu – Voti 291 – 59,4%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 3 0,6%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 49 10,4%
RIFORMATORI SARDI 49 10,4%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 1 0,2%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 168 35,8%
UDC SARDEGNA 2 0,4%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 4 0,8%
LEGA SALVINI SARDEGNA 11 2,3%
PARTITO SARDO D’AZIONE 15 3,2%
Totale liste 302 64,1%
Alessandra Todde – Voti 169 – 34,5%
Liste collegate Voti Percentuale
MoVimento 5 STELLE 33 7%
UNITI PER ALESSANDRA TODDE 13 2,8%
PROGRESSISTA 7 1,5%
PARTITO SOCIALISTA ITALIANO – SARDI IN EUROPA 14 3%
PARTITO DEMOCRATICO della SARDEGNA 25 5,3%
ORIZZONTE COMUNE 2 0,4%
FORTZA PARIS 0 0%
SINISTRA FUTURA 41 8,7%
DEMOS DEMOCRAZIA SOLIDALE 8 1,7%
ALLEANZA VERDI E SINISTRA 0 0%
Totale liste 143 30,4%
Renato Soru – Voti 24 – 4,9%
Liste collegate Voti Percentuale
LIBERU 0 0%
VOTA SARDIGNA 2 0,4%
+EUROPA -AZIONE con Soru 11 2,4%
MOVIMENTO PROGETTO SARDEGNA 7 1,5%
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA 2 0,4%
Totale liste 22 4,7%

 

Lucia Chessa – Voti 6 – 1,2%
Liste collegate Voti Percentuale
SARDIGNA R-esiste 4 0,8%
Totale liste 4 0,8%

Paolo Truzzu – Voti 718 – 58,7%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 22 2%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 106 9,5%
RIFORMATORI SARDI 279 25,2%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 6 0,5%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 180 16,2%
UDC SARDEGNA 17 1,5%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 13 1,2%
LEGA SALVINI SARDEGNA 68 6,1%
PARTITO SARDO D’AZIONE 18 1,6%
Totale liste 709 63,8%

 

Alessandra Todde – Voti 388 – 31,7%
Liste collegate Voti Percentuale
MoVimento 5 STELLE 82 7,4%
UNITI PER ALESSANDRA TODDE 40 3,6%
PROGRESSISTA 15 1,4%
PARTITO SOCIALISTA ITALIANO – SARDI IN EUROPA 2 0,2%
PARTITO DEMOCRATICO della SARDEGNA 97 8,8%
ORIZZONTE COMUNE 11 1%
FORTZA PARIS 6 0,5%
SINISTRA FUTURA 41 3,7%
DEMOS DEMOCRAZIA SOLIDALE 26 2,3%
ALLEANZA VERDI E SINISTRA 6 0,5%
Totale liste 326 29,4%

 

Renato Soru – Voti 109 – 8,9%
Liste collegate Voti Percentuale
LIBERU 7 0,6%
VOTA SARDIGNA 0 0%
+EUROPA -AZIONE con Soru 13 1,2%
MOVIMENTO PROGETTO SARDEGNA 42 3,8%
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA 11 1%
Totale liste 73 6,6%

 

Lucia Chessa – Voti 8 – 0,7%
Liste collegate Voti Percentuale
SARDIGNA R-esiste 2 0,2%
Totale liste 2 0,2%

Alessandra Todde – Voti 2.586 – 50,9%
Liste collegate Voti Percentuale
MoVimento 5 STELLE 137 2,8%
UNITI PER ALESSANDRA TODDE 80 1,6%
PROGRESSISTA 636 13,4%
PARTITO SOCIALISTA ITALIANO – SARDI IN EUROPA 447 9,2%
PARTITO DEMOCRATICO della SARDEGNA 339 7%
ORIZZONTE COMUNE 624 12,8%
FORTZA PARIS 16 0,3%
SINISTRA FUTURA 103 2,1%
DEMOS DEMOCRAZIA SOLIDALE 12 0,2%
ALLEANZA VERDI E SINISTRA 17 0,3%
Totale liste 2.411 49,7%

 

Paolo Truzzu – Voti 2.284 – 45%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 58 1,2%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 62 1,3%
RIFORMATORI SARDI 174 3,6%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 15 0,3%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 1.920 39,5%
UDC SARDEGNA 6 0,1%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 3 0,1%
LEGA SALVINI SARDEGNA 65 1,3%
PARTITO SARDO D’AZIONE 14 0,3%
Totale liste 2.317 47,7%

 

Renato Soru – Voti 185 – 3,6%
Liste collegate Voti Percentuale
LIBERU 10 0,2%
VOTA SARDIGNA 20 0,4%
+EUROPA -AZIONE con Soru 22 0,5%
MOVIMENTO PROGETTO SARDEGNA 49 1%
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA 12 0,2%
Totale liste 113 2,3%

 

Lucia Chessa – Voti 24 – 0,5%
Liste collegate Voti Percentuale
SARDIGNA R-esiste 17 0,3%
Totale liste 17 0,3%

Paolo Truzzu – Voti 1.069 – 66,4%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 23 1,5%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 387 25,2%
RIFORMATORI SARDI 465 30,5%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 0 0%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 184 12%
UDC SARDEGNA 14 0,9%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 11 0,7%
LEGA SALVINI SARDEGNA 42 2,7%
PARTITO SARDO D’AZIONE 9 0,6%
Totale liste 1.135 74,1%
Alessandra Todde -Voti 476 – 29,6%
Liste collegate Voti Percentuale
MoVimento 5 STELLE 101 6,6%
UNITI PER ALESSANDRA TODDE 32 2,1%
PROGRESSISTA 6 0,4%
PARTITO SOCIALISTA ITALIANO – SARDI IN EUROPA 4 0,3%
PARTITO DEMOCRATICO della SARDEGNA 134 8,6%
ORIZZONTE COMUNE 15 1%
FORTZA PARIS 5 0,3%
SINISTRA FUTURA 34 2,2%
DEMOS DEMOCRAZIA SOLIDALE 21 1,4%
ALLEANZA VERDI E SINISTRA 4 0,3%
Totale liste 356 23,2%
Renato Soru – Voti 55 – 3,4%
Liste collegate Voti Percentuale
LIBERU 0 0%
VOTA SARDIGNA 2 0,1%
+EUROPA -AZIONE con Soru 5 0,3%
MOVIMENTO PROGETTO SARDEGNA 19 1,3%
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA 8 0,5%
Totale liste 34 2,2%
Lucia Chessa – Voti 10 – 0,6%
Liste collegate Voti Percentuale
SARDIGNA R-esiste 8 0,5%
Totale liste 8 0,5%

Paolo Truzzu – Voti 548 – 63,2%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 11 1,4%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 52 6,4%
RIFORMATORI SARDI 114 14,1%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 4 0,5%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 237 29,1%
UDC SARDEGNA 11 1,4%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 4 0,5%
LEGA SALVINI SARDEGNA 58 7,2%
PARTITO SARDO D’AZIONE 53 6,5%
Totale liste 544 67,1%
Paolo Truzzu – Voti 548 – 63,2%
Liste collegate Voti Percentuale
FORZA ITALIA BERLUSCONI – PPE 11 1,4%
SARDEGNA AL CENTRO 20VENTI 52 6,4%
RIFORMATORI SARDI 114 14,1%
ALLEANZA SARDEGNA – PARTITO LIBERALE ITALIANO 4 0,5%
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI 237 29,1%
UDC SARDEGNA 11 1,4%
DEMOCRAZIA CRISTIANA con Rotondi 4 0,5%
LEGA SALVINI SARDEGNA 58 7,2%
PARTITO SARDO D’AZIONE 53 6,5%
Totale liste 544 67,1%
Renato Soru – Voti 42 – 4,8%
Liste collegate Voti Percentuale
LIBERU 1 0,1%
VOTA SARDIGNA 11 1,4%
+EUROPA -AZIONE con Soru 11 1,4%
MOVIMENTO PROGETTO SARDEGNA 15 1,8%
PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – SINISTRA EUROPEA 1 0,1%
Totale liste 39 4,8%
Lucia Chessa – Voti 6 – 0,7%
Liste collegate Voti Percentuale
SARDIGNA R-esiste 4 0,5%
Totale liste 4 0,5%