19 August, 2022
HomePosts Tagged "Pierfrabco Zanchetta"

[bing_translator]

I consiglieri del gruppo Cristiano Popolari Socialisti Antonio Gaia e Pierfranco Zanchetta hanno presentato un’interrogazione sui gravissimi problemi causati alle cooperative agricolo/forestali, iscritte nell’Albo dell’Ente Foreste, dalla mancata applicazione, da parte dell’Agenzia Forestas, delle norme di salvaguardia dei rapporti giuridici in essere, previste dalle legge forestale della Sardegna.

Antonio Gaia e Pierfranco Zanchetta chiedono di interrogare il presidente della Regione e l’assessore dell’Ambiente per sapere se siano a conoscenza della situazione di grave pregiudizio in cui, contrariamente al dettato della legge regionale n. 8/2016, sono venute a trovarsi le cooperative accreditate e inserite nell’albo delle cooperative agricolo forestali dell’Ente Foreste, a seguito del mancato subentro dell’Agenzia nella titolarità dei rapporti giuridici preesistenti; e quali immediati provvedimenti intendano adottare, avviando le opportune azioni nei confronti dell’Agenzia, al fine di garantire la corretta applicazione delle disposizioni previste dalla L.R. 8/2016 e la riaffermazione dei principi di salvaguardia del nostro patrimonio boschivo e dello sviluppo delle attività economiche dei territori montani che sono alla base della legge di  riforma del sistema forestale della Sardegna.

Layout 1

[bing_translator]

Daniele Secondo Cocco

Il capogruppo di Sinistra Ecologia Libertà in Consiglio regionale, Daniele Secondo Cocco, 54 anni, sindaco di Bottidda, piccolo comune della provincia di Sassari, è una nuova vittima degli attentati ai danni di amministratori pubblici. Nella notte tra lunedì e martedì sono stati sparati alcuni colpi di pistola contro la sua abitazione e lanciato una bottiglia molotov nel cortile. Fortunatamente né Daniele Cocco né i componenti della famiglia si trovavano fuori casa per le festività pasquali ed hanno scoperto l’accaduto al loro rientro. Daniele Cocco ha escluso che l’accaduto possa essere collegato alla sua attività di sindaco, sottolineando che qualora avesse dei dubbi al riguardo, rassegnerebbe le dimissioni.

Numerose le attestazioni di solidarietà giunte a Daniele Cocco nelle ultime ore, ad iniziare da quelle del presidente della Giunta regionale, Francesco Pigliaru, e del presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau.

«Siamo vicini a Daniele Cocco, al quale abbiamo espresso oggi per telefono tutta la solidarietà della Giunta regionale – ha detto Francesco Pigliaru -. Ancora una volta, abbiamo avuto modo di apprezzare la forza d’animo che contraddistingue i nostri amministratori, troppo spesso bersaglio di inaccettabili intimidazioni, estese anche alle loro famiglie. Ma non possiamo e non dobbiamo fermarci alle parole. Da tempo siamo consapevoli che non bastano per combattere la vigliaccheria che contraddistingue gli attacchi ai nostri rappresentanti delle istituzioni, che si trovano a dover amministrare il bene pubblico in condizioni di inammissibile rischio.»

«Se da un lato non ci stanchiamo di esprimere la nostra forte e decisa condanna, così come di pretendere che lo Stato non arretri dai nostri territori, dall’altro lavoriamo per prevenire e dissuadere. Nelle azioni che stiamo mettendo in campo per l’Agenda digitale, insieme alla banda ultralarga che raggiungerà 313 Comuni, sono già partiti i progetti per la rete di videosorveglianza in 80 Comuni e 6 Unioni di Comuni. Saranno realizzati impianti per il monitoraggio del territorio con connessione dei Comuni al nodo di controllo tramite la Rete telematica regionale. Sappiamo che nei territori dove la videosorveglianza è ben organizzata si è registrata una sensibile diminuzione della criminalità – ha concluso il presidente della Regione – e questo intervento ci darà maggiori garanzie di sicurezza e legalità.»

«Massima solidarietà all’amico e collega Daniele Cocco. A lui e alla sua famiglia arrivi la vicinanza dell’intera Assemblea sarda – ha detto da parte sua il presidente del Consiglio, Gianfranco Ganau -. La notizia colpisce e sconcerta anche per la frequenza con la quale ormai quasi quotidianamente e in questo caso addirittura in contemporanea, avvengono episodi criminali di questo tipo. Bene hanno fatto i parlamentari sardi che proprio a pochi giorni dall’attentato al vicesindaco di Belvì hanno deciso di scrivere direttamente al ministro Alfano e al presidente Grasso. Occorre ora senza più alcuna esitazione un fronte comune che coinvolga direttamente parlamentari sardi, deputati e senatori, la Giunta e l’intera Assemblea sarda. Servono risposte immediate – ha concluso il presidente Ganau – per le quali la Sardegna e i suoi amministratori non possono più aspettare. Bene l’Osservatorio attivato dal Ministro Alfano, ma occorrono risorse mezzi e uomini per consentire di individuare i colpevoli e azioni mirate a promuovere seriamente una cultura delle legalità.»

«Stanno colpendo la politica onesta e pulita. Per questo esprimo piena solidarietà al sindaco di Bottida e consigliere regionale Daniele Cocco e alla sua famiglia, per il vile atto intimidatorio di cui sono state vittime – ha detto il consigliere regionale Edoardo Tocco (FI) -. Stanno colpendo in primo luogo i primi cittadini, i primi portatori del malessere sociale, per tentare di minare le fondamenta democratiche della Sardegna. Sono certo che il sindaco e consigliere regionale Cocco non si lascerà certo intimorire e continuerà senza tentennamenti la sua azione amministrativa nell’interesse della sua comunità. Come forza politica siamo impegnati a contrastare questi fenomeni, da oggi lo faremo con maggiore impegno, sollecitando un aumento di risorse per gli enti locali da parte del Governo.»

«E’ un atto grave contro il primo cittadino democraticamente eletto, nonché rappresentante delle istituzioni regionali, cui va la solidarietà del gruppo Udc Sardegna – ha detto il capogruppo dell’UDC Gianluigi Rubiu -. Il gesto intimidatorio che ha subito il primo cittadino non può che scuotere ed interrogare il panorama politico regionale che deve condannare senza tentennamenti l’escalation criminale. I sindaci ed i consiglieri comunali sono il primo fronte istituzionale che devono fare da argine ad una crisi economica sempre più strisciante. L’auspicio è che il Governo possa assegnare nuove risorse agli enti locali per porre rimedio a questo malessere. Il consigliere Cocco non deve certo arrendersi di fronte a questo gesto, ma perseguire nel percorso di legalità intrapreso nel suo mandato.»

«A nome mio e del Gruppo Popolari Cristiano Socialisti – ha detto Pierfranco Zanchetta – esprimo tutta la solidarietà umana e politica a Daniele Cocco, Sindaco e Consigliere regionale, per il barbaro e vile gesto intimidatorio perpetrato nel buio dell’anonimato contro la sua abitazione. Come rappresentante delle istituzioni ritengo però che dobbiamo andare oltre le dovute espressioni di solidarietà verso Daniele Cocco e i tanti amministratori locali che, colpiti da attentati e oggetto di minacce, continuano a svolgere il loro mandato in solitudine, senza protezione e risposte da parte dello Stato.»

«Oltre agli interventi conseguenti e al rafforzamento dei presidi delle forze dell’ordine, Giunta e Consiglio regionale della Sardegna, assieme ai rappresentanti delle forze politiche, dobbiamo pretendere dallo Stato risposte concrete che non possono più continuare ad essere tagli di servizi essenziali e abbandono dei nostri Comuni. Ridimensionamento e chiusura di scuole, biblioteche, strutture sanitarie, uffici postali, giudiziari, favoriscono l’allontanamento dalle istituzioni e l’indebolimento del tessuto sociale, come purtroppo dimostra il reiterarsi di attentati e intimidazioni che colpiscono i Sindaci,  organi dello Stato e primi e più esposti rappresentanti delle Istituzioni democratiche. Un’autorevole azione nei confronti dello Stato per rivendicare una maggiore attenzione verso i diritti della nostra Regione – ha concluso Pierfranco Zanchetta – è la giusta risposta a chi nell’ombra dell’anonimato vuole colpire le basi stesse della nostra democrazia.»

Il Gruppo Sovranità, Democrazia a Lavoro in Consiglio regionale ha condannato fermamente il vile atto intimidatorio di cui è rimasto vittima l’onorevole Daniele Cocco, ed esprime la piena solidarietà al consigliere di Sel e sindaco di Bottidda. «Davanti ad atti ignobili come questi – ha detto il capogruppo Roberto Desini – è importante che le istituzioni non arretrino di un passo nella loro attività amministrativa e che la società civile non volga lo sguardo da un’altra parte. Tutti abbiamo il dovere morale, istituzionale e umano, di stare il più vicino possibile al collega Cocco e incoraggiarlo affinché continui ad amministrare come ha sempre fatto, con serietà e onestà. Non sarà mai solo».

«A nome mio e del gruppo che rappresento esprimo solidarietà al collega Daniele Cocco oltre che grande sconcerto e preoccupazione per il grave atto  intimidatorio nella sua abitazione di cui è stato vittima – ha detto Pietro Cocco, capogruppo del Partito Democratico -. Purtroppo, questo vile gesto è solo l’ultimo di una serie di episodi criminosi contro Sindaci e Amministratori la cui portata non può più essere sottovalutata. Un gesto riprovevole da condannare con fermezza che colpisce le persone anche nella libertà individuale e nella sfera privata – ha concluso Pietro Cocco – ma che aldilà dello sdegno non fermeranno la voglia di lottare a servizio delle Comunità.»