Trasporti

Uiltrasporti e Cgil Filt hanno indetto per giovedì 14 novembre un sit-in dei lavoratori del porto industriale di Cagliari a Roma, presso la sede del ministero dello Sviluppo economico.

Uiltrasporti e Cgil Filt hanno indetto per giovedì 14 novembre un sit-in dei lavoratori del porto industriale di Cagliari a Roma, presso la sede del ministero dello Sviluppo economico, per sollecitare  la convocazione immediata del tavolo permanente interministeriale che esamini lo stato di crisi.

«Riteniamo che le complesse problematiche concernenti il porto canale di Cagliari e il futuro delle attività di Transhipment nel Terminal Container, i cui effetti si riverberano drammaticamente su centinaia di lavoratori e sullo sviluppo dell’economia regionale, debbano essere esaminate in un’unica cabina di regia e non secondo logiche particolaristiche e settoriali che, di fatto, impedirebbero di addivenire a concrete ed efficaci soluzioni», scrivono William Zonca (Uiltrasporti Sardegna) e Massimiliana Tocco (Filt Cgil) in una comunicazione ufficiale ai ministeri competenti, ai parlamentari eletti nel Collegio Sardegna e ai Sindaci della Città Metropolitana di Cagliari.

«Pertanto, si rinnova con forza la necessità della convocazione del tavolo permanente interministeriale presso il MISE in merito alla Vertenza Porto Industriale di Cagliari e al rilancio delle attività di transhipment, significando che le scriventi Organizzazioni sindacali convocheranno un sit-in presso il ministero dello Sviluppo economico in Roma, giovedì 14 novembre, di tutti i lavoratori coinvolti in un settore cruciale per l’economia della Sardegna

Uiltrasporti e Filt Cgil chiedono inoltre una convocazione da parte del Presidente della Regione Christian Solinas, per “conoscere gli intendimenti e le strategie del Governo Regionale in merito al rilancio del Porto Industriale nel suo ambito internazionale e della attività principale di Transhipment, settore trainante per l’Industria e i Trasporti delle merci via mare perché unico collegamento diretto della Sardegna con il resto del mondo, attraverso il quale poter creare concrete basi per un vitale sviluppo dell’economia del territorio. Crediamo – scrivono Massimiliano Tocco e William Zonca – che esistano validi strumenti che possono essere messi in campo per attrarre investitori, attraverso il coinvolgimento di un Advisor internazionale del settore dello shipping che sia partner della Regione nell’interesse politico di rilancio del Porto e quindi del territorio, la proroga del contratto di localizzazione prossimo alla scadenza, lo studio finalizzato al reperimento di ulteriori fondi propedeutici all’ammodernamento infrastrutturale (nuove gru di banchina in primis)

Filt Cgil e Uiltrasporti ritengono di fondamentale importanza per il futuro sviluppo del porto industriale di Cagliari e il futuro occupazionale delle centinaia di lavoratori del terminalista CICT e di tutto l’ indotto interessato che si affrontino con la massima urgenza le tematiche che oggi ostacolano uno scenario che permetterebbe all’isola di poter essere competitiva con le altre regioni d’Italia.

Dirimere le problematiche sulle materie riguardanti la zona economica speciale e i vincoli paesaggistici alla vigilia della presentazione di una “call internazionale” da parte della ADSP competente – sostengono i sindacati – metterebbe sul mercato una concessione sicuramente più attrattiva per il porto industriale di Cagliari e per la ricerca di un nuovo terminalista.

«Il futuro dello sviluppo dell’economia della Sardegna deve necessariamente passare per un’importante infrastruttura di terminal container che sia volano per tutto il territorio: questo deve essere supportato dalle istituzioni regionali, dai ministeri interessati e dalla presidenza del Consiglio dei ministri.»

 

Comments

comments

Tags: , ,

Leave a Reply