Formazione professionale

La Gestione Commissariale ex #Provincia di Carbonia Iglesias, ha promosso un seminario formativo, in collaborazione con l’Ordine degli ingegneri della Provincia di Cagliari,

Sede Provincia via Mazzini

La Gestione commissariale ex #Provincia di Carbonia Iglesias, ha promosso un seminario formativo, in collaborazione con l’Ordine degli ingegneri della Provincia di Cagliari.

sul tema “La Nuova Gestione delle Terre e Rocce da Scavo” che si terrà il 30 maggio 2014 alle ore 8,30  presso la Sala Convegni del  Palazzo Bellavista, in Località Monteponi, ad Iglesias.

Il seminario ha lo scopo di chiarire se le terre e rocce da scavo sono rifiuto, non rifiuto o sottoprodotto,  riferendosi alla normativa attuale in merito alla gestione delle terre e rocce da scavo, disciplinata dal D.Lgs. 152/06 s.m.i., dal D.M. Ambiente 10 agosto 2012, n. 161 e dalla legge 98/2013 (artt. 41 e 41 bis).

Obiettivo del seminario è chiarire, agli operatori interessati, in che modo tali provvedimenti hanno inciso sulla normativa di settore e quali sono gli elementi di novità introdotti, analizzando la problematica,sia in fase progettuale che esecutiva, al fine di gestire i materiali senza incorrere in eventuali sanzioni sia amministrative che penali.

Il seminario è rivolto ai funzionari degli Uffici tecnici comunali e provinciali, ai funzionari dell’Ambiente, ai liberi professionisti ed ai progettisti, agli ingegneri, ai geologi, alle imprese del settore edile, alle ditte movimento terra e cave, alle imprese specializzate nella bonifica di siti contaminati, ai consulenti ambientali, agli Enti pubblici, al Corpo forestale, alla Guardia di finanza ed al Noe.

Per la Partecipazione è richiesta l’iscrizione al seminario tramite la compilazione e l’invio telematico del modulo di iscrizione che dovrà essere inviato esclusivamente a mezzo e-mail all’indirizzo di posta elettronica: simona.zanda@provincia.carboniaiglesias.it .

Agli ingegneri partecipanti l’Ordine degli ingegneri di Cagliari attribuirà quattro crediti formativi.

Comments

comments

Leave a Reply