Sport

Amara sconfitta per la Dinamo nella prima di Champions League con la Pinar Karsiyaka, decisa da due tiri liberi di Scott Wood a 2″ dalla sirena.

Due tiri liberi realizzati da Scott Wood a 2″ dalla sirena finale, concessi per un discutibile fallo di capitan Devecchi, hanno deciso la prima sfida della regular season della nuova Basketball Champions League, ieri sera al PalaSerradimigni di Sassari, tra la squadra turca Pinar Karsiyaka e la Dinamo Banco di Sardegna: 88 a 87 (primo tempo 39 a 37 peri turchi).

E’ stata una partita molto equilibrata, bene interpretata dalla squadra di Federico Pasquini che è sempre stata a contatto degli ospiti, riuscendo anche a raggiungere un vantaggio di 9 lunghezze nel corso di uno straordinario terzo quarto, nel quale ha realizzato ben 28 punti nonostante un calo finale. A decidere l’esito del match, al di là dell’episodio finale, è stata sicuramente la deficitaria percentuale di Stipcevic, inferiore al 50%: 7 su 15.

La sconfitta brucia ma la prestazione lascia in eredità tanti elementi positivi che fanno ben sperare per la stagione appena iniziata. Straordinaria la prestazione dell’ex Avellino Levi Randolph, autore di ben 27 punti, con il 75% (3 su 4) nei tiri da tre punti e 4 rimbalzi, l’energia di Scott Bamforth, partito in quintetto e a segno con 8 punti e 5 assist, la sostanza di Rok Stipcevic (13 punti e 5 assist) e la concretezza di Achille Polonara (8 punti e 7 rimbalzi).

Nella Pinar, su tutti è emerso un grande Jarrod Michael Jones, autore di ben 29 punti.

La Dinamo già oggi ritorna al lavoro in vista del prossimo impegno casalingo in campionato, in  programma domenica contro una delle rivali storiche degli ultimi anni, Reggio Emili.

«E’ stata una partita decisa dai dettagli finali, giocata contro una squadra che non ha mai mollato neanche quando potevamo dare la spallata, nel terzo quarto. E poi quello che è successo alla fine era abbastanza prevedibile – ha commentato Federico Pasquini -. Non voglio parlare degli arbitri, ma dico che su una rimessa a quattro secondi dalla fine ci sta una difesa un po’ più maschia, abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Detto questo, dobbiamo concentrarci sul lavoro difensivo e sulla concentrazione. Come è tipico di una squadra nuova e giovane eravamo anche un po’ nervosi in campo e abbiamo perso energia pensando troppo agli errori fatti. Quello che dobbiamo evitare è proprio questo, fare alcuni minuti di gioco ad altissimo e di grande sforzo e poi fermarci due minuti a pensare troppo. Credo che tutti questi elementi si possano migliorare lavorando insieme, crescendo. C’è il rammarico di questa partita – ha concluso Federico Pasquini – ma da domani si continua a lavorare.»

Dinamo Banco di Sardegna 87 – Pinar Karsiyaka 88

(18-19; 19-20; 28-24; 22-25)

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu 6, Gallizzi, Bamforth 8, Planinic 5, Devecchi 3, Randolph 27, Pierre 8, Jones 9, Stipcevic 13, Polonara 8, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini.

Pinar Karsiyaka. Ugurlu 9, Turen 8, Guven 2, Aygunduz, Waters 13, Celep, Wood 11, Kennedy 16, Jones 29, Gulaslan, Karahan, Dogan. All. Aleksandar Trifunovic.

Comments

comments

Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply