6 July, 2022
HomePosts Tagged "Rok Stipcevic"

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna non si ferma. Al PalaSerradimigni ha battuto anche la lanciatissima Fortitudo Pompea Bologna, 86 a 80 (p.t. 40 a 43).

Non è stata una passeggiata. Nel primo quarto la squadra ospite, trascinata da Pietro Aradori, ha condotto con un buon margine, chiudendo al 10′ avanti di 6 lunghezze: 25 a 19. Il margine è cresciuto ancora nella parte iniziale del secondo quarto, con la Dinamo che faticava a trovare il suo ritmo, ma prima del riposo i biancoblu hanno iniziato ad ingranare e dal -9 sono riusciti a portarsi all’intervallo lungo a -3: 40 a 43.

In avvio di terzo quarto la squadra di Gianmarco Pozzecco s’è scatenata e la Fortitudo ha accusato il colpo, subendo un parziale di 27 a 15: 67 a 58 al 30′.

L’ultimo quarto ha visto la Fortitudo ancora in partita, capace di riavvicinarsi nelle battute iniziali, ma la Dinamo non le ha consentito di andare oltre il -5 e nel finale ha gestito il vantaggio acquisito, senza patemi, fino al definitivo 86 a 80.

La Dinamo ha chiuso con quattro uomini in doppia cifra. Il migliore è stato Michele Vitali, a lungo impeccabile al tiro ed alla fine autore di 16 punti con 4 su 5 da 1 punti, 2 su 2 da 3 punti, 2 su 3 ai tiri liberi, 6 rimbalzi, 3 assist, 24 di valutazione; Miro Bilan, 16 punti, 7 su 12 da 2 punti, 2 su 2 ai tiri liberi, 5 rimbalzi, 2 assist, 19 di valutazione; Stefano Gentile, 15 punti, 2 su 3 da 2 punti, 3 su 3 da 3 punti, 2 su 2 ai tiri liberi, 1 rimbalzo, 2 assist, 14 di valutazione; Dwayne Evans, 13 punti, in ombra nella prima metà di partita, brillante nel secondo, con 5 su 10 da 2 punti, 1 su 2 da 3 punti, 7 rimbalzi, 1 assist, 17 di valutazione.

Nella Fortidudo il migliore è stato Pietro Aradori, autore di 20 punti, 4 su 7 da 2 punti, 2 su 6 da 3 punti, 6 su 6 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 3 assist, 25 di valutazione; in doppia cifra anche Kassius Robertson (18 punti) e Henry Sims (17 punti). In ombra l’ex Rok Stipcevic, autore di 3 soli punti, una tripla (su 4 tiri effettuati).

Con i due punti odierni, la Dinamo Banco di Sardegna sale a quota 18 punti, sola al secondo posto, alle spalle della Virtus Bologna, in testa solitaria con 22 punti. E domenica prossima, al PalaSerradimigni, sarà di scena proprio la Virtus Bologna!

Marco Spissu. Fonte: www.dinamobasket.com .

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna è attivissima sul mercato dopo l’arrivo del nuovo coach Vincenzo Esposito e l’addio di Rok Stipcevic. Secondo quanto riporta “Spicchi d’arancia”, la società guidata dal presidente Stefano Sardara starebbe stringendo per chiudere l’accordo per Ousmane Diop, 18enne ala-centro senegalese con formazione italiana, che nelle ultime due stagioni ha giocato in A2 a Udine (6,6 punti e 4,1 rimbalzi di media a partita). Il giovane talento potrebbe essere acquistato a titolo definitivo dalla Virtus Feletto e sottoscrivere il primo contratto professionistico pluriennale con la Dinamo, che lo girerebbe verosimilmente in prestito (a Cagliari o per un altro anno in A2 alla GSA che ha un accordo in esclusiva per questo campionato).

Nel roster di Vincenzo Esposito, intanto – sempre secondo quanto riporta “Spicchi d’arancia” –, non sembra esserci spazio per Roberto Rullo, che potrebbe avere altre chances in A2. Al fianco del coach casertano, sembra possibile la nuova coppia di assistenti formata da Fabio Bongi, già con Vincenzo Esposito nelle ultime due stagioni a Pistoia, e Giorgio Gerosa, lasciando libero Paolo Citrini, che lavorava dal 2007 a Sassari.

[bing_translator]

Enzo Esposito pronto a firmare un biennale con la Dinamo, a Cagliari resta Riccardo Paolini. Le panchine delle due squadre sono ormai prossime alla definizione e Sassari e Cagliari (che poi sono la stessa famiglia).

La Dinamo ripartirà dalla prossima settimana gli allenamenti con Vincenzo Esposito a valutare il materiale umano a disposizione tra i giocatori sotto contratto. Il tecnico casertano ratificherà nel weekend il contratto biennale con il club del presidente Stefano Sardara e inizierà a lavorare in palestra da lunedì, agendo di concerto al confermato general manager Federico Pasquini per la costruzione del roster futuro sulla base dei contratti in essere e delle possibili integrazioni.

Da capire se si punterà sul 5+5 o sul 6+6 con la possibilità di optare per una squadra più snella se si deciderà di rinunciare alla ricerca di una wild card per la Champions League. Nella prima ipotesi il nuovo coach dovrà stabilire quali contratti italiani tra Jack Devecchi, Achille Polonara, Marco Spissu, Jonathan Tavernari, Lorenzo Bucarelli e Roberto Rullo faranno al caso dei suoi programmi, cercando poi playmaker, ala piccola e centro stranieri a supporto dei già confermati  (l’unico considerato tra gli stranieri del roster 2017-18 sembra Josh Bostic, in chiusura il rapporto con Rok Stipcevic). Vacante anche il posto di primo assistente che potrebbe essere affidato a Giorgio Gerosa, attuale responsabile del settore giovanile della Dinamo. In uscita invece Zare Markovski, destinato in un primo momento a un incarico da direttore tecnico, che non risulta gradito ad Enzo Esposito con cui i rapporti sono freddi dai tempi in cui l’italo-macedone venne esonerato a Caserta a favore dell’ex tecnico di Pistoia.

Cagliari e Riccardo Paolini hanno definito la prosecuzione del rapporto per la stagione 2018-19. In attesa di formalizzare un accordo comunque già stabilito a grandi linee, la Dinamo Lab vuole ripartire da Michele Ebeling (MVP) e dal tentativo di trattenere DeShawn Stephens che però sembra deciso ad attendere proposte da una prima lega europea. Le scelte del club saranno effettuate anche in funzione delle decisioni della casa madre Dinamo sugli italiani, a partire da Jonathan Tavernari, ma non escludendo neppure Lorenzo Bucarelli e Roberto Rullo che, tramite la nuova regola del tesseramento tecnico potrebbero muoversi da e per Sassari.

Fonte Spicchi d’arancia

[bing_translator]

La Dinamo ha lasciato questa sera alla BLM Group Arena di Trento molte delle residue possibilità di rientrare tra le otto squadre che disputeranno i prossimi play-off scudetto. La squadra di coach Zare Markovski in avvio di partita è stata sovrastata dalla lanciatissima squadra trentina, scesa in campo con uno score di sette vittorie consecutive e 11 vittorie nelle ultime 12 partite disputate e capace di arrivare al massimo vantaggio di +22.

Andati al riposo sotto di 15 punti (45 a 30), i biancoblu hanno cercato di reagire e di organizzare una faticosa rimonta, affidandosi al solito Rok Stipcevic, autore di ben 9 assist, a William Hatcher (16 punti, 3 rimbalzi, 6 falli subiti), letteralmente scatenato nel terzo quarto, Shawn Jones (miglior realizzatore con 22 punti con 7/10 da due punti e ben 9 rimbalzi), ed Achille Polonara (14 punti e 6 rimbalzi).

Ridotto il ritardo a -11 al termine del terzo quarto, nell’ultima frazione Jones e compagni hanno approfittato di un calo della formazione trentina, arrivando fino al -5 sul 74 a 69, ma a quel punto, nonostante ci fosse ancora il tempo per completare la rimonta, la Dinamo ha subito la reazione della squadra di Maurizio Buscaglia ed alla fine ha dovuto arrendersi sull’86 a 81.

La classifica è rimasta pressoché immutata, perché hanno perso le dirette concorrenti nella corsa per un posto nei play-off, la Red October Cantù sconfitta 71 a 70 a Capo d’Orlando, la Segafredo Viurtus Bologna sconfitta in casa dallo Scandone Avellino di un monumentale Kyrylo Fesenko (15 punti, 7 su 9 da 2 punti, 1 su 3 ai tiri liberi, 15 rimbalzi, 2 stoppate, 2 assist, 7 falli subiti, 34 di valutazione), per 64 a 70 e, infine, la Vanoli Cremona di Meo Sacchetti sconfitta a Varese per 89 a 79, ma il calendario non è favorevole alla Dinamo. Mercoledì sera, infatti, la Red October Cantù e la Segafredo Virtus Bologna, che hanno due punti in più della Dinamo e della Vanoli ed occupano la 7ª e l’8ª posizione, giocheranno l’ultima partita della “regular season” rispettivamente in casa contro l’Happy Casa Brindisi e sul campo della Grissin Bon Reggio Emilia, due squadre salve e prive di interessi di classifica. Una loro vittoria renderebbe inutili tutti gli sforzi di Dinamo e Vanoli, impegnate in casa rispettivamente contro VL Pesaro e Betaland Capo d’Orlando, rispettivamente penultima ed ultima in classifica.

«Bella partita, soprattutto nel secondo tempo, quando abbiamo risposto all’intensità difensiva che nel primo tempo ha fatto la differenza in favore di Trento – ha detto a fine partita Zare Markovski -. Negli ultimi 20′ siamo riusciti a girare la partita, creando sei tiri in più, arrivando a un passo dal chiudere la rimonta e portarci avanti.  Ma alla fine ha avuto la meglio Trento con la sua difesa e la capacità di dettare il ritmo, lasciandoci in affanno a inseguire. Quando abbiamo difeso alla pari avevamo le carte per girarla come volevamo, ma ci sono mancate le giocate decisive e abbiamo pagato la grande intensità che richiede giocare con una squadra come Trento. In attacco ci hanno tenuto in partita le gambe veloci di Jones e, sebbene abbiamo vinto terzo e quarto quarto di dieci punti – ha concluso il coach della Dinamo -, l’intensità difensiva dell’Aquila, che ha concesso solo 30 punti nei primi 20’, è stata decisiva.»

Aquila Basket Trento 87 – Dinamo Banco di Sardegna 81

Parziali: 24 a 15; 21 a 15; 19 a 23; 23 a 28.

Progressivi: 24 a 15; 45 a 30; 64 a 53; 87 a 81.

Aquila Basket Trento: Franke, Sutton 4, Silins 13, Forray 4, Conti, Flaccadori 20, Gutierrez 10, Gomes 7, Hogue 8, Lechtaler, Shields 21. All. Maurizio Buscaglia.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu, Bostic 6,  Bamforth 10, Planinic 4, Devecchi, Bucarelli, Pierre 2, Jones 22, Stipcevic 7, Hatcher 16, Polonara 14, Tavernari. All. Zare Markovski.

Shawn Jones.

[bing_translator]

La Dinamo Banco di Sardegna c’è ancora. Al Paladelmauro di Avellino, contro la Scandone, quarta forza del campionato, era chiamata a vincere per non rischiare di lasciare anzitempo la corsa per play-off , e non ha fallito, giocando una delle migliori partite stagionali. Netta la vittoria, nel punteggio finale, 80 a 67 (primo quarto 25 a 13, primo tempo 34 a 30), ma soprattutto nella gestione della gara, dominata, con una sola pausa, nel secondo quarto (chiuso con Avellino avanti 17 a 9).

Nella Dinamo ha brillato un super Achille Polonara (16 in 24′ ma, soprattutto, 15 punti nei primi 20′, con 3 su 3 da due punti, e 3 su 5 da tre punti e 5 rimbalzi difensivi), e con lui altri quattro uomini hanno terminato in doppia cifra: Scott Bamforth, a referto con 16 punti, 4 rimbalzi e 3 assist, 20 di valutazione: Shawn Jones, 15 punti e 4 rimbalzi; Rok Stipcevic, 11 punti e 5 rimbalzi e Josh Bostic, 10 punti. Ha debuttato in maglia biancoblu Lorenzo Bucarelli, arrivato dalla Pasta Cellino Cagliari, a referto dalla lunetta con i primi punti, due tiri liberi, nei 4′ giocati.

Nella Scandone discreta prova per l’ex Shane Laval, indimenticabile protagonista della Dinamo del “triplete”, autore di 4 punti in 23′ e 13 di valutazione; 5 punti in 29′ per l’altro ex, Lorenzo D’Ercole.

«Vittoria importante – ha commentato a fine gara Zare Markovski – ora dobbiamo pensare a conquistare la quindicesima  perché la classifica dopo 30 giornata dice che solo le prime 8 squadre proseguono la corsa. Siamo ancora lontani da ogni discorso perché è tutto in volata, possiamo solo goderci questa vittoria e pensare subito a conquistare la prossima. Abbiamo giocato una bella partita, soprattutto in difesa, e credo non sia facile su un campo come questo riuscire a restare avanti per 40 minuti. Come ho detto alla squadra nello spogliatoio poco fa – ha concluso Zare Markovski -, abbiamo meritato questa vittoria, ognuno ha dato il suo contributo cercando le nostre convinzioni difensive e appoggiandoci in attacco sui nostri punti di riferimento che il talento offensivo di questa squadra offre.»

Scandone Avellino 67 – Dinamo Banco di Sardegna 80

Parziali: 13 a 25; 17 a 9; 16 a 29; 21 a 17.

Progressivi: 13 a 25; 30 a 34; 46 a 63; 67 a 80.

Scandone Avellino: Zerini, Wells 12, Fitipaldo 2, Mavric, Lawal 4, Leunen, Scrubb 8, Filloy 11, D’Ercole 5, Rich 17, Fesenko 5, Parlato. All. Pino Sacripanti.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 3, Bostic 10,  Bamforth 16, Planinic 4, Devecchi 1, Bucarelli 2, Pierre 2, Jones 15, Stipcevic 11, Hatcher, Polonara 16, Tavernari. All. Zare Markovski.

[bing_translator]

Niente da fare, per la Dinamo Banco di Sardegna, nell’anticipo delle 12.30 al PalaSerradimigni, contro la vicecapolista e campione d’Italia in carica Umana Reyer Venezia: 84 a 92 (primo tempo 43 a 43).

Il primo tempo è stato molto equilibrato, con la Dinamo sempre in partita. Gli ospiti hanno costruito il vantaggio decisivo al rientro dall’intervallo lungo, con un terzo quarto da 19 a 26. La Dinamo ha cercato di rientrare in partita nell’ultimo quarto, trascinata da un ispirato Scott Bamforth (21 punti e 6 rimbalzi), Darko Planinic (12 punti e 6 rimbalzi) e Rok Stipcevic (13 punti e 5 assist), ma Venezia ha resistito fino alla fine.

«Nel primo tempo hanno spinto fisicamente sulla nostra difesa, soprattutto su post basso con Peric – ha commentato a fine gara Zare Markovski -. Nel secondo tempo siamo riusciti ad arginarli in questo ma il loro attacco spinto e il fatto che noi non abbiamo sfruttato situazioni di vantaggio nel mismatch hanno permesso loro di dettare il loro ritmo. Fra gli attacchi in più che abbiamo creato pochissimi erano in contropiede, abbiamo sbagliato tanto e sul piano fisico ci hanno spinto fuori dal nostro attacco. Eravamo sempre in recupero, non siamo riusciti ad imporci, cosa che certamente non potevamo fare con la fisicità ma con l’aggressività – ha concluso il coach della Dinamo -. Non siamo stati lucidi a fare ciò che dovevamo fare.»

Dinamo Banco di Sardegna 84 – Reyer Venezia 92.

Parziali: 23 a 22; 20 a 21; 19 a 26; 22 a 23.

Progressivi: 23 a 22; 43 a 43; 62 a 69; 84 a 92.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 8, Bostic 8, Bamforth 21, Planinic 12, Devecchi, Pierre, Jones 6, Stipcevic 13,  Hatcher 9, Polonara 7, Picarelli, Tavernari . All. Zare Markovski.

Umana Reyer Venezia: Haynes 18, Peric 8, Sosa, Bramos 6, Tonut 14, Daye 18, De Nicolao 8, Jenkins, Ress, Biligha 5, Cerella, Watt 15. All. Walter De Raffaele.

Foto http://www.dinamobasket.com/

[bing_translator]

Il presidente Stefano Sardara.

Ancora una sconfitta al fotofinish, per la Dinamo, nel match casalingo con la Germani Basket Brescia, valido per la decima giornata della regular season del campionato LBA. E’ finita 76 a 80 (primo tempo 43 a 44, al termine di 40′ combattutissimi ed eqilibratissimi.

Nonostante la sconfitta, la Dinamo ha fornito importanti segnali di reazione, alla prima in panchina del nuovo coach Zare Markovski, chiamato dal presidente Stefano Sardara al posto del dimissionario Federico Pasquini, con una buona circolazione di palla e una grande aggressività per 35’, ma sulla sua strada ha trovato una squadra, la Germani dell’ex Brian Sacchetti, terza in classifica, che non le ha lasciato spazio, lottando dal 1° al 40° minuto di gioco.

Nella Dinamo quattro i giocatori finiti in doppia cifra. Il migliore è risultato un ritrovato Scott Bamforth, a referto con 13 punti  3/4 da due punti e 2 assist. Bene anche Darko Planinic a segno con 12 punti, 7 rimbalzi e 15 di valutazione. In doppia cifra anche Joshua Bostic (11 punti): poco sotto la doppia doppia Shawn Jones, uscito poi per 5 falli a referto con 8 punti e 9 rimbalzi. Buon secondo tempo per William Hatcher, autore di 8 punti nella terza frazione e 5 falli subiti. Top alla voce assist Rok Stipcevic: per lui 7 cioccolatini serviti ai compagni. Importante apporto dalla panchina di Jonathan Tavernari (8 punti, 1 su 2 da due punti, 2 su 6 da tre punti), e Marco Spissu (5 punti, 1 assist).

«Penso che quando ci hanno ridotto a giocare uno contro uno con Landry e Moss in post basso, saltando la nostra pressione esterna, abbiano costruito almeno 10 punti, che alla fine hanno fatto la differenza – ha commentato Zare Markovski -. Noi quella differenza nell’uno contro uno potevamo recuperarla soltanto con un gioco di squadra, in attacco, ma non siamo stati lucidi nelle letture delle loro difese su pick&roll, magari facendo un palleggio in più e  dando più tempo al loro lungo di recuperare. Per di più il pick&roll di Vitali ha creato ulteriore differenza, lui è stato sempre lucido a passare la palla e i lunghi a leggere i suoi passaggi. Alla lunga, nell’arco dei quaranta minuti, sono state queste differenze tecniche ad impedirci di portare a casa questi due punti molto importanti per proseguire il cammino verso i playoff. La squadra ha fatto quello che doveva fare, ovviamente con tutte le difficoltà oggettive che davanti a un’avversaria come questa si sono evidenziate. Questa settimana i ragazzi hanno lavorato benissimo, sapendo che tutti devono dare il loro contributo alla causa. Continueremo a lavorare – ha concluso il coach macedone – per cercare di capire quali sono le difficoltà oggettive e quali quelle che si possono curare.»
«Innanzitutto voglio ringraziare tutti perché come sardi, come sassaresi, mi avete fatto risentire a casa, è stato davvero speciale – ha detto l’ex Brian Sacchetti -. All’inizio ero molto emozionato, è stata una gara particolare dove ho rivisto tanti amici dentro e fuori dal campo. Sapevamo che sarebbe stata una partita con grandi insidie ma noi per tutto l’arco dei quaranta minuti. Poi, nel finale, punto a punto la nostra leggerezza mentale ha fatto sì che noi fossimo più lucidi e portassimo a casa i due punti. Sono fiero di questa vittoria di squadra, vogliamo continuare così. Chiaramente, per la Dinamo non è un momento facile, ha appena fatto un cambio di allenatore e chiaramente le cose non cambiano da un giorno all’altro. Mi auguro davvero che si possa riprendere – ha concluso Brian Sacchetti -, non è tutto perduto, ci sono ancora 5 partite e credo che non sia un’impresa impossibile.»

Dinamo Banco di Sardegna 76 – Leonessa Brescia 80

Parziali: 26 a 26; 17 a 18; 20 a 20; 13 a 16.

Progressivi: 26-26; 43 a 44; 63 a 64; 76 a 80.

Banco di Sardegna: Spissu 5, Bostic 11, Bamforth 13, Planinic 12, Devecchi, Pierre, Jones 8, Stipcevic 7, Hatcher 8, Polonara 4, Picarelli, Tavernari 8. All. Zare Markovski.

Leonessa Brescia: Moore 6, Hunt 13, Mastellari 3, L.Vitali 11, Landry 13, Ortner 4, Fall, Traini, M.Vitali 19, Moss 10, Sacchetti 1. All. Andrea Diana.

[bing_translator]

Ancora una sconfitta amara all’overtime per la Dinamo Banco di Sardegna al Pentassuglia di Brindisi: 105 a 98. Joshua Bostic e compagni hanno subito l’avvio dei padroni di casa, andando sotto di due punti al 10′, 23 a 21, e di ben dieci punti all’intervallo lungo: 48 a 38. La situazione non è cambiata in avvio di terzo quarto, con Brindisi che ha raggiunto il massimo vantaggio al 25′ sul 59 a 45 con un canestro da sotto di Tepic Milenko, ed è stato a quel punto che la Dinamo ha iniziato la rimonta, che già al 30′ l’ha riportata a -6, con due triple di Joshua Bostic e Rok Stipcevic: 66 a 60. La Dinamo ha operato il sorpasso con due triple di Rok Stipcevic e Jonathan Tavernari e due liberi di Darko Planinic: 69 a 70 al 34′. Il vantaggio è cresciuto fino a +7 al 36′, con una seconda tripla di Jonathan Tavernari, margine confermato prima da due tiri liberi e un canestro da sotto di Darko Planinic (77 a 84 al 38′), poi da una tripla di Rok Stipcevic al 39′: 90 a 87! La partita sembrava decisa ma i falli, i tiri sbagliati e le palle perse hanno consentito a Brindisi di piazzare un parziale di 7 a 0, fissando il risultato sull’87 pari del 40′, per l’overtime!

La Dinamo ha iniziato avanti i 5′ supplementari, con Joshua Bostic e Darko Planinic, scattando sul +6 al 43′, 89 a 95, ma ancora una volta non è stata capace di amministrare il vantaggio ed ha subito un parziale di 16 a 3 negli ultimi due minuti, perdendo con il punteggio di 105 a 98.

Nella Dinamo i migliori sono risultati Darko Planinic (18 punti in 32′, 7 su 12 da due punti, 14 su 16 ai tiri liberi, 4 rimbalzi, 29 di valutazione), Joshua Bostic (26 punti in 44′, 5 su 7 da due punti, 4 su 9 da tre punti, 4 su 5 ai tiri liberi, 2 rimbalzi, 3 assist, 24 di valutazione) e Rok Stipcevic (19 punti in 35′, 2 su 2 da due punti, 4 su 6 da tre punti , 3 su 3 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 7 assist, 27 di valutazione).

In ombra Pierre Dyshawn (2 punti in 32′), Scott Bamforth (0 punti in 8′), William Hatcher (4 punti in 10′) ed Achille Polonara (0 punti in 20′).

New Basket Brindisi 105 – Dinamo Banco di Sardegna 98

Parziali: 23-21; 25-17; 18-22; 21-27; OT: 18-11.

Progressivi: 23-21; 48-38; 66-60; 87-87; 105-98.

New Basket Brindisi: Suggs 23, Tepic 24, Smith 18, Mesicek 7, Cardillo 1, Sirkanov, Moore 7, Iannuzzi 8, Donzelli, Lydeka 10, Giuri 7, Di Maggio. All. Frank Vitucci.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 7, Bostic 26, Bamforth, Planinic 28, Devecchi, Pierre 2, Jones 6, Stipcevic 19, Hatcher 4, Polonara, Picarelli, Tavernari 6. All. Federico Pasquini.

«Sono assolutamente disperato perché questa rimessa laterale post timeout nei momenti importanti sta diventando uno scherzo – ha commentato a fine match Federico Pasquini -. Nonostante ci stiamo lavorando tantissimo poi nei momenti importanti ci prende il panico e non riusciamo a mettere la palla in campo, di conseguenza è colpa mia. Per quanto riguarda la disamina della partita è colpa nostra, il match era chiuso e l’abbiamo lasciato andare, una sconfitta pesante perché sapevamo quanto pesavano i due punti in palio. Abbiamo trovato la quadratura del cerchio quando abbiamo smesso di giocare con le due guardie piccole, che stavano soffrendo la fisicità di Suggs e Tepic, e siamo entrati con il quintetto più grosso con Bostic da due e Pierre da tre e, infin,e Tavernari da quattro. Sicuramente nell’approccio ai primi due quarti abbiamo sbagliato il ritmo a livello offensivo e non siamo stati bravi a contenere la loro fisicità: dopo cinque minuti del terzo quarto abbiamo trovato maggiore bilanciamento con il quintetto alto e abbiamo ripreso in mano la partita. Poi ce l’avevamo in mano e abbiamo sprecato alla fine. Non ho mai visto una squadra che ci tiene così tanto – ha concluso Federico Pasquini -, che lavora così tanto e che non riesce a finalizzare, questa cosa sinceramente mi devasta.»

[bing_translator]

In vista della volata finale verso i play-off scudetto, la Dinamo Banco Sardegna Sassari sonda il mercato dei lunghi extracomunitari nell’ottica di un possibile restyling del comparto stranieri con il possibile sacrificio di William Hatcher, retrocesso a terzo playmaker dietro Rok Stipcevic e Marco Spissu nelle ultime gare contro Capo d’Orlando e Varese. Sondaggi sono in corso tra i giocatori liberatisi dalla G-League e quelli già fuori dagli Stati Uniti per un’ala-centro; tra le ipotesi al vaglio c’è Brandon Ashley, 24enne lungo (2.06 m, 104 kg, Arizona ’15) già visto in Europa nel 2015-16 all’Alba Berlino e reduce dalla stagione in G-League con i Texas Legends (16.4 ppg, 6.3 rpg e 1.3 bpg).

[bing_translator]

Fonte: http://www.dinamobasket.com/.

La Pallacanestro Varese passa al PalaSerradimigni (87 a 91, primo tempo 39 a 52) e complica la corsa della Dinamo Banco di Sardegna verso i play-off.

La squadra di Attilio Caja ha costruito la sua vittoria nel primo tempo, chiudendo il primo quarto avanti di 5 punti, 27 a 22, ed il secondo di 8, 25 a 18 (39 a 52 al riposo). Al ritorno in campo dopo l’intervallo lungo, Federico Pasquini ha dato la scossa ai suoi, e la squadra ha dato segnali di reazione, riuscendo a riportarsi in parità (62 a 62) al 29′ con una schiacciata di Achille Polonara (20 punti in 38′ con 3 su 5 da 2 punti, 4 su 7 da 3 punti, 2 su 2 ai tiri liberi, 5 rimbalzi, 2 stoppate, 3 assist, 29 di valutazione) e grazie alle ottime giocate di Joshua Bostic (24 punti, 2 su 4 da 2 punti, 5 su 9 da 3 punti, 5 su 6 ai tiri liberi, 3 rimbalzi, 5 assist, 1 stoppata, 28 di valutazione), Rok Stipcevic (15 punti, 4 assist) e Marco Spissu (11 punti, 4 assist), ed ha chiuso il terzo quarto a -7 (parziale di 23 a 16 per il 62 a 68), anche nell’ultimo quarto s’è riportata a -1 (71 a 72 al 34′ con una tripla di Joshua Bostic) ma poi ha subito ancora l’offensiva lombarda condotta da un super Wells, miglior realizzatore dell’incontro con 27 punti ed ha ceduto di misura: 87 a 91..

Il coach della Dinamo Banco di Sardegna Federico Pasquini commenta così la gara: «Complimenti a Varese, una squadra che nel 2018 sta dimostrando quello che è il suo valore e lo ha dimostrato anche questa sera perché onestamente, a parte 4-5 minuti a fine primo quarto inizio secondo quarto – quando siamo un po’ mancati a livello difensivo e ci siamo un po’ disuniti – siamo sempre stati molto presenti.  Abbiamo però giocato contro una squadra in grande fiducia e questa sera hanno fatto tantissimo canestro, con l’uomo addosso, le mani in faccia. Nel terzo e quarto quarto abbiamo fatto un grande sforzo per tornare in partita ma anche lì quando li abbiamo raggiunti nel punteggio hanno avuto sempre grande freddezza e grande lucidità per andare avanti. Bisogna riconoscere il merito di questa vittoria anche agli avversari perché hanno giocato una partita veramente di alto livello. Complimenti a loro, sono stati molto bravi a livello difensivo, sporcando palleggi e uscite che ci hanno fatto soffrire parecchio e disinnescato molti dei nostri. Varese è una protagonista straordinaria di questo campionato e lo dimostra il percorso che ha fatto fin qui, specie contro le grandi».

Dinamo Banco di Sardegna 87 – Pallacanestro Varese 91

Parziali: 22 a 27, 17 a 25, 23 a 16, 25 a 23.

Progressivi: 22 a 27, 39 a 52, 62 a 68, 87 a 91.

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu 11, Bostic 21, Bamforth 7, Planinic  4, Devecchi, Pierre 2, Jones 4, Stipcevic 15, Hatcher, Polonara 20, Picarelli, Tavernari. All. Federico Pasquini.

Pallacanestro Varese. Avramovic 6, Bergamaschi, Natali, Vene 6, Okoye 27, Tambone 3, Cain 12, Delas 6, Ivanaj, Ferrero 9, Wells 17, Larson 5. All. Attilio Caja.