Ambiente / Bonifiche

Edoardo Tocco (Forza Italia): «Subito una legge che imponga la bonifica delle strutture pubbliche, dalle scuole agli uffici».

Il consigliere regionale di Forza Italia Edoardo Tocco sollecita il varo di una legge che imponga la bonifica delle strutture pubbliche, dalle scuole agli uffici. La realizzazione di nuovi impianti di inertizzazione dell’amianto, utili a rimuovere le discariche abusive, con la possibilità di effettuare la micro raccolta di piccole quantità di eternit che i cittadini possono conferire ai Comuni. Un censimento sull’intero territorio regionale delle aree da risanare per eliminare i rischi derivanti dalle polveri disperse nell’ambiente. A rendere chiari i ritardi della Sardegna sulla cancellazione dei pericoli derivanti dalla fibra killer l’associazione regionale degli ex esposti amianto, con il presidente Giampaolo Lilliu che ha illustrato le criticità sull’emergenza dovuta alle coperture in cemento amianto. Un summit per dipingere un quadro drammatico, davanti alla platea dei consiglieri regionali Antonio Solinas (responsabile commissione ambiente), Raimondo Perra (portavoce del parlamentino che si occupa di sanità), Mario Tendas e Daniela Forma. A sovrintendere la seduta il presidente della commissione d’inchiesta sull’amianto Edoardo Tocco: «Abbiamo davanti un’emergenza difficile da affrontare senza progetti ben definiti. Secondo i dati forniti nell’Isola non basterebbero duemila campi da calcio per racchiudere i siti contaminati dalle coperture con lastre in cemento amianto, con tantissime strutture pubbliche deturpate dalla presenza della fibra killer. A partire dalle risorse – aggiunge Edoardo Tocco – con un pacchetto pari a 64 milioni di euro in cinque anni che permetterebbero di avviare un percorso virtuoso, che possa cominciare dalla mappatura dei territori contaminati sino all’approvazione di una legge per prescrivere il risanamento dei siti contaminati dalla presenza delle lastre».

La road map della commissione d’inchiesta è tratteggiata dal presidente: «Abbiamo l’onere di promuovere delle strategie che possano spingere a soluzioni in grado di migliorare lo stato di salute dei nostri centri urbani, con l’eliminazione dei potenziali pericoli per l’ambiente e le condizioni sanitarie dei cittadini – conclude Edoardo Tocco -. Non sono più rinviabili provvedimenti di contrasto contro la diffusa presenza dell’amianto in Sardegna, con la costruzione di sistemi per la rimozione degli immondezzai abusivi con lastre di eternit disseminate nelle campagne».

Comments

comments

Tags: , , , , ,

Leave a Reply