22 June, 2021
Home2014 (Page 3)

IMG_9381 copiaIMG_9450 copia IMG_9432 copia IMG_9423 copia IMG_9417 copia IMG_9383  IMG_9377 copia IMG_9376 copia IMG_9372 copia

Giornata ricca, quella odierna, per il festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, arrivato quest’anno alla sua ventinovesima edizione. Gli appuntamenti musicali sono iniziati questa mattina, con il concerto-aperitivo presso la Cantina Mesa, dalle ore 12.00, Nella sala conferenze della Cantina, dopo una breve presentazione dell’album “Possible Universe” la Conduction n. 192 del grande maestro Lawrence “Butch” Morris, scomparso nel 2013 all’età di 65 anni, pubblicato dall’associazione culturale Punta Giara, si sono esibiti Jean Paul Bourelly e Sadiq Bey in duo e Riccardo Pittau in solo. Sia Bourelly che Pittau fecero parte della Conduction 192, e la loro performance è stata chiaramente dedicata alla memoria di Butch.

Il live in Sant’Anna Arresi, registrato il 29 agosto 2010 sul palco del festival che da ventinove anni porta nel sud della Sardegna i migliori interpreti mondiali del Jazz, da chi ne ha fatto la storia sino alle avanguardie più nascoste e interessanti, si preannuncia già da ora un capitolo importante della storia del Jazz.

 Dopo una florida carriera musicale da cornettista al fianco di David Murray, Morris si distinse per l’ideazione di un nuovo tipo di conduzione orchestrale, studiata per dirigere orchestre nell’improvvisazione, creando ad ogni performance brani unici e irripetibili. La sua tecnica, da lui nominata Conduction, prevede una serie di gesti codificati, che i membri delle ensemble sanno riconoscere e impiegare in tempo reale per liberare la propria espressività musicale.

Dopo la prima Conduction, tenuta a New York nel 1985, Butch girò il mondo conducendo 199 ensemble. Non esisteva un gruppo stabile di musicisti che prendessero parte alle varie Conduction, i partecipanti appartenevano spesso al luogo in cui la performance veniva eseguita. Nella Conduction 192, infatti, affianco a ospiti eccelsi quali David Murray, Evan Parker, Joe Bowie e Hamid Drake troviamo alcuni importanti esponenti del jazz italiano come Pasquale Innarella, Silvia Bolognesi, Riccardo Pittau e Tony Cattano.

CONDUCTION® No. 192, Possible Universe

Sant Anna Arresi,  29 August 2010

Lawrence D. “Butch” Morris – Ensemble: David Murray (tenor sax and bass clarinet), Evan Parker (tenor sax), Pasquale Innarella (alto sax), Greg Ward (alto sax), Joe Bowie (trombone), Tony Cattano (trombone), Meg Montgomery (electro trumpet), Riccardo Pittau (trumpet), Jean Paul Bourelly (guitar), On Ka’a Davis (guitar), Hamid Drake (drums), Chad Taylor (drums, vibraphone), Harrison Bankhead (double-bass), Silvia Bolognesi (double-bass), Alan Silva (sinth, bass, piano).

Durante il pomeriggio, i concerti itineranti della Bandakadabra porteranno per le strade la storia del jazz afro-americano, mentre dalle ore 21:00 altri due attesi concerti si alterneranno sul palco storico del Jazz.

Apriranno la serata di lunedì al Palanuraghe i Musica ex Machina, ensemble composto da Guido Coraddu al pianoforte, Francesco Bachis alla tromba, Mauro Sanna al basso e Simone Sedda alla batteria, che presenterà La notte che arrivò l’inverno, progetto multimediale ispirato al famoso romanzo di Michail Bulgakov Il Maestro e Margherita. La performance sul palco consiste in una ricreazione dal vivo del processo creativo che ha portato la band alla creazione di un volume, edito dalla Kleiner Flug nel maggio 2014, contenente musiche composte dal quartetto, estratti del romanzo e illustrazioni delle storie eseguite dal disegnatore Francesco Frongia. Per ricreare le atmosfere suggestive del progetto, i Musica ex Machina saranno accompagnati sul palco da Monica Castigliola, voce narrante, e lo stesso Frongia, che si cimenterà nella creazione dal vivo di illustrazioni delle storie, perfezionando la performance auditiva e visiva della platea in un esperienza percettiva completa.

Per la seconda parte del progetto originale Reflections of a Parting Sky, sul palco di Sant’Anna Arresi dalle 22.30, Dorian Wood sarà accompagnato da Xavier Guimera al basso, Andrew Lessman alla batteria e le sei voci degli Echos Vocal Ensemble di Cagliari. Dopo il concerto di preludio, eseguito sabato 27, il terzetto del compositore californiano presenterà brani arrangiati nel suo consueto stile, includendo soprani, tenori e contralti per arrotondare, e talvolta affilare, la spigolosità della voce e gli accenti improvvisi ed energici del piano. Non esiste distacco emotivo tra le calme incalzanti e le urla liberatorie della catarsi musicale operata da Wood, quasi in veste di sacerdote, o terapeuta, esorcizzatore di paure e pulsioni occultate dalla routine quotidiana. Cosa diverrebbe la performance musicale di lunedì se tutto il pubblico potesse unirsi ai cori di Wood? Oltre che un irripetibile evento musicale, un’occasione per partecipare con l’anima ad un rito di armonia e collettiva purificazione? Un concerto di Wood non lascia spazio alla monotonia e può essere certamente vissuto dagli spettatori in maniere diverse e anche diametralmente opposte. Ci sarà sicuramente chi si sentirà assalito dalla voce dirompente e dagli improvvisi cambi di umore, e chi invece ne resterà affascinato, difficilmente qualcuno potrà restare in disparte senza opinione.

Terminati i concerti al Palanuraghe, la notte musicale di Sant’Anna Arresi si protrarrà nei tre Jazz Club del paese, con Jam Sessions sino a tarda notte.

Si preannuncia una serata molto particolare, un “must” per curiosi e tutti gli appassionati della musica.

“Ai confini tra Sardegna e Jazz” è organizzato dall’Associazione Culturale Punta Giara con il patrocinio di Regione Sardegna, assessorati al Turismo e Pubblica Istruzione, Ministero dei Beni Culturali, Gestione Commissariale ex-provincia di Carbonia Iglesias, Fondazione Banco di Sardegna, amministrazioni di Sant’Anna Arresi e San Giovanni Suergiu e la sponsorizzazione di Cantina Mesa di Sant’Anna Arresi e Cooperativa Pescatori di Arborea.

Dorian Wood 5 Dorian Wood 6  Dorian Wood 4 Dorian Wood 3 Dorian Wood 2 Dorian Wood 1Dorian Wood 7

Palazzo della Regione 1 copia
L’assessorato regionale dell’Industria ha pubblicato un avviso di selezione per titoli e colloquio per il conferimento di un incarico di collaborazione continuata e coordinativa per un esperto informatico con funzioni di supporto al coordinamento regionale Suap.
L’esperto selezionato avrà il compito di fornire supporto ed assistenza tecnico-informatica al Servizio bilancio, contenzioso e affari generali nel suo ruolo di coordinamento regionale Suap con riferimento al progetto complesso Suap e al progetto sperimentale Sue e, in particolare, dovrà:
– curare l’analisi e supportare la progettazione della manutenzione evolutiva del software gestionaleSuap e Sue e dei relativi applicativi;
– studiare la fattibilità ed individuare le migliori soluzioni tecniche (compresa la valutazione comparativa dei costi laddove vi fossero più soluzioni tecniche concorrenti) secondo le esigenze manifestate e le indicazioni via via fornite dal coordinamento.
Le domande di partecipazione alla selezione dovranno essere firmate digitalmente ed inviate entro il 25 gennaio 2015 all’indirizzo di posta elettronica certificata (pec) del coordinamento regionale Suap: suap.ufficioregionale@pec.regione.sardegna.it .
Eventuali quesiti potranno essere inoltrati al seguente indirizzo di posta elettronica: ind.coordinamento.suap@regione.sardegna.it .

Municipio Carbonia 1 copia

La Giunta comunale di Carbonia ha approvato diverse importanti delibere che permetteranno di realizzare numerosi interventi in varie zone della città: sistemazione di strade e marciapiedi, costruzione loculi, urbanizzazioni e climatizzazione per scuole e strutture comunali.

Una prima delibera riguarda l’approvazione del progetto definitivo per la manutenzione straordinaria, la ristrutturazione e l’adeguamento delle strade e dei marciapiedi al Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). L’intervento, di complessivi 500.000 euro, è finanziato con fondi comunali derivanti dall’assestamento di bilancio. Attraverso il progetto saranno eseguiti diversi lavori per la sistemazione dei marciapiedi e il miglioramento della viabilità, in diverse zone della città e delle frazioni. Questi interventi serviranno: a migliorare la qualità della vita urbana con interventi di tutela per i pedoni e per le persone diversamente abili e con la redistribuzione del suolo pubblico e l’aumento degli spazi destinati ai pedoni; a migliorare la qualità della circolazione dei veicoli e la sicurezza stradale. Questi sono soltanto i primi di una serie di interventi sulla viabilità che saranno realizzati in città.   

Una seconda delibera approva il progetto definitivo per la realizzazione del primo lotto funzionale per il completamento delle urbanizzazioni primarie del Piano di Zona Santa Caterina. I lavori, per un ammontare complessivo superiore ai 45.000 euro, saranno finanziati con fondi comunali. Gli interventi riguardano, in modo particolare, le zone nei pressi di via Ada Negri e la parte alta di via Balla. Saranno anche completate alcune opere, in parte già realizzate nel Piano di Zona.

Una terza delibera approva il progetto definitivo per la manutenzione degli impianti termici e di condizionamento della città, con particolare riguardo alle scuole. L’obiettivo è attivare un contratto che consenta di intervenire in maniera rapida per la risoluzione delle diverse problematiche. L’intervento, dell’importo di quasi 21mila euro, è finanziato con fondi comunali.

Una quarta delibera riguarda l’approvazione del progetto definitivo per la realizzazione di nuovi loculi nel cimitero di Carbonia. I lavori, per un importo di quasi 62.000 euro finanziati con fondi comunali, prevedono la realizzazione di numerosi loculi nella nuova parte del cimitero, in cui sono già state realizzate alcune opere di urbanizzazione.

Complessivamente gli interventi prevedono l’impegno di oltre 625.000 euro, provenienti tutti da risorse comunali.

«Grazie all’importante lavoro di assestamento di Bilancio e alle economie – ha commentato il sindaco di Carbonia, Giuseppe Casti – siamo riusciti a liberare somme importanti da destinare alla realizzazione di diverse opere pubbliche, andando incontro alle esigenze e alle richieste dei cittadini. Questi lavori saranno seguiti da altri interventi, sempre finalizzati al miglioramento della qualità dei servizi destinati alla nostra comunità.»

Palazzo del Consiglio regionale 2 copia

Il Consiglio regionale ha approvato l’Integrazione del finanziamento indistinto della spesa sanitaria di parte corrente. La seduta si è aperta sotto la presidenza del presidente Gianfranco Ganau. Dopo le formalità di rito, l’Assemblea ha iniziato l’esame dell’ordine del giorno, in base all’articolo 102 del regolamento, con il DL n. 169 – Giunta regionale – “Integrazione del finanziamento indistinto della spesa sanitaria di parte corrente”.

Illustrando il provvedimento, l’assessore delle Finanze Raffaele Paci ha ringraziato il Consiglio per aver consentito la discussione urgente della legge, chiarendo che il provvedimento ha lo scopo di utilizzare economie di amministrazione, finalizzandole alla riduzione del disavanzo specifico del sistema sanitario, tenuto conto del fatto che per l’ultima volta la spesa sanitaria è considerata fuori dal Patto di stabilità.

«Le singole poste non cambiano – ha proseguito l’assessore – si tratta solo di assicurare maggiore liquidità alle aziende sanitarie sotto-finanziate nel 2014 rispetto al fondo indistinto per circa 60 milioni, necessari prevalentemente per provvedere al pagamento dei debiti commerciali». «Per quanto riguarda la suddivisone delle somme – ha detto ancora Paci – avverrà secondo criteri standard, come se fosse un rifinanziamento del fondo indistinto». L’esponente della Giunta ha poi presentato, a voce, un emendamento aggiuntivo che prevede l’incremento del fondo perenzioni per un importo di 2 milioni e 900.000 euro, destinati al alcuni Comuni (Nuoro, Sassari ed Oristano) ed ai settori dei Lavori pubblici e della Pubblica istruzione, che senza questo intervento sarebbero stati costretti a sforare il Patto di stabilità.

Il consigliere Roberto Deriu (Pd) ha sostenuto l’emendamento proposto dalla Giunta, «misura opportuna per alleggerire la pesante situazione degli Enti locali, visto che il denaro pubblico non è della Regione ma di tutte le amministrazioni pubbliche». «Dobbiamo maturare una coscienza diversa – ha continuato esponente del Pd – perché l’insieme della spesa pubblica è di tutto il Consiglio regionale come soggetto responsabile di tutte le politiche che riguardano la Sardegna».

Il consigliere Pietro Pittalis (Forza Italia), dopo aver sottolineato la responsabilità dell’opposizione, che non ha posto questioni procedurali, ha messo l’accento sulle risorse del fondo per l’occupazione che non sono state spese nel corso dell’anno, chiedendo di conoscerne le ragioni. Si è detto infine favorevole allo stralcio riguardante Porto Conte ricerche, aggiungendo che «se la maggioranza non fa opposizione a se stessa possiamo approvare la legge in qualche minuto».

L’assessore Paci, in una breve replica, ha ribadito di aver ringraziato il Consiglio per aver consentito una procedura rapida, precisando che per ciò che concerne il fondo per l’occupazione ci si ripromette di intervenire in modo più tempestivo già a partire dalla legge finanziaria.

Non essendoci iscritti a parlare, il presidente ha messo in votazione il passaggio agli articoli, che l’Aula ha approvato con 27 voti favorevoli e 16 astensioni.

Successivamente si è aperta la discussione sull’articolo 1, al quale sono stati presentati 3 emendamenti: uno della Giunta illustrato oralmente dall’assessore Paci, uno a firma Perra- Arbau (Sardegna Vera) – “Norme di interpretazione autentica della Legge regionale 15 dicembre 2014 relativa agli interventi per la promozione e diffusione della pratica sportiva” ed uno, infine, a firma dei consiglieri Luigi Lotto-Pietro Cocco (Pd) sulle modifiche alla legge istitutiva del Parco di Porto Conte, i cui organismi di gestione svolgeranno la loro funzione a titolo gratutio.

A nome della Giunta, l’assessore Paci ha espresso parere favorevole agli emendamenti.

Subito dopo, l’Aula ha approvato l’articolo 1 della legge, con 28 voti favorevoli e 16 astensioni e, a seguire, sono stati votati ed approvati tutti gli emendamenti presentati.

Io Consiglio ha poi iniziato l’esame dell’articolo 2, che è stato approvato con 27 voti a favore e 17 astensioni e proceduto allo scrutinio finale della legge, approvato con 27 voti favorevoli e 16 astensioni.

Al termine, il presidente Ganau ha dichiarato chiusa la seduta, formulando ai Consiglieri gli auguri di Buon Anno. I lavori del Consiglio riprenderanno mercoledì 7 gennaio, alle ore 16.00.

Il Consiglio regionale si riunisce questo pomeriggio, alle ore 16.00. All’ordine del giorno il DL 169 “Integrazione del finanziamento indistinto della spesa sanitaria di parte corrente”, il DL n. 98/A “Soppressione dell’Agenzia governativa regionale Sardegna Promozione” e la proposta di legge 76/A (Gavino Manca e più) “Norme per l’istituzione di un servizio pubblico regionale per l’informazione televisiva locale e per la produzione e diffusione di programmi per la valorizzazione della lingua, della cultura e della identità sarda”.

Alle 13.00 è prevista una riunione della Conferenza dei capigruppo.

Consiglio regionale 2 copia

Giornata ricca, quella odierna, per il festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz”, arrivato quest’anno alla sua ventinovesima edizione. Gli appuntamenti musicali inizieranno dal mattino, con il concerto-aperitivo in programma presso la Cantina Mesa, dalle ore 12.00, Nella sala conferenze della Cantina si avvicenderanno due set: il duo Jean Paul Bourelly e Sadiq Bey, e Riccardo Pittau in solo, trombettista sardo presente nella formazione del live di Butch Morris.

Durante il pomeriggio, i concerti itineranti della Bandakadabra porteranno per le strade la storia del jazz afro-americano, mentre dalle ore 21:00 altri due attesi concerti si alterneranno sul palco storico del Jazz.

Apriranno la serata di lunedì al Palanuraghe i Musica ex Machina, ensemble composto da Guido Coraddu al pianoforte, Francesco Bachis alla tromba, Mauro Sanna al basso e Simone Sedda alla batteria, che presenterà La notte che arrivò l’inverno, progetto multimediale ispirato al famoso romanzo di Michail Bulgakov Il Maestro e Margherita. La performance sul palco consiste in una ricreazione dal vivo del processo creativo che ha portato la band alla creazione di un volume, edito dalla Kleiner Flug nel maggio 2014, contenente musiche composte dal quartetto, estratti del romanzo e illustrazioni delle storie eseguite dal disegnatore Francesco Frongia. Per ricreare le atmosfere suggestive del progetto, i Musica ex Machina saranno accompagnati sul palco da Monica Castigliola, voce narrante, e lo stesso Frongia, che si cimenterà nella creazione dal vivo di illustrazioni delle storie, perfezionando la performance auditiva e visiva della platea in un esperienza percettiva completa.

Per la seconda parte del progetto originale Reflections of a Parting Sky, sul palco di Sant’Anna Arresi dalle 22.30, Dorian Wood sarà accompagnato da Xavier Guimera al basso, Andrew Lessman alla batteria e le sei voci degli Echos Vocal Ensemble di Cagliari. Dopo il concerto di preludio, eseguito sabato 27, il terzetto del compositore californiano presenterà brani arrangiati nel suo consueto stile, includendo soprani, tenori e contralti per arrotondare, e talvolta affilare, la spigolosità della voce e gli accenti improvvisi ed energici del piano. Non esiste distacco emotivo tra le calme incalzanti e le urla liberatorie della catarsi musicale operata da Wood, quasi in veste di sacerdote, o terapeuta, esorcizzatore di paure e pulsioni occultate dalla routine quotidiana. Cosa diverrebbe la performance musicale di lunedì se tutto il pubblico potesse unirsi ai cori di Wood? Oltre che un irripetibile evento musicale, un’occasione per partecipare con l’anima ad un rito di armonia e collettiva purificazione? Un concerto di Wood non lascia spazio alla monotonia e può essere certamente vissuto dagli spettatori in maniere diverse e anche diametralmente opposte. Ci sarà sicuramente chi si sentirà assalito dalla voce dirompente e dagli improvvisi cambi di umore, e chi invece ne resterà affascinato, difficilmente qualcuno potrà restare in disparte senza opinione.

Terminati i concerti al Palanuraghe, la notte musicale di Sant’Anna Arresi si protrarrà nei tre Jazz Club del paese, con Jam Sessions sino a tarda notte.

Si preannuncia una serata molto particolare, un “must” per curiosi e tutti gli appassionati della musica.

“Ai confini tra Sardegna e Jazz” è organizzato dall’Associazione Culturale Punta Giara con il patrocinio di Regione Sardegna, assessorati al Turismo e Pubblica Istruzione, Ministero dei Beni Culturali, Gestione Commissariale ex-provincia di Carbonia Iglesias, Fondazione Banco di Sardegna, amministrazioni di Sant’Anna Arresi e San Giovanni Suergiu e la sponsorizzazione di Cantina Mesa di Sant’Anna Arresi e Cooperativa Pescatori di Arborea.

Dorian Wood 5 Dorian Wood 6  Dorian Wood 4 Dorian Wood 3 Dorian Wood 2 Dorian Wood 1Dorian Wood 7

Questo pomeriggio, alle ore 17.30 presso la Sede dell’Associazione Mineraria Sarda, in via Roma 39, a Iglesias, l’ing. Marco Orunesu, Geotechnical Manager della Western Areas Ltd. presso le miniere Flying Fox e Spotted Quoll, in Australia, presenterà una nota dal titolo: “Micro Sismicità in Miniere Metallifere Profonde”.

AMS Oronesu 20141229

L’Associazione Culturale Punta Giara, organizzatrice storica del festival “Ai Confini tra Sardegna e Jazz” di Sant’Anna Arresi, annuncia la pubblicazione dell’album “Possible Universe” la Conduction n. 192 del grande maestro Lawrence “Butch” Morris, scomparso nel 2013 all’età di 65 anni.

L’album verrà presentato ufficialmente durante la conferenza stampa in programma per le ore 12 di lunedì 29 dicembre, presso la Cantina Mesa di Sant’Anna Arresi. La conferenza sarà seguita da un aperitivo e i concerti di Jean Paul Bourelly e Sadiq Bey in duo e Riccardo Pittau in solo. Sia Bourelly che Pittau fecero parte della Conduction 192, e la loro performance sarà chiaramente dedicata alla memoria di Butch.

Il live in Sant’Anna Arresi, registrato il 29 agosto 2010 sul palco del festival che da ventinove anni porta nel sud della Sardegna i migliori interpreti mondiali del Jazz, da chi ne ha fatto la storia sino alle avanguardie più nascoste e interessanti, si preannuncia già da ora un capitolo importante della storia del Jazz.

 Dopo una florida carriera musicale da cornettista al fianco di David Murray, Morris si distinse per l’ideazione di un nuovo tipo di conduzione orchestrale, studiata per dirigere orchestre nell’improvvisazione, creando ad ogni performance brani unici e irripetibili. La sua tecnica, da lui nominata Conduction, prevede una serie di gesti codificati, che i membri delle ensemble sanno riconoscere e impiegare in tempo reale per liberare la propria espressività musicale.

Dopo la prima Conduction, tenuta a New York nel 1985, Butch girò il mondo conducendo 199 ensemble. Non esisteva un gruppo stabile di musicisti che prendessero parte alle varie Conduction, i partecipanti appartenevano spesso al luogo in cui la performance veniva eseguita. Nella Conduction 192, infatti, affianco a ospiti eccelsi quali David Murray, Evan Parker, Joe Bowie e Hamid Drake troviamo alcuni importanti esponenti del jazz italiano come Pasquale Innarella, Silvia Bolognesi, Riccardo Pittau e Tony Cattano.

CONDUCTION® No. 192, Possible Universe

Sant Anna Arresi,  29 August 2010

Lawrence D. “Butch” Morris – Ensemble: David Murray (tenor sax and bass clarinet), Evan Parker (tenor sax), Pasquale Innarella (alto sax), Greg Ward (alto sax), Joe Bowie (trombone), Tony Cattano (trombone), Meg Montgomery (electro trumpet), Riccardo Pittau (trumpet), Jean Paul Bourelly (guitar), On Ka’a Davis (guitar), Hamid Drake (drums), Chad Taylor (drums, vibraphone), Harrison Bankhead (double-bass), Silvia Bolognesi (double-bass), Alan Silva (sinth, bass, piano)

“‘Ai confini tra Sardegna e Jazz” è organizzato dall’Associazione Culturale Punta Giara con il patrocinio di Regione Sardegna, assessorati al Turismo e Pubblica Istruzione, Ministero dei Beni Culturali, Gestione Commissariale ex-provincia di Carbonia Iglesias, Fondazione Banco di Sardegna, amministrazioni di Sant’Anna Arresi e San Giovanni Suergiu e la sponsorizzazione di Cantina Mesa di Sant’Anna Arresi e Cooperativa Pescatori di Arborea.

Butch Morris PButch Morris R  Butch Morris O Butch Morris N Butch Morris I Butch Morris H Butch Morris G Butch Morris F Butch Morris E Butch Morris D Butch Morris C Butch Morris B

Ospedale Civile di Cagliari

Firmata il 24 dicembre l’accettazione dell’incarico, inizia il nuovo corso all’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari: il commissario straordinario Giorgio Sorrentino prenderà possesso della carica lunedì 29 dicembre 2014 negli uffici della direzione generale del San Giovanni di Dio.

«Il mio obiettivo – spiega il nuovo manager – è partire subito con il piano di rilancio dell’Azienda per farne davvero un polo di eccellenza a livello nazionale per l’assistenza sanitaria, la ricerca e la didattica. Un polo che prevede un’unica direzione e che ha nel Policlinico universitario Duilio Casula di Monserrato la sua forza. L’Azienda ospedaliero universitaria, che io conosco molto bene, ha tra le sue file professionisti di grandissimo valore in tutte le strutture.»

Sorrentino ne è convinto: «Questa è la grande squadra del’Aou di Cagliari e questa squadra porterà la Sardegna tra le eccellenze sanitarie nazionali. Il rapporto costante e proficuo tra Azienda ospedaliera, Regione e Università – conclude Sorrentino – consentirà a tutti noi di raggiungere grandi risultati e alla nostra Isola di avere una sanità moderna, tecnologicamente avanzatissima e amica dei cittadini».