10 December, 2022
Home2022Ottobre

Si svolgeranno mercoledì 2 novembre, alle 15.30, nella chiesa di San Giovanni Battista, a Portoscuso, i funerali di Franco Chighine, l’operaio 55enne dell’Eurallumina morto ieri nel tragico incidente stradale verificatosi sulla SS 126, alle porte di Iglesias. Franco Chighine viaggiava a bordo della sua moto insieme alla figlia 15enne Giorgia, quando si è scontrato, con un’auto che lo precedeva nella stessa direzione, per cause ancora da accertare.

Un secondo incidente stradale mortale si è verificato sabato sera a Guspini, nei pressi del centro abitato. Gianni Dessì, la vittima, operaio di 59 anni, sarebbe rimasto coinvolto con la sua Ape Piaggio 50 in un tamponamento con altre due auto. Trasportato d’urgenza all’ospedale di San Gavino Monreale, purtroppo, è deceduto a causa delle gravi ferite riportate.

Il mese di ottobre si chiude con un’altra centenaria a San Giovanni Suergiu. A raggiungere il traguardo del secolo di vita, la quinta nella comunità sangiovannese, è Giovanna Collu, tzia Giuannica per i compaesani di Is Urigus, frazione in cui vive.

Nata il 31 ottobre 1922. Giovanna Collu ha sempre dedicato la sua vita al lavoro, in casa e in campagna. Sposata con Attilio Cocco, deceduto 23 anni fa, ha avuto 8 figli, 18 nipoti e 6 pronipoti, tutti emozionati e radunati per l’occasione per festeggiarla.

Ancora dotata di fervida memoria, racconta episodi delle sue giornate trascorse a lavorare nei campi spesso anche durante le sue gravidanze. Donna forte e generosa, fervente cattolica, ha voluto partecipare alla messa del sabato in segno di ringraziamento per questi cento anni splendidamente raggiunti.

Alla cerimonia religiosa e alla festa che ha coinvolto tutta Is Urigus, ha partecipato la sindaca Elvira Usai che ha donato a tzia Giuannica una targa ricordo per le cento candeline spente.

«Io che sono nata a Is Urigusha detto la prima cittadinanon avrei mai pensato di festeggiare una nonnina che conosco sin da quando ero bambina.»

E’ stato un fine settimana davvero speciale, per gli atleti speciali deI Team Sardegna di Special Olympics Italia, a Carbonia e Iglesias, nei Giochi regionali di bowling che hanno visto la partecipazione di oltre 100 atlete e atleti, in arrivo da tutta la Sardegna.

Il via alle gare preliminari è stato dato sabato mattina al Bowling Club di Iglesias, in località S’Arriali ed in serata, in piazza Roma, a Carbonia, dalle 19.30 alle 21.00 circa, si è svolta la cerimonia di apertura, alla presenza del sindaco Pietro Morittu e dell’assessora dello sport Giorgia Meli, con l’arrivo della fiamma olimpica e l’accensione del tripode. La torre civica è stata illuminata di rosso, il colore del logo di Special Olympics, per puntare i riflettori sull’evento e sul significato profondo dello sport praticato da atlete e atleti con disabilità intellettive. 

La cerimonia ha suscitato grandi emozioni, con l’arrivo delle squadre e i momenti di spettacolo, sul palco allestito davanti al Municipio.

Domenica mattina nell’impianto della Rosa dei Venti, a Iglesias, si sono svolte le finali, con le specialità del singolo e della coppia unificata, in cui atleti con e senza disabilità gareggiano insieme.

Nel pomeriggio le premiazioni di tutti i partecipanti, in piazza Roma, a Carbonia.

L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Sardegna, da Coni Regionale, MSP Italia e Federazione FISB (Federazione Italiana Sport Bowling), dal comune di Carbonia e dall’Ufficio Educazione Fisica e Sport di Oristano e dal ministero dell’Istruzione, è inserita all’interno di un fitto calendario di eventi sportivi che la delegazione regionale di Special Olympics Italia ha in programma per il 2022.

Allegate le interviste con Stefania Rosas, Direttore Regionale Special Olympics; Giorgia Melis, assessore della Cultura, Sport, Spettacolo, Patrimonio e Decentramento del comune di Carbonia; Salvatore Melis, responsabile regionale Area Scuola ed Università di Special Olympics; Salvatore Aste, responsabile regionale Area Volontari di Special Olympics.

                             

Sono 344 i nuovi positivi al Covid-19 in Sardegna su 1.100 tamponi eseguiti, 21 diagnosticati da molecolare, 323 da antigenico, nessun decesso.

E’ rimasto invariato il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, 9.

Diminuiscono i pazienti ricoverati in area medica, 87 (-7).

Sono 8.258 le persone in isolamento domiciliare (+243).

Doppio appuntamento con “Paese d’ombre”, l’adattamento teatrale dell’omonimo romanzo di Giuseppe Dessì (vincitore del Premio Strega nel 1972) prodott0 dalla compagnia Figli d’Arte Medas in collaborazione con la Fondazione Dessì. Dopo aver debuttato lo scorso 18 settembre a Villacidro nell’ambito del trentasettesimo premio letterario intitolato a Giuseppe Dessì, lo spettacolo andrà in scena questo mercoledì (2 novembre) alle 20.30 al teatro Fratelli Medas di Guasila e l’indomani – giovedì 3 – alle 21.00 – a Cagliari, nella sala M2 del Teatro Massimo, ad inaugurare la rassegna Shanà Aleph.
Gianluca Medas firma la drammaturgia e la regia; Marta Proietti Orzella, Alessio Arippa, Valentino Pili, Sofia Quagliano ed Alessandro Redegoso sono gli attori in scena con le musiche dal vivo di Nicola Agus, i disegni in movimento di Fabio Coronas ed i costumi di Marco Nateri.
Lo spettacolo ricostruisce le varie fasi della vita di Angelo Uras, il protagonista del romanzo di Giuseppe Dessì, fino alla sua morte: testimone del passaggio drammatico della modernità nella vita della gente sarda, al contrario dei suoi contemporanei si pone davanti al mondo che cambia con un’attitudine aperta.

«La drammaturgia dello spettacolo scrive nelle sue note di regia Gianluca Medasci propone una favola epica interpretata da cinque attori che sulla scena con canti e cambi di intensità, accompagnati dai bellissimi disegni animati di Fabio Coronas, proiettati sul fondale scenico, trasformeranno in un volo d’ali denso di poesia la vicenda umana di Angelo Uras, creando uno spettacolo a tratti commovente che racconta la vita.»

 

“La Regione Sardegna faccia chiarezza sulla questione energia ed Eurallumina, con risposte concrete, e ordine sulla confusione che sta generando.”

E’ la richiesta fatta oggi dai segretari territoriali di Filctem Cgil Emanuele Madeddu, Femca Cisl Vincenzo Lai e Uiltc Uil Pierluigi Loi.

“In data 28 ottobre gli assessori Pili, Zedda e Lampis annunciano di aver mandato una lettera al Governo affinché si affrontino le questioni che riguardano il futuro di Euralluminascrivono in una nota i tre segretari sindacali -. Un atto positivo che va incontro alle richieste che da anni, come organizzazioni sindacali, stiamo portando avanti e per cui ci stiamo battendo. Sin qui nulla di strano se non fosse per un altro aspetto. Contemporaneamente si apprende, sempre a mezzo stampa, che la Regione Sardegna starebbe ricorrendo al Consiglio di Stato contro la sentenza pronunciata dal Tar in merito al Dpcm Sardegna contro cui la stessa Ras aveva fatto ricorso.”

“Pensavamo che la sonora sconfitta inflitta dal Tar certificata dalle motivazioni pronunciate dai giudici fossero state sufficienti, invece ci pare di capire che si dicano cose diverse in posti diversiaggiungono Emanuele Madeddu, Vincenzo Lai e Pierluigi Loi -. Ebbene, proprio qui nasce il problema. Perché al Dpcm e alla questione energetica e del Gnl che si porta appresso è legato anche il futuro dell’Eurallumina. Se salta questo, poco resta da fare per mandare avanti un progetto di investimenti che vale 300 milioni di euro e 1.500 posti di lavoro tra diretti e indotto.”

“Piuttosto, dalla Regione ci aspettiamo ancora un atto concreto e rapido sul porto di Portovesmeconcludono i tre segretari -. Perché i lavori di escavo ancora non partono ma, all’abbassamento dei fondali, è legato il futuro di ogni progetto si intenda realizzare nel polo industriale o turistico di Portovesme. Per questo motivo chiediamo all’intero esecutivo, chiarezza. E atti concreti, perché sino a oggi è stato perso troppo tempo e non ne possiamo perdere altro.”

Il Carbonia sfodera la miglior prestazione dell’anno contro la capolista Budoni, coglie un palo nel primo tempo con Nicola Muscas, va meritatamente in vantaggio in avvio di ripresa con un gran goal di Andrea Porcheddu e viene raggiunto a 3′ dal 90′ da un goal di Sandro Scioni. Al 97′ Gabriele Dore ha sui piedi il pallone della vittoria, solo davanti al portiere gallurese Vincenzo Riccio, ma calcia oltre la traversa. Finisce 1 a 1.

Carbonia-Budoni è concentrata in questa breve sintesi ma la prestazione della squadra di Diego Mingioni merita ulteriori considerazioni. Il tecnico ha preparato la partita con una meticolosità speciale, perché speciale era l’avversario, e speciale sarebbe stata la soddisfazione di riuscire a batterlo.

Raffaele Cerbone ha dovuto fare a meno di alcuni titolari ed ha presentato un tridente pesante con l’ex Giuseppe Meloni, Mauricio Villa e Giacomo Santoro. Diego Mingioni ha recuperato Mattia Pitzalis ma ha dovuto fare a meno di Andrea Mastino, in panchina ma in non perfette condizioni fisiche.

L’avvio è stato equilibrato ma con il passare dei minuti il Carbonia ha preso coscienza di potersela giocare ad armi pari ed al 33′ è andato vicinissimo al goal del vantaggio con una bella girata di Nicola Muscas, con il pallone che ha superato il portiere del Budoni ed ha finito la sua corsa contro il pallo alla sua sinistra, restando in campo.

La delusione non ha abbattuto il Carbonia che subito dopo è andato ancora vicino al goal con Andrea Porcheddu, su assist di Rafael Monteiro, ex così come Jesus Prieto.

Il Budoni nel finale del tempo è andato vicinissimo al goal del vantaggio, con una conclusione di Giacomo Santoro che su un’uscita avventurosa di Adam Idrissi su Mauricio Villa, ha calciato a botta sicura a rete con un pallonetto, trovando puntuale alla deviazione il centrale difensivo biancoblù Ayrton Hundt.

Squadre al riposo sullo 0 a 0. Al rientro in campo, il Carbonia ha impiegato poco più di un minuto per sbloccare il risultato con uno splendido goal di Andrea Porcheddu, su assist di Nicola Muscas.

Il goal e la prestazione della squadra hanno scatenato all’entusiasmo gli ultras, che per l’occasione hanno ritrovato la guida del leader storico dei Briganti Damiano Basciu.

Il Budoni, scosso dal goal subito, ha cercato di reagire, ha guadagnato campo ma ha faticato a creare occasioni importanti per tornare in parità. Un paio di parate di Adam Idrissi, diversi calcio d’angolo, un salvataggio in extremis. Il Carbonia ha sfiorato il raddoppio all’84’ con un colpo di testa di Ayrton Hundat salvato sulla linea di porta a portiere battuto. Dal goal mancato, al goal subito, come spesso accade nel calcio, il passo è stato breve. All’87’ il goal del pareggio, autore Sandro Scioni (ex Monteponi Iglesias), con una deviazione da pochi passi al centro dell’area di rigore. Da una parte la gioia dei calciatori del Budoni per il pari ritrovato quando il tempo era ormai agli sgoccioli, dall’altra la delusione per quelli del Carbonia, che ormai erano ormai vicino alla grande impresa.

Nel finale il Budoni ha cercato addirittura il goal della vittoria ma al 97′ l’unica vera, clamorosa occasione per segnare ancora l’ha costruita il Carbonia: Gabriele Dore, entrato in campo nell’ultima mezz’ora, ha ricevuto un pallone da Nicola Muscas (servito a sua volta da Andrea Porcheddu), sulla linea bianca dell’area piccola solo davanti a Vincenzo Riccio, si è coordinato per la battuta a rete ma ha calciato di esterno, spedendo il pallone oltre la traversa.

Subito dopo il fischio finale, con la disperazione di Gabriele Dore e di alcuni compagni, distesi sul terreno di gioco, delusi per la clamorosa occasione mancata.

Giampaolo Cirronis

 

Nuovo incontro in videoconferenza tra le segreterie territoriali FIOM CGIL-FSM CISL-UILM UIL, i vertici dell’assessorato regionale del Lavoro e delle Politiche sociali e l’ASPAL.
Tra gli argomenti affrontati, il rinnovo della mobilità in deroga per il 2023 e lo stato sui corsi di riqualificazione professionale riservati ai lavoratori del bacino ex-Alcoa/Sider-Alloys.
Per quanto attiene la mobilità in deroga l’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda, ha informato le organizzazioni sindacali che lo staff dell’Assessorato ha già preventivato l’importo delle risorse necessarie per la copertura dei 12 mesi del 2023, che si aggirerebbe intorno ai 10 milioni di euro.
A tal riguardo, l’assessore Alessandra Zedda, ha comunicato si Sindacati – si legge in una nota diffusa dalla UILM UIL – di aver contattato il ministero del Lavoro e di aver richiesto un incontro con la neo ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone, per valutare altre soluzioni più adeguate per gli ex lavoratori, pur mantenendo le agevolazioni ed i requisiti previdenziali per il raggiungimento della pensione.
Altro punto affrontato, riguarda i corsi di riqualificazione professionale e a tal riguardo, il responsabile ASPAL, ha assicurato che sono stati effettuati i bonifici sui saldi dei rimborsi-spese erogati per i corsisti e, inoltre, sono state riaperte le aule per gli ex lavoratori che non hanno terminato il corso precedente.
La riunione da remoto si è chiusa con il presupposto di un aggiornamento con le organizzazioni sindacali e l’assessore del Lavoro Alessandra Zedda, in attesa di ulteriori sviluppi dall’incontro che lo stesso assessore avrà con il ministro del Lavoro Marina Elvira Calderone, circa le problematiche riguardanti le aree di crisi industriali che attendono ancora risposte dal nuovo Governo.
Armando Cusa 

Sono 316 i nuovi positivi al Covid-19 in Sardegna su 2.231 tamponi eseguiti, 20 diagnosticati da molecolare, 296 da antigenico, nessun decesso.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 9 (+1).

I pazienti ricoverati in area medica sono 94 (+13).

Sono 8.015 le persone in isolamento domiciliare (+281).

Si respira aria da grande sfida allo stadio Comunale “Carlo Zoboli”, dove la squadra di Diego Mingioni ospita la capolista Budoni per la dodicesima giornata del campionato di Eccellenza. Dirige Nicola Nieddu di Sassari, assistenti di linea Mauro Biagini di Oristano e Mario Puggioni di Sassari. Partita dalle emozioni forti, tra due delle quattro semifinaliste della Coppa Italia. Il Budoni ha ripreso la sua marcia sicura dopo il doppio passo falso compiuto sui campi di Latte Dolce e Taloro Gavoi, sia in campionato (5 a 1 all’Arbus), sia in Coppa Italia, con l’eliminazione del Taloro Gavoi (1 a 1 in trasferta e 3 a 0 in casa). Approfittando del pari imposto dal Taloro Gavoi al Latte Dolce, ha riconquistato anche il primato in classifica a pari punti con la squadra di Mauro Giorico.

Il Carbonia arriva alla sfida odierna reduce dalla giornata di riposo e da un periodo positivo: 7 punti nelle ultime 3 partite giocate in campionato (vittorie interne con Calangianus e Nuorese, pareggio a Bosa) e qualificazione alla semifinale di Coppa Italia con la Tharros, grazie all’eliminazione della Kosmoto Monastir (1 a 1 in trasferta e 2 a 1 in casa). Il pronostico dice Budoni ma il Carbonia sogna l’impresa.

L’altra capolista Sassari Calcio Latte Dolce gioca a Ghilarza, contro una delle rivelazioni dell’avvio di stagione, quarta in classifica.

Giocano in casa la Tharros con il Calangianus e la Villacidrese con la Kosmoto Monastir, scontro tra due potenziali grandi tra Lanusei ed Ossese. Il Taloro Gavoi gioca ad Arbus, la Ferrini ospita il Li Punti. Completano il programma della giornata le partite Sant’Elena-Bosa e San Teodoro Porto Rotondo-Nuorese. Riposa l’Iglesias.

Le partite avranno inizio alle 15.00, unica eccezione Sant’Elena-Bosa alle 14.30.