27 September, 2022
HomeIstruzioneUniversitàIl presidente Pigliaru e l’assessore Firino hanno ricevuto ieri mattina una rappresentanza di studenti universitari.

Il presidente Pigliaru e l’assessore Firino hanno ricevuto ieri mattina una rappresentanza di studenti universitari.

Il presidente Francesco Pigliaru e l’assessore Claudia Firino hanno ricevuto ieri mattina, nei locali dell’assessorato della Pubblica Istruzione, una rappresentanza di studenti universitari, in protesta per l’applicazione del decreto del 2012 che uniforma in tutta Italia le tasse regionali per il diritto allo studio universitario: un incremento annuo di 78 euro, solo per gli studenti il cui reddito supera i 25 mila euro e che non risultano idonei né beneficiari di borsa di studio. Sono esentati dal pagamento, infatti, oltre 12 mila studenti. Inoltre, l’intero ammontare resterà all’Ersu per coprire ulteriori borse di studio.

«E’ stato un incontro costruttivo in cui è emerso chiaramente, ancora una volta, che non si tratta di un aumento delle tasse universitarie tout court, ma di un adeguamento a un obbligo di legge, esito del decreto Gelmini», dichiara l’assessore Firino ribadendo che non si è in alcun modo trattato di una scelta della Giunta regionale ma di un obbligo che, se trascurato ancora, avrebbe comportato il pericolo di contenziosi e ricorsi.

«Credo che gli studenti abbiano capito – prosegue l’assessore Firino – che è nostra intenzione tracciare un cambio di rotta sul Diritto allo studio, come abbiamo d’altronde già dimostrato con gli interventi nel 2014 che hanno aggiunto 2 milioni di euro per le borse di studio. Non possiamo e non vogliamo perdere neanche uno studente. Al contrario, è preciso interesse di questa Giunta regionale incrementare il numero dei laureati. Stiamo lavorando, infatti, per realizzare un intervento composito e complessivo, che guarda con attenzione alla residenzialità, non solo per la manutenzione e la soluzione delle tante situazioni difficili delle Case dello Studente ma anche per sperimentare nuove forme di alloggio che si combinino con gli strumenti più avanzati dell’housing sociale e con la residenzialità non studentesca, prendendo anche dalle migliori pratiche sperimentate in Europa. Con gli studenti non mancheranno ulteriori confronti, anche a breve, sulle iniziative che verranno man mano messe in campo.»

Francesco Pigliaru 4

L'assessore Claudia
Dopo l’abolizione

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT