25 September, 2021
HomeEconomiaSviluppoI Riformatori sardi propongono 50 milioni annui per i Comuni delle zone interne e un vero e proprio Piano Marshall.

I Riformatori sardi propongono 50 milioni annui per i Comuni delle zone interne e un vero e proprio Piano Marshall.

Cinquanta milioni di euro ogni anno destinati esclusivamente ai Comuni delle zone interne e un vero e proprio piano Marshall per evitare che i Comuni della Sardegna centrale scompaiano. E’ l’ipotesi di lavoro predisposta dal Centro Studi dei Riformatori sardi e in particolare da Franco Sergio Pisano. Si tratta di un primo passaggio importante per avviare una discussione sul tema, che vuole coinvolgere tutti i soggetti interessati, a partire dai sindaci dei piccoli comuni. 

I recenti dati demografici pubblicati dall’ISTAT sulla popolazione residente in Italia al 1 gennaio 2015 hanno posto in grande evidenza tutta la drammaticità del problema dello spopolamento delle zone interne che sta portando molti dei piccoli comuni ad un veloce e inesorabile processo di estinzione.

Un processo quello dello spopolamento delle zone interne, che in questi ultimi anni ha registrato una notevole accelerazione e che viene inutilmente urlato in coro da tutti i sindaci di questi territori. Un vero grido d’allarme che non può non essere interpretato come il suono della campana dell’ultimo giro mettendo in mora, in primo luogo, l’inerzia della Giunta regionale.

La prima urgente iniziativa, che la Giunta regionale dovrebbe assumere – secondo i Riformatori Sardi – è quella di cambiare radicalmente il metodo di riparto del Fondo Unico a favore dei Comuni della Sardegna, creando dei meccanismi di perequazione finanziaria a favore dei Comuni dell’interno rispetto a quelli felicemente localizzati nelle zone costiere.

FOLLOW US ON:
32 squadre da tutta
Il 15 luglio, Daniel

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT