28 November, 2022
HomeCulturaStoriaIl comune di Carbonia ha organizzato due iniziative in occasione della Giornata della Memoria 2016.

Il comune di Carbonia ha organizzato due iniziative in occasione della Giornata della Memoria 2016.

[bing_translator]

Mauthausen 1

Il comune di Carbonia, in collaborazione con l’ARCI Sardegna, il Centro Servizi Culturali Carbonia-Iglesias della Società Umanitaria e lo SBIS-Sistema Interurbano Bibliotecario del Sulcis, ha organizzato due appuntamenti dedicati ai temi della Memoria Storica dell’Olocausto e della cittadinanza attiva, in occasione della Giornata della Memoria 2016. Le iniziative sono previste il 22 e il 27 gennaio.

Venerdì 22 gennaio, alle ore 17.30, nella Biblioteca Comunale di viale Arsia, Elena Bissaca, sociologa e vice-presidente dell’associazione Deina, presenterà il libro “Noi non andiamo in massa, andiamo insieme – I Treni della Memoria nell’esperienza italiana, 2000-2015”.

Mercoledì 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, presso il Teatro Centrale di Piazza Roma, alle ore 10.00, le studentesse e gli studenti delle scuole medie superiori della città incontreranno le ragazze e i ragazzi che hanno partecipato al progetto I Viaggi della Memoria 2015, promosso da ARCI Sardegna e sostenuto dagli Enti Locali del territorio tra cui il comune di Carbonia. Per l’occasione le ragazze e i ragazzi, che hanno aderito al progetto, restituiranno la testimonianza dell’esperienza vissuta durante il viaggio che li ha visti protagonisti e durante il quale hanno avuto modo di visitare la città di Cracovia, con il ghetto e la Fabbrica di Schindler, e i campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau.

La sera, sempre presso il Teatro Centrale comunale, alle ore 20.30 la stessa restituzione sarà aperta al pubblico. A seguire verrà proiettato il breve filmato realizzato dal gruppo Sud Sardegna che ha partecipato al viaggio e il film “Corri ragazzo corri”, del regista Pepe Danquart, che racconta la vicenda di un bambino ebreo che, nella Polonia occupata dai nazisti, è costretto a fuggire per poter scampare alla deportazione.

L’associazione cul
Si inasprisce la ver

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT