31 January, 2023
HomeSpettacoloFomo (Fear of missing out) è il titolo dello spettacolo che, a Cagliari, impreziosisce la quarta edizione de Le Meraviglie del Possibile // Intertwine.

Fomo (Fear of missing out) è il titolo dello spettacolo che, a Cagliari, impreziosisce la quarta edizione de Le Meraviglie del Possibile // Intertwine.

[bing_translator]

Fomo (Fear of missing out) è il titolo dello spettacolo che impreziosisce la quarta edizione de Le Meraviglie del Possibile // Intertwine, il Festival Internazionale di Teatro, Arte e Nuove Tecnologie organizzato e curato da Kyberteatro, spin-off  della compagnia L’Aquilone di Viviana. Ancora domani, venerdì 1 dicembre, dopo il debutto di giovedì sera, va in scena a Cagliari quello che può essere considerato l’evento di punta in cartellone: a rappresentarlo, alle 21.00, allo Spazio OSC di via Newton, il Colectivo Fango, ensemble che arriva da Madrid, collettivo artistico che ha cominciato a lavorare nel 2016, prendendo come punto di partenza lo sviscerare tutto ciò che attiene alla manipolazione mediatica contemporanea.

Lo spettacolo, vincitore dell’Open Call Festival LMDP4, è diretto da Camilo Vàsquez, con Fabia Castro, Rafuska Marks, Manuel Minaya, Trigo Gòmez e la direzione tecnologica di Juan Miguel Alcarria, Fomo è l’acronimo di Fear Of Missing Out, la paura di perdersi, di perdere qualcosa, di rimanere fuori, in riferimento alla realtà virtuale. Questa fobia, profondamente legata al mondo digitale e all’iperconnessione, colpisce la stragrande maggioranza della popolazione dei paesi del mondo sviluppati. La performance teatrale è interattiva, dialoga in modo diretto con la società digitale con cui ciascuno oggi si confronta. Lo spettacolo mostra, infatti, la crisi d’identità dell’essere umano, costringe lo spettatore a osservare i nuovi modelli di comunicazione della società contemporanea e a porsi delle domande: chi siamo adesso, a che tipo di sistema o mondo apparteniamo e quale posizione stiamo prendendo? Come la tecnologia, gli smartphone e i social media hanno iniziato a manipolare e condizionare la società? Lo sviluppo delle azioni della performance crea un dialogo intenso tra gli interpreti e le tecnologie come Skype, cellulari, selfie, Facebook, Tv, Black Friday, facendo quasi perdere le linee di confine fra realtà e fiction.
Il Colectivo Fango condurrà, poi, sabato 2 dicembre (dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 18.00, allo 
Spazio OSC) il laboratorio di creazione teatrale “Fomo – Fear Of Missing Out”, rivolto ad attori/attrici, performer, registi, drammaturghi e a tutti quelli che vogliono esplorare la forma documentaristica nella teatralità attraverso le nuove tecnologie. Partendo da un lavoro collettivo che utilizza come strumento principale le reti mobili, le reti sociali e Skype, tra gli altri, verrà creato un materiale drammaturgico ex novo, utilizzando la prassi metodologica sviluppata all’interno del Colectivo Fango. Il tema su cui si indagherà sarà la paura di perdere qualcosa o di rimanerne esclusi. Il laboratorio prende spunto proprio dallo spettacolo omonimo della compagnia spagnola.

Personale ATA: rinvi
Il Consorzio Cagliar

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT