24 June, 2024
HomeIstruzioneScuolaPer la prima campanella dell’anno scolastico 2018/2019 l’assessore Giuseppe Dessena ha scelto di portare un saluto nelle scuole di Sorgono, Aritzo e Gadoni. 

Per la prima campanella dell’anno scolastico 2018/2019 l’assessore Giuseppe Dessena ha scelto di portare un saluto nelle scuole di Sorgono, Aritzo e Gadoni. 

[bing_translator]

Per la prima campanella dell’anno scolastico 2018/2019 l’assessore Giuseppe Dessena ha scelto di portare un saluto e di andare in visita nelle scuole dell’interno: Sorgono, Aritzo e Gadoni. 

All’istituto professionale per l’agricoltura e al Convitto l’assessore ha salutato i dirigenti, i docenti, il personale e gli studenti. «Sono molto contento di poter essere qui oggi – ha detto l’assessore ai ragazzi – perché questo presidio, così importante per tutto il territorio ha rischiato di essere chiuso. Grazie a un finanziamento regionale di 150mila euro, oggi posso essere qui con voi, ma soprattutto voitra questi banchi, siete posti nelle condizioni di studiare e imparare nel vostro territorio. Inoltre, per il Convitto, provvederemo al rinnovo degli arredi delle stanze: attendiamo l’invio delle schede di richiesta da parte dell’istituto». 

L’istituto agrario invece conta oggi 150 studenti e ha 10 classi. «Per una zona che soffre un così alto tasso di spopolamento – ha proseguito Giuseppe Dessena – è un risultato notevole avere un corso così seguito». 

Alla scuola media di Aritzo Antonio Mura l’assessore ha portato un saluto di buon anno scolastico alle tre classi. I ragazzi partecipano ai progetti di Tutti a iscol@ e hanno le scuole aperte il pomeriggio. 

A Gadoni, l’assessore Giuseppe Dessena ha incontrato genitori, bambini, insegnanti e dirigenti dell’istituto dove sono ospitati i bambini delle scuole elementari. «Il nostro impegno per questo istituto è forte, stiamo cercando di trovare soluzioni per consentire ai bambini più piccoli di Gadoni di avere una scuola aperta nel proprio paese. E’ impensabile fare viaggiare i pochi bambini presenti. Occorre  riportare la serenità nelle famiglie e nella comunità. Dialoghiamo con il ministero per far riconoscere i parametri che meglio si adeguano alla situazione della Sardegna».

“SulcisInclusion C
La commissione Sanit

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT