20 September, 2021
HomePoliticaConsiglio regionale della SardegnaI consiglieri regionali del Partito democratico rilanciano la proposta sul contributo a fondo perduto per le imprese

I consiglieri regionali del Partito democratico rilanciano la proposta sul contributo a fondo perduto per le imprese

[bing_translator]

I consiglieri regionali del Partito democratico rilanciano la proposta sul contributo a fondo perduto per le imprese. In una nota diffusa questa sera, inviano un messaggio forte e chiaro al presidente Christian Solinas ed alla sua Giunta. 

«La Giuntasostengono i consiglieri democraticianziché svegliarsi solo per fare proclami e annunci, o accuse, approvi immediatamente la nostra proposta sul contributo a fondo perduto per le imprese. Su questo tema i consiglieri democratici non scendono a compromessi, e sono pronti, seppure a malincuore, ad interrompere la collaborazione autonomista sino ad ora praticata con leale e limpido senso di responsabilità, che ha consentito al presidente Christian Solinas e alla Maggioranza di approvare con tempestività tutti i provvedimenti connessi all’emergenza e soprattutto la legge di stabilità e il bilancio 2020. Il presidente Christian Solinas imbocchi una volta per tutte le strade della politica e abbandoni questa insopportabile propaganda salviniana che rischia di far pagare ai sardi un prezzo più alto di quello lasciato dagli effetti dell’emergenza da Covid. Il presidente Christian Solinas non rompa questo clima di unità che con grande fatica abbiamo contribuito tutti a costruire.»
«È dall’inizio di questa emergenza che proponiamo, purtroppo inutilmente, un confronto leale alla Giunta, alla sua maggioranza e a tutto il Consiglio, offrendo la disponibilità ad approfondire, insieme, tante ipotesi di interventi, urgenti, attesi dai nostri cittadini, anche di tipo legislativo, per fronteggiare un dramma sociale ed economico di dimensioni bibliche. Dalla Giunta, purtroppo, molta confusione e numerosi ritardiaggiungono i consiglieri regionali del centrosinistra -. Da parte del presidente Christian Solinas, invece, solo comode videoconferenze dal salotto di casa, sempre per fare annunci o distribuire colpe e responsabilità altrove. Ricordiamo che è lui che ricopre la massima responsabilità del governo regionale ed è soprattutto a lui che spetta produrre soluzioni, non fare l’elenco dei buoni e dei cattivi.»
«Allora, se proprio si deve occupare dei rapporti con lo Stato, lo faccia seriamente e solleciti, con urgenza, la costituzione di quel tavolo tecnico-politico dell’accordo Stato-Regione che si sarebbe dovuto insediare già entro il 6 gennaio scorso, perché stanno proprio lì una parte delle soluzioni cercate.
I 412 milioni stanziati a stralcio e stralcio di ogni pretesa, che per la nostra Regione ha significato la rinuncia ad oltre 700 milioni di somme pregresse certificate da sentenze di Corte costituzionale e TAR, per non parlare degli altri 500 milioni per trasferimenti per le funzioni di area vasta mai arrivati, devono essere trasferiti entro il 2020 nelle casse della Regione. In alternativa quest’anno, in attuazione di quell’accordo su cui ha tristemente trionfato la Giunta regionale, arriveranno solo 7 milioni di euro. Abbiamo denunciato da subito concludono i consiglieri regionali del Partito democraticola chiusura dell’accordo al ribasso su cui, purtroppo, ha trionfato Solinas, ma abbiamo anche proposto soluzioni per una sua opportuna e possibile rimodulazione. Oggi più che mai abbiamo bisogno che vengano revisionati i termini di quell’intesa sottovalutata da questa Giunta regionale, e chiediamo che venga immediatamente approvata la nostra proposta sul fondo perduto a favore di piccole imprese, professionisti e autonomi, al fine di contenere gli effetti di una emergenza economica che altrimenti lascerà solo macerie. Da lì possono arrivare le risorse che occorrono alla Sardegna e ai sardi per una vigorosa ripartenza.»
FOLLOW US ON:
In Sardegna i risult
Sei consiglieri di m

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT