19 May, 2022
HomeSocialeServizi sociali e assistenzialiCasa Serena verso la chiusura, appello del Direttivo del PCI di Iglesias al sindaco Mauro Usai

Casa Serena verso la chiusura, appello del Direttivo del PCI di Iglesias al sindaco Mauro Usai

Il Direttivo del Partito Comunista di Iglesias prende posizione sugli sviluppi della vertenza della Casa Serena, destinata ormai alla chiusura per l’insostenibilità dei costi di esercizio da parte del comune di Iglesias.
«I nostri concittadini non autosufficienti e bisognosi, attuali e futuri, non avranno più una struttura pubblica di accoglienza tanto che si sta procedendo al trasferimento degli anziani dalla struttura residenziale Casa Serena e alla chiusura conseguente del servizio residenziale per anziani si legge in una nota -. Riteniamo assolutamente immotivata, insensibile, padronale e borghese tale decisione, e nonostante il nostro partito abbia scelto di dialogare fattivamente e confrontarsi con l’attuale sindaco anche prima della sua elezione ufficiale, non la condividiamo, anzi, mai ci saremmo aspettati una scelta politica all’insegna del ragionierismo e contro la povera gente.»

«L’inadeguatezza e la fatiscenza di Casa Serena, pur essendo una sacrosanta veritàaggiunge il Direttivo del Partito Comunista di Iglesias -, risulta tuttavia il pretesto per liberarsi di un servizio rognoso, che tale non sarebbe se fossero andati a buon fine gli oltre 2.150.000 euro pubblici finanziati per la ristrutturazione del Margherita di Savoia, dove, avrebbero dovuto trasferire gli anziani sfrattati da Casa Serena. Ci rivolgiamo al nostro Sindaco, invitandolo a riconsiderare le sue decisioni riaprendo immediatamente il Margherita di Savoia, confermando la vocazione pubblica della struttura, esistente dal 1881. Ci pare appena il caso di ricordare che i servizi sociali, come l’istruzione, la sanità e la previdenza, sono necessariamente un costo per la collettività, di cui, le uniche voci da eliminare sono gli sprechi gli abusi e le inefficienze.»
«Se non si porrà fine a questo scempio, i nostri bisognosi dovranno rivolgersi alle strutture private che notoriamente, non investono per filantropia, ma per realizzare utili, peraltro provenienti, in gran parte dal pubblico e cioè dalle tasche dei cittadini e a danno dei meno abbienticonclude il Direttivo del Partito Comunista di Iglesias -. La collettività merita scelte che considerino; 1) l’aumento significativo delle famiglie con un parente non autosufficiente, 2) che l’assistenza pubblica è meglio della privata in particolare dal punto di vista economico, 3) le gravi conseguenze occupazionali che genera la gestione privatistica nell’assistenza socio-sanitaria.»

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Nel Commissariato di
Sono 285 i nuovi cas

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT