23 May, 2022
HomeRegioneEnti locali“Insuperabile la staffetta dell’inclusione” 1.000 km di solidarietà a cui la Sardegna risponde presente

“Insuperabile la staffetta dell’inclusione” 1.000 km di solidarietà a cui la Sardegna risponde presente

È iniziata il 14 agosto e si protrarrà fino al 12 settembre “Insuperabile – La staffetta dell’inclusione” un emozionante e avvincente viaggio​ da Nord a Sud, dal Gran San Bernardo fino a Roma in cui verranno toccati e attraversati Borghi e Città di rara bellezza, in un viaggio lungo 1.000 km compiuto da persone con fragilità fisiche e cognitive,​ provenienti da tutta Italia, e che​ unite porteranno un grande messaggio di​ inclusione e speranza.

“Insuperabile” di questa ambiziosa iniziativa, una vera e grande impresa che si potrà realizzare grazie al contributo di ogni partecipante, che attraverso un gesto semplice come il cammino o la pedalata (in tandem)​ contribuirà alla copertura dell’intero percorso.

La Sardegna sarà rappresentata dall’Associazione Diversamente ODV e dalla ASD Progetto Filippide Cagliari e Sud Sardegna, associazioni entrambe dedicate al miglioramento​ della vita delle persone autistiche e delle loro famiglie anche attraverso lo sport e la socializzazione.
Alla delegazione sarda composta dai ragazzi delle due associazioni, che già da un mese si stanno preparando per questa grande impresa, viene affidata la grande responsabilità nonché gioia​ di portare “in porto” la Staffetta raccogliendo il testimone a Bolsena per arrivare a Roma dopo ben 6 giorni di cammino e 145 km in cui verranno attraversate: Montefiascone, Viterbo, Vetralla, Sutri, Campagnano, Formello, La Storta​ per poi arrivare a Roma e direttamente in Piazza San Pietro per dichiarare la missione compiuta.

«Grazie al sostegno concreto di tante persone, lavoriamo ogni giorno per cercare di offrire ai nostri figli la possibilità di godere delle stesse opportunità garantite alla generalità della popolazione, proprio come previsto dalla Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità – ha detto il presidente Pierangelo Cappai -. Tutti i nostri progetti sono mirati ad implementare le autonomie personali ed entrano a far parte del loro progetto di vita, sempre personalizzato. La partecipazione al progetto Insuperabile, rappresenta una vera e propria sfida che abbiamo accolto con molto entusiasmo e che permetterà ai nostri ragazzi di mettersi ancora una volta alla prova e di poter dimostrare che garantendo il giusto supporto tutti i limiti sono superabili».

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Deteneva in casa, a
Cambio di programma

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT