25 May, 2024
HomeSanitàSanità. Quando la pezza è peggio del foro – di Graziano Lebiu

Sanità. Quando la pezza è peggio del foro – di Graziano Lebiu

La giornata di sabato 13 agosto è stata venduta da qualcuno (anche a ragione) come una data storica, una soluzione originale, il frutto dell’oceanica e straordinaria presenza di un fronte compatto di primi cittadini per la garanzia del diritto alla salute dei loro amministrati nei 23 comuni del Sulcis Iglesiente, ai quali si sono aggiunti Siliqua e Teulada.

La sequenza temporale è invece un saldo di fine stagione, perché ad estate climatica abbondantemente in corso, tanto quanto l’emergenza sanitaria, i sindaci e i sindacati confederali strappano un impegno “straordinario” che straordinario non è, perché anticipato dal DG Asl Sulcis d.ssa Campus all’ultima Conferenza Socio Sanitaria di martedì 2 agosto, ma soprattutto perché già nel giugno 2022, quindi sessanta giorni fa, Ares Sardegna diretta dal DG Tomasella aveva pubblicato l’avviso per l’affidamento a privati dei servizi di pronto soccorso da luglio a settembre.

Dove sarebbero, quindi, la novità vera e la vittoria a tutto campo, dopo 6 ore di confronto addirittura serrato in Commissione Sanità in Consiglio regionale al cospetto di tutti, tutti, i nostri sindaci?

Verranno noleggiati neolaureati e non specializzati per poter tenere aperti punti denominati di primo soccorso che quando si chiamavano Pronto soccorso erano privi di professionisti sanitari e carenti in salute e sicurezza non solo per il personale. Con i medici in affitto la carenza di salute e sicurezza, non solo permane in tutta la sua interezza, ma potrebbe addirittura aumentare drasticamente.

È questa la vittoria? È questo il risultato atteso? Ci si può accontentare? Sarà davvero risolutivo o tutto si ripresenterà più criticamente di prima?

Noleggio di neolaureati: una Uber sanitaria.

Siamo ad agosto inoltrato, a settembre già abbiamo un limite temporale da affrontare, sempre che tutto vada bene, e questo è un primo elemento per una più cauta esultanza.

I Pronto Soccorso degli ospedali di Ghilarza, Oristano e Bosa sono stati i primi avamposti tra i 12 “punti di primo intervento” dove la sanità sarda affitta. È questo è un secondo elemento di cautela: hanno di fatto declassato il Pronto Soccorso del CTO di Iglesias a “punto di primo intervento”.

Iglesias è, in Asl Sulcis, la città con il Presidio ospedaliero che in questo momento è in maggiore sofferenza (domani il cerino acceso tornerà al Sirai o ai Distretti e poi nuovamente al CTO…) a causa delle carenze negli organici del medici ma anche degli infermieri, per cui nessuno ieri ha speso una parola, tra l’indifferenza generale.

L’Ordine Professioni Infermieristiche Carbonia Iglesias non è stato coinvolto e nemmeno invitato a partecipare alla manifestazione del 4 agosto in Cagliari, e il livello del dibattito ne ha certamente risentito, ma questa è un’altra storia.

Le ore necessarie a coprire i turni che non si possono affidare a dirigenti medici già incardinati in altri reparti e servizi, vedranno i medici in affitto coprirle con turni h. 24 nella gestione sia del “triage minore” che per i codici gialli e rossi, e sempre in turni da h. 24 ore per le gestione delle urgenze e dei casi meno gravi, terzo elemento da tenere in debita considerazione.

Gestione dei casi meno gravi, per i casi più gravi citofonare dove?

Altre domande in libertà: un Pronto Soccorso, pur declassato a Punto di Primo Intervento non è per antonomasia luogo per l’emergenza? E in un ambiente sanitario per l’emergenza sanitaria, se ne appalta la gestione a neo laureati e privi di specializzazione e alla quale gara possono concorrere sia singoli sia eventuali associazioni ed operatori economici?

Tutti ripetono più volte che il Servizio Sanitario Regionale non  privatizza la salute, non smantella, non chiude, anzi raddoppia, ma il ricorso ai medici in affitto quindi a figure professionali poco esperte (quarto elemento di alert…) rispetto al necessario nel Sulcis Iglesiente, non risponde alla domanda di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro per assistiti e professionisti sanitari.

E la sicurezza è come già suesposto il quinto elemento da tenere sotto lente d’ingrandimento perché se il Pronto Soccorso Cto è stato chiuso perché non era garantita, con i medici in affitto resta comunque a rischio.

Manca poco sia al 13 agosto che al 30 settembre. Prudenza.

Asl Sulcis è, di fatto, costretta a ridimensionare la qualità delle risposte assistenziali alle domande di emergenza e urgenza e non solo al piano terra ma anche ai Blocchi operatori e alle Chirurgie, ed il Pronto Soccorso del Cto è seriamente a rischio di declassamento.

Ma tutti plaudono ed applaudono quando ci sarebbe da strapparsi le vesti, ed invece di cambiare l’intera camera d’aria si esulta per una pezza peggiore del foro.

Da notare, sesto elemento critico, l’assoluto silenzio dell’ordinistica di riferimento alla notizia del ricorso ad Uber Medica nella gestione diretta dei posti di Pronto soccorso/Primo intervento nel Sulcis Iglesiente, come se affidare ai privati la gestione di un servizio così essenziale e centrale non possa essere considerato inopportuno, con costi importanti da evitare di sperperare, con “noleggiati”  con motivazioni professionali tutte da verificare e con recensioni al limite dell’inenarrabile dove l’affitto è già una triste realtà. Insomma, parrebbe una questione che non interessa l’Ente di Diritto Pubblico Non Economico Sussidiario della Stato e vigilato dal Ministero della Salute quali sono gli Ordini Professioni Sanitarie Mediche.

Silenzio anche sulla disposizione di servizio, settimo elemento di qualcosa che stride, che indica che alcuni medici chirurghi vengano assegnati altrove rispetto alla sede di appartenenza, mettendosi a disposizione del direttore MECAU in ASL Sulcis.

Si trasferiscono professionisti sanitari medici da un servizio ad un altro, da un presidio ad un altro, per tamponare un vuoto in dotazione organica conseguente ad aver già precedentemente trasferito professionisti sanitari medici da un’altra ed aprendo una crepa ulteriore nei già ridimensionati diritti alla salute dei cittadini?

I medici in affitto sarebbero quindi destinati al rinominato Punto di Primo Intervento che prima di fine giugno non era in sofferenza e rappresentava un avamposto importante come Pronto Soccorso. Medici in servizio nelle Chirurgie di ASL Sulcis idem, destinati al Punto di Primo Intervento del CTO di Iglesias. Della riduzione delle attività dei reparti di Chirurgia e dei Blocchi Operatori se ne parlerà quando?

Ultima domanda: ma destinare di affittare da Uber Sanitaria solo al luogo dove si era creato l’impasse che ha generato quanto è ancora sotto gli occhi di tutti, no? 

Graziano Lebiu

Presidente OPI Carbonia Iglesias

POST TAGS:
FOLLOW US ON:
Il presidente dell'I
Sabato 3 settembre 2

giampaolo.cirronis@gmail.com

Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT